Cerca

I movimenti del premier

Renzi, il mistero della casa in affitto

Matteo Renzi

Ieri all’ufficio anagrafe del comune di Pontassieve, in provincia di Firenze, sono arrivate almeno tre chiamate dello stesso tenore. Tre giornalisti di diverse testate hanno telefonato per sapere se il premier Matteo Renzi fosse residente nella cittadina. All’ennesima richiesta l’impiegata è sbottata: "È residente qui da gennaio, ma perché fate tutti la stessa domanda?". La risposta è semplice: il dipendente comunale Alessandro Maiorano, censore al limite dello stalking del presidente del Consiglio, lo scorso 22 gennaio sul sito «Laretenonperdona» ha posto tre quesiti a Renzi proprio sul tema della sua residenza  e sui motivi del suo trasferimento al di fuori del nucleo famigliare. Infatti l’uomo, denunciato dall’ex sindaco di Firenze per diffamazione, aveva appreso in tribunale che il celebre querelante viveva ufficialmente nel capoluogo toscano. Non soddisfatto, il 27 gennaio, Maiorano chiede il certificato di residenza di Renzi e apprende che il premier dal 13 novembre 2009 al 13 marzo 2011 ha portato il proprio indirizzo in via Malenchini e dal 14 marzo 2011 sino a quest’anno in via degli Alfani, poco distante da Palazzo Vecchio. Scopre anche che il 23 gennaio, il giorno successivo alla pubblicazione dei «tre quesiti», era "avvenuta la sua (di Renzi ndr) emigrazione per Pontassieve". 

Nel suo articolo Giacomo Amadori riporta  l'esposto dello stesso Mariorano che solleva dei dubbi sulla buona fede di Renzi "non è che abbia fatto una furbata per evitare la pagare le gabelle?" ed evidenzia anche il "giallo" su chi pagasse l'affitto al futuro premier.

Leggi tutti i dettagli nell'articolo di pubblicato oggi, martedì 11 marzo, su Libero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Napolionesta

    11 Marzo 2014 - 18:06

    il pifferaio toscano si sara`sicuramente comprato la casa lavorando onestamente.......

    Report

    Rispondi

  • gibuizza

    11 Marzo 2014 - 13:01

    Tohh guarda, i censori di Scajola, moralisti, giustizialisti, violenti, sono diventati dei vermicelli che difendono il loro bimbominkia da questi cattivi giornalisti che osano mettere in discussione la sua profonda onestà. Si, tanto profonda che non si vede.

    Report

    Rispondi

    • blu521

      11 Marzo 2014 - 18:06

      Ma cosa vuol vedere in uno, che questo stesso giornale chiama renzusconi? Il nome non le basta? Quanto a scajola, siamo in una forma d'arte inarrivabile per gli umani. Il nano, molto più modestamente, lascia che il partito gli paghi metà affitto di palazzo grazioli

      Report

      Rispondi

  • struzzo

    11 Marzo 2014 - 10:10

    Come sempre , appena c'è' qualcuno che mediaticamente fa ombra al vs. Silvio , vi precipitate come avvoltoi a cercare motivi per sputtanarlo ; complimenti per il vs. Giornalismo di " qualità' "

    Report

    Rispondi

    • lafinedelmondo

      17 Marzo 2014 - 15:03

      Evidentemente il pinocchietto non è così trasparente come vuol far credere... se uno non ha scheletri nell'armadio non deve temere nulla!!! W il nuovo che avanza...mah, vedo che è identico al vecchio.

      Report

      Rispondi

  • blu521

    11 Marzo 2014 - 10:10

    Che faccia come il nano pregiudicato che fa pagare metà affitto di palazzo grazioli al partito?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog