Cerca

Le reazioni

Forza Italia, Berlusconi: "La televendita di Renzi non mi è piaciuta"

Dopo lo show a colpi di slides di Matteo Renzi che ha presentato il suo finto piano anti-tasse in versione Giorgio Mastrota (così lo ha preso in giro la rete) c'è chi boccia la sua performance da "venditore" e chi invece la promuove.

Silvio boccia Matteo - Il primo a criticare il premier è Silvio Berlusconi che, secondo quanto racconta il Corriere, avrebbe detto ai suoi fedelissimi: "Renzi è simpatico, certamente diverso dai comunisti ai quali eravamo abituati". "Capisco lo stile, la voglia di stupire, ma stavolta ha esagerato. Così è troppo, c'è una misura da rispettare, è stato eccessivo, sembrava un venditore non uno statista. Non mi è piaciuto". Poi il Cav rincara la dose: "Renzi sembra un giocatore di poker, continua ad alzare la posta ogni giorno. Rilancia, rilancia...Ma prima o poi dovrà far vedere le sue carte. Le sue coperture non sembrano convincenti, non c'è nulla di concreto".

Critiche da Forza Italia - Anche Giovanni Toti, il consigliere politico di Berlusconi non sembra aver gradito le promesse vane di Renzi: "E' stata una conferenza choc, si vede che Renzi è cresciuto nell'era televisiva delle televendite e promozioni. La sala stampa di Palazzo Chigi si è trasformata in cinema. Mancano i numeri e le coperture". Toni duri invece da parte di Daniela Santanchè che smaschera il premier delle televendite: "Sino ad ora l'unica certezza che ha dato agli italiani è la patrimoniale". "Tana per Renzi. Su tasse e lavoro il presidente del Consiglio frena, sbanda e in fondo rinvia", afferma l'ex ministro Mariastella Gelmini.

Promosso da Dell'Utri - Tra i fan di Renzi-imbonitore invece c'è Marcello Dell'Utri. L'ex senatore di Forza Italia in un'intervista a La Stampa si spende in un "peana" per Matteo: "L'ho ascoltato il tv, mi ha incantato. Bravissimo. Un grande. Così perentorio non ho mai visto nessuno. E' davvero convincente. Ora siamo tutti con lui. Merita tutto il nostro tifo. Sono rimasto sbalordito". Infine Dell'Utri fa un paragone tra Matteo e Silvio: "Se riuscirà a fare ciò che dice molto meglio. Perchè poi, diciamo la verità, il povero Berlusconi non è riuscito a farlo". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • romelux

    06 Agosto 2014 - 18:06

    Vedremo alla fine cosa ne resterà dell'Italia,delle Tasse,delle promesse,ecc.ecc.E' vero che gli Italiani sono un popolo dalla memoria corta.........,ma la mazzata in arrivo sulla testa di tutti sarà tale che non si potrà dimenticare facilmente.Attendere la fine del 2014 e solo dopo giudicare questo o quello.

    Report

    Rispondi

  • thorglobal

    14 Marzo 2014 - 15:03

    Caro Berlusca volevi fare una Italia liberale,abbattendo i costi spaventosi dello stato.Avevi una maggioranza schiacciante per fare ciò.Ma non sei statato all'altezza.Credo di sapere il perchè.Miravi al colle.Adesso l'abbattimento dei costi dello stato viene da un giovanotto ex comunista,che,fra l'altro,non ha la maggioranza assoluta.Che smacco per uno che voleva un'Italia liberale.

    Report

    Rispondi

  • elea6001

    13 Marzo 2014 - 17:05

    Berlusconi: "La televendita di Renzi non mi è piaciuta". Ha ragione , è una vera e sporca concorrenza sleale specie se chi lo dice è uno che come imbonitore da fiera non lo batte nessuno.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    13 Marzo 2014 - 17:05

    Lo capisco il Cavaliere, in effetti quello andato in onda ieri sera è stato uno spettacolo davvero ben orchestrato. Non ci rimane altro da fare che attendere il Sindaco al varco e vedere se manterrà, e come, le sue numerosissime promesse. Faccio notare che la legge elettorale che doveva essere approvata a gennaio è ben lungi dall'essere legge dello stato e siamo a metà marzo. Che dio ci aiuti.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog