Cerca

Verdetto-boomerang?

Quote rosa, la Camera boccia gli emendamenti col voto segreto

Quote rosa, la Camera boccia gli emendamenti col voto segreto

No alle quote rosa: l'Aula della Camera ha bocciato a scrutinio segreto tutti e tre gli emendamenti che prevedevano rispettivamente l'alternanza uomo/donna nelle liste elettorali (335 no), quello sulla parità perfetta tra capilista uomo e donna 50 e 50 (344 no) e quello sul bilanciamento massimo 60-40 (298 no e 253 sì, il più combattuto). E ora il premier Matteo Renzi, che sulla parità di genere ha di fatto alzato le mani rimettendo tutto al libero voto (segreto) di Montecitorio per non creare fratture insanabili con Forza Italia, rischia seriamente la rappresaglia delle donne del Pd. Il presidente della Camera Laura Boldrini ha preso atto dei malumori dell'Aula, in particolar modo della porzione femminile, e ha convocato la riunione dei capigruppo per capire come procedere con il resto della votazione che dovrebbe dare il via definitivo alla nuova legge elettorale. Seduta sospesa, si riprenderà con la votazione martedì. L'impressione è che il sì ci sarà, ma costerà molto caro a Renzi. La vendetta ora non arriverà a Montecitorio, ma potrebbe essere servita fretta, a Palazzo Madama, dove i senatori non garantiscono coesione e maggioranza necessaria per blindare alcunché.

Renzi: "Il Pd garantirà l'alternanza" - L'imbarazzo nel Pd è tangibile. C'è chi come Francesco Boccia, lettiano di ferro, sottolinea il fallimento dei "due forni" voluti dal premier, con la maggioranza tra dem e Forza Italia "che non c'è, o sulle quote rosa ha deciso di votare contro, mancando un'occasione storica". Le donne fanno blocco e accusano: "Sono stati traditi i patti". Renzi non può far altro che abbozzare: "Il Pd rispetta il voto del Parlamento sulla parità di genere - è il suo commento su Facebook -. Ma rispetta anche l'impegno sancito dalla direzione su proposta del segretario: nelle liste democratiche l'alternanza sarà assicurata. Ho mantenuto la parità di genere da presidente della Provincia, da sindaco, da segretario, da presidente del consiglio dei ministri. Non intendo smettere adesso". Il guaio è che la questione, da ideologica, potrebbe diventare ben presto tutta politica.

Il fronte comune delle deputate - I tre emendamenti bipartisan erano stati firmati e sostenuti da decine di deputate, dal Pd a Forza Italia. Mancando un accordo tra i partiti, il governo ha deciso di alzare bandiera bianca (come il vestito indossato dalle pasionarie della parità di genere, oggi a Montecitorio), anche per evitare rotture ben più gravi e far saltare, così, tutto l'impianto dell'Italicum. Renzi l'aveva già detto domenica sera da Fazio a Che tempo che fa: non ne avrebbe fatto questione di vita o di morte. Ma col "sabotaggio" sulle quote rosa avrà mezzo partito (quello in gonna o tailleur) contro, e un'altra parte di democratici maschi pronti a spalleggiare le colleghe pur di mettere in difficoltà il premier, che poco si è speso per inserire la parità di genere nella legge. E non è un caso che già molte, a cominciare da Alessandra Moretti, puntino il dito contro le ministre dem, Maria Elena Boschi in testa, troppo silenziose e abbottonate. 


Gli accordi con Forza Italia - Per ora, però, quel che importa a Renzi, al di là delle battaglie ideologiche,  è portare a casa il malloppo. Molto più importante, dal suo punto di vista, la tripletta incassata sempre in questa giornata tumultuosa. Con Forza Italia è stato raggiunto l'accordo sui collegi, ridotti dai 148 iniziali a 120, con il governo che ha 25 giorni per presentare la ripartizione. Sì a un massimo di 8 multi-candidature, mentre da piazza San Lorenzo in Lucina il coordinatore azzurro Denis Verdini ha ritirato i cosiddetti emendamenti "salva-Lega", quelli cioè che consentivano ai partiti ad alto radicamento territoriale di entrare in Parlamento anche senza superare lo sbarramento nazionale del 4,5 per cento. "Salva-Lega" o "Salva Cosentino", come qualcuno maliziosamente a sinistra aveva sussurrato, prospettando trame avallate dallo stesso Renzi. 

di Claudio Brigliadori

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    11 Marzo 2014 - 09:09

    La parità di genere è un raggiungimento culturale, un moto di crescita della società e non lo si ottiene per legge occorre cominciare da lontano, dalla scuola, quella strana istituzione che in Italia non esiste. Se poi, attraverso la legge e le scelte di partito ci troviamo tra le scatole le varie Boschi, Carfagna, Moretti, Pascale e co. Allora è meglio lasciar stare!

    Report

    Rispondi

  • biasini

    11 Marzo 2014 - 09:09

    Premesso che non so chi sia Lorena Bobbit e non mi interessa saperlo, questi si baloccano con le quote rosa mentre il paese va a putt... Sono tanto dementi da non accorgersi di consegnare la vittoria a Grillo su un piatto d'argento. Una manica di idioti incapaci.

    Report

    Rispondi

  • giansoncini

    11 Marzo 2014 - 01:01

    CARI POLITICI MASCHI AVETE VOLUTO LE DONNE BELLE IN POLITICA, ORA TENETEVELE. Ben vi sta! Le donne, non sono adatte alla politica perchè generalmente hanno una visione femminile, o meglio particolare della società che rappresentano, piuttosto che globale così come si richiede ad ogni parlamentare! Dove le donne occupano posti di alta responsabilità, prima o poi succedono sempre dei casini.

    Report

    Rispondi

  • dulbecco2

    10 Marzo 2014 - 22:10

    meno male!! basta la meritocrazia..le quote non servono

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog