Cerca

Chi sgomita per un posto

Elezioni europee, ecco tutti i riciclati da 18mila euro al mese

Magdi Allam, Alemanno, Di Pietro, D'Alema e Scajola

Cinque anni in Europa, con uno stipendio da 18mila euro al mese: quello assicurato dallo scranno da eurodeputato tra paga base, diarie, bonus e indennità giornaliere e di trasferta. Un posto ambito che ci si giocherà alle elezioni del prossimo maggio. Un'occasione per mettersi alla prova, per dimostrare di avere ancora un peso elettorale o, semplicemente, per riciclarsi ed essere lautamente pagati. Scatta così la lotta per ottenere un posto in lista. Lotta durissima per chi, per esempio, è stato "trombato" dal Parlamento italiano.

Il ritorno di Baffino - L'Espresso ha stilato una lista di tutti i "riciclandi" che cercano lo scranno europeo, tra i quali svetta - e non è un mistero - Massimo D'Alema, fatto fuori dal Parlamento alle politiche del 2013 e che, ora, Matteo Renzi potrebbe anche essere disposto a spedire in Europa pur di diminuire la tensione tra il premier e la vecchia guardia del Partito democratico. Non a caso, pochi giorni fa, D'Alema ha dichiarato polemico: "Non ho ruoli nel Pd. Il mio partito è in Europa, è il Pse". Una frase con cui, nei fatti, ha preso le distanze da Renzi e ha rivendicato la sua possibile candidatura. Secondo le ultime indiscrezioni, però, Renzi non vorrebbe dare il suo definitivo ok alla candidatura; Baffino così potrebbe cercare di correre nelle fila del Psf francese o della Spd tedesca (senza preferenze: nei due Paesi, infatti, le liste sono bloccate).

L'uomo di Ceppaloni - La lista prosegue poi con un eterno ritorno, quello dell'uomo che viene da Ceppaloni, Clemente Mastella, che già con il Pdl prese 115mila preferenze nella sua Benevento. Secondo le indiscrezioni, dopo i tuffi nel centrosinistra e i ritorni nel centrodestra, Mastella starebbe trattando per un posto in lista proprio con il Cavaliere e Forza Italia (e, dopo l'addio di Angelino Alfano e degli esponenti del Nuovo centrodestra, tra gli azzurri c'è più spazio). Quindi un altro "grande vecchio" della politica nostrana, Ciriaco De Mita, anni 86, che non vorrebbe mollare. Ora l'ex segretario della Dc è in rotta con l'Udc (in cui è confluito dopo la rottura con il Pd di Walter Veltroni); così un posto in Europa potrebbe trovarlo facendo un nuovo "passo indietro". Girano infatti delle voci sul suo possibile ritorno nel Pd. Altra strada percorribile, per De Mita, è quella del listone di centro: l'importante è essere candidato.

Sciaboletta affilata - C'è poi Claudio Scajola, l'ex ministro dello Sviluppo recentemente assolto per la questione della casa al Colosseo "a sua insaputa". Dopo essere uscito senza macchia dal tritacarne giudiziario, "Sciaboletta" - contando sul suo cospicuo consenso in Liguria - vorrebbe far valere il suo peso elettorale proprio alle europee. Recentemente ha dichiarato: "Servirebbe una sfida e a me piacciono le sfide. Mi piacerebbe vedere se i cittadini del Nord-ovest fanno un segno sul mio nome". Vedremo, appunto. Quindi un riciclato d'eccezione, Antonio Di Pietro: la sua candidatura è quasi certa. Dopo i clamorosi insuccessi con Idv e Rivoluzione Civile, l'ex pm ha fatto sapere di voler tornare in pista. In una delle ultime riunioni del suo partitino, però, Tonino è finito in minoranza; i suoi gli hanno rimproverato: "Non puoi invocare il ricambio e poi essere il capolista in tutte le circoscrizioni" (questa, infatti, sarebbe la sua intenzione per "blindare" candidatura e scranno, blindatura comunque difficile poiché i consensi dell'Idv sono ai minimi termini).

Da Magdi a Vittorio - L'elenco si allunga poi con Magdi Cristiano Allam, che dopo l'addio all'Udc di Casini è passato ai Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni. E con la nuova Alleanza Nazionale potrebbe trovare spazio anche la candidatura di Gianni Alemanno, ex sindaco di Roma e oggi consigliere comunale d'opposizione al Campidoglio. Per contrappasso, anche Goffredo Bettini, ex animatore della sinistra romana e grande artefice della sconfitta alle urne di Alemanno contro Marino, potrebbe trovare un posto all'Europarlamento tra le file del Pd. Infine una chiosa su Vittorio Prodi, fratello di Romano, già europarlamentare che, in cerca di riconferma, dopo il "niet" di Renzi, avrebbe deciso di rinunciare alla politica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    09 Marzo 2014 - 12:12

    insomma, se non si suicidano dobbiamo per forza mantenerli noi cittadini... loro da soli, lavorando come tutti, non sanno vivere. A questo punto mi chiedo : perchè farli vivere ?

    Report

    Rispondi

  • milibe

    09 Marzo 2014 - 10:10

    parlamento europeo risorsa dei trombati: andiamo avanti così e non arriveremo da nessuna parte, CAMBIARE!

    Report

    Rispondi

  • pino&pino

    09 Marzo 2014 - 09:09

    Che schifo i riciclati. Ti ricordi "secco" quando nelle liste entravano quasi esclusivamente papponi e prostitute? Che tempi quei tempi..... Minetti, Razzi, Carfagna, Zanicchi, Formigoni, Pascale, Cosentino.... che tempi quelli di Farabbuttilandia.

    Report

    Rispondi

    • argo92

      09 Marzo 2014 - 19:07

      si nota benissimo la limitazione del tuo cervello da lombrico rosso tu sei il primo che fa skifo non a casa la k

      Report

      Rispondi

  • lillo44

    09 Marzo 2014 - 09:09

    ...................la musica è sempre la stessa, si esce dalla porta ma rientrano tutti dalla finestra!!! Avanti tutti, In Europa c'è posto per tutti nel pozzo di San Patrizio: politici silurati e/o scomparsi, attori, cantanti ecc. e il fine settimana è garantito per tutti!!! La politica è altra cosa per questi miracolati!!! Usciamo da questa Europa e avanti con il cambio generazionale!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog