Cerca

La campagna di Silvio

Berlusconi si candida alle Europee
e sfida la Merkel

«Ma chi è che va in giro a dire che non mi candido?». Tipico di Silvio Berlusconi. Quando tutti lo danno in panchina, anzi, in disarmo, lui smarca e riscende in campo. Perché proprio non è nel suo Dna cedere il passo a un altro. E neanche farsi di lato. Quindi, dopo aver ascoltato dai suoi consiglieri i pro (Toti) e i contro (Verdini) di una sua corsa in Europa, alla fine, come sempre, il Cavaliere ha deciso di dar retta solo alla pancia. E al suo odio viscerale contro i magistrati: «Mi state privando del diritto di esercitare a pieno la mia leadership e state togliendo il diritto di rappresentanza politica a una larga fetta dell’elettorato italiano, impedendo all’ultimo premier che ha ottenuto un mandato popolare di ricandidarsi». È questa la sfida che Berlusconi lancia ai giudici per interposta persona, parlando con i suoi fedelissimi, ai quali ieri ad Arcore ha annunciato la sua decisione di candidarsi alle Europee, «alla faccia della magistratura e della legge Severino». Sarà dunque di nuovo lui il capitano della squadra azzurra nella “Champions” del 25 maggio. Ci sarà sempre lui nel simbolo di Forza Italia. Non “un” Berlusconi (Marina, Barbara, Pier Silvio), ma “il” Berlusconi, Silvio, pronto a misurarsi in prima persona per la quinta volta con le urne di Strasburgo.

E pazienza se scatenerà una guerra di carte bollate, che è persa in partenza. Già, perché per effetto della legge Severino sull’incandidabilità di chi ha riportato condanne definitive a pene superiori a due anni, Berlusconi non potrà candidarsi. Né ora e neppure nei prossimi sei anni. Si scriveranno fiumi di pagine sull’odissea del Tar, con tutta la sequela di ricorsi e controricorsi, che rischiano seriamente di annullare una montagna di voti e quindi di vanificare la corsa forzista alla conquista dell’Europarlamento. Ma Berlusconi è pronto ad affrontare tutto questo pur di giocarsi quella che forse sarà la sua ultima partita elettorale, almeno in Europa.

L’idea lo tentava già parecchio. A indurlo ulteriormente in tentazione è stato il divieto impostogli dai giudici di partecipare all’ultimo congresso del Ppe, che lo ha fatto andare su tutte le furie. Ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il resoconto dei parlamentari azzurri reduci da Dublino. «È surreale che noi di Forza Italia, che siamo stati rilevanti per eleggere il futuro candidato alla Commissione europea – Jean Claude Juncker che sfiderà Martin Schultz - siamo determinanti per far vincere il Ppe e siamo riusciti a infilare tra le priorità del programma la riforma della giustizia, siamo stati costretti a presentarci lì orfani di un leader», denuncia l’ex ministro Anna Maria Bernini. «Abbiamo vissuto personalmente, sulla nostra pelle, questo disagio», rincara Deborah Bergamini, responsabile comunicazione di Fi, «tra tutti i partiti del Ppe, la nostra era l’unica delegazione senza il leader». Quando i fedelissimi sono andati a portargli i saluti calorosi di alcuni dei leader Popolari che gli hanno inviato la loro solidarietà tramite i suoi parlamentari, Berlusconi ha deciso di rompere gli indugi, convinto com’è di aver anche il sostegno, se non di Angela Merkel, di buona parte del Ppe.
Così Berlusconi riscenderà in campo con i suoi classici cavalli di battaglia. Non l’antieuropeismo, ma una linea fortemente critica verso il rigore della Cancelliera tedesca, quindi di sfida aperta al Fiscal Compact. Su questo è convinto di avere Renzi dalla sua parte, visti i toni che usa il premier sul Patto di Stabilità (anche se davanti a Fabio Fazio e non alla Merkel...). Ma il countdown giudiziario pesa sulle Europee. Sia dal punto di vista mediatico che da quello programmatico. Il 10 aprile il tribunale di sorveglianza di Milano deciderà se affidare Berlusconi ai domiciliari o ai servizi sociali, e quindi anche se potrà fare campagna elettorale o no. La riforma della giustizia, tema già nevralgico nell’agenda di Fi, assumerà un valore preponderante nel caso i giudici decidessero di limitare il raggio d’azione del leader azzurro. Che, in tal caso, assurgerà a vittima sacrificale, icona muta della malagiustizia italiana. Una ragione in più per riscendere in campo, per Berlusconi.

Se sulla sua candidatura alle Europee il Cav non ha più dubbi, la scelta dei capolista è ancora in alto mare. Sebbene sembrino quasi scontati Raffaele Fitto al Sud, Antonio Tajani al Centro e Giovanni Toti nel Nord-Est e ci siano buone possibilità per Claudio Scajola nel Nord-Ovest. Sull’ex governatore erano circolate voci di una sua candidatura per Forza Puglia, correntone ex Dc o addirittura nuova lista scissionista del Sud, che lui a Libero smentisce con forza: «Capisco che c’è qualcuno che sogna il fallo di reazione», chiosa Fitto, «ma non ho mai preso il cartellino giallo, figuriamoci quello rosso». Però le tensioni crescono in Fi, tanto più che fatica a prendere corpo quell’ufficio di presidenza su cui si concentrano le ambizioni di molti, forse troppi. E Sandro Bondi, si viene a sapere, ha annunciato di essere passato ufficialmente all’opposizione del «partito della Santanché», quello che si riconosce nel Giornale di Alessandro Sallusti.

di Barbara Romano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • oi16730

    11 Marzo 2014 - 23:11

    Anche io avevo sfidato Tyson ma quello scemo , lui eh, nemmeno mi ha risposto.

    Report

    Rispondi

  • lucia elena

    11 Marzo 2014 - 19:07

    Sosteniamolo tutti. La Merckel è la rovina dell'Europa.In Italia solo lui sa tenere testa alla tedesca.

    Report

    Rispondi

  • satanik

    11 Marzo 2014 - 14:02

    Articolo privo di ogni fondamento logico. Serve comunque a tener svegli (sino alle elezioni) molti vecchi, nostalgici fascisti.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    11 Marzo 2014 - 14:02

    "Ma chi è che va in giro a dire che non mi candido?" Il nano non solo i capelli dipinti, ma un formaggino al posto del cervello. Il 10 aprile si avvicina, chi gli darà la ferale notizia?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog