Cerca

La road-map

Riforme, Boschi: "Se c'è intesa anticipiamo la ristrutturazione del Senato"

Riforme, Boschi: "Se c'è intesa anticipiamo la ristrutturazione del Senato"

Il ministro Maria Elena Boschi in queste settimane è al lavoro per portare al termine il piano di riforme che il governo ha varato anche con l'appoggio di Forza Italia. La battaglia sarà infuocata. I nodi da sciogliere sono diversi dalla legge elettorale, attesa al Senato, alla riforma di Palazzo Madama e alla rivisitazione del titolo V della Costituzione. Ma un punto resta ancora scoperto su cui la Boschi prende tempo: il dimezzamento dell'indennità di parlamentare. Un anno fa Renzi voleva ridurre del cinquanta per cento le indennità dei parlamentari, quei 14 mila euro al mese che per molti cittadini sono diventati uno dei privilegi della casta. Ma nel programma di Matteo di tutto ciò non c'è traccia.

Ridurre l'indennità dei parlamentari - Così la Boschi in un'intervista a Repubblica spinge più in là i tempi per una riduzione delle buste paga dei parlamentari: "Al momento stiamo lavorando di più sul tema delle riforme strutturali. Al Parlamento chiederemo la riforma dei regolamenti. Riusciamo a fare una cosa alla volta. Ma da qui al 2018 metteremo in discussione tante cose". Tradotto: per ora di ridurre i costi della Casta non se ne parla. Meglio parlare di Italicum e Senato. L'indennità fa gola a tutti. Pure alla Boschi. Sul fronte delle riforme "strutturali" i lavori comunque vanno avanti, ma la riforma del Senato potrebbe mettere da parte per qualche mese quella della legge elettorale: "Questo -afferma la Boschi- lo dovremo discutere con le altre forze che hanno sottoscritto l’accordo. Può essere una soluzione. L’importante è riuscire a fare entrambe le riforme nei tempi stabiliti". 

Riforma del Senato - "L'ambizione -spiega Boschi riferendosi ancora a palazzo Madama- è quella di superare la maggioranza dei due terzi: per ottenere il consenso più largo possibile, non per evitare il referendum. Dopodichè, se non dovessimo riuscirci, se qualcuno lo chiederà vorrà dire che andremo al referendum". "Come in tutte le trattative -fa notare ancora il ministro parlando infine della legge elettorale- all’inizio ci sono sempre delle prese di posizione forti. Dopodichè, se discutendo si trova ragionevolmente il modo di migliorare il testo, si fa. Io credo, ma è una mia opinione personale, che al Senato qualcosa verrà cambiato. Non credo che la legge elettorale sarà approvata tale e quale l’abbiamo votata alla Camera".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    21 Agosto 2014 - 00:12

    Su Libero leggo costantemente di lamenti,improperi e accidenti(miei compresi)all'indirizzo del governo di impostori e nullafacenti.Mi chiedo...Se ai lamenti seguissero i fatti ai seggi elettorali,staremo certamente meglio,e di questa lercia spazzatura non SE ne sentirebbe più parlare.Siccome gli italiani sono una gran massa di c***ni abbiamo i governi che ci meritiamo. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • jborroni

    16 Marzo 2014 - 15:03

    sara' il caso che invece accellerino sui costi della politica (non solo dei politici ma di tutto quanto connesso) e pubblica amministrazione !! Mala tempora currunt e...... non si sa mai quello che puo' succedere!! la gente ne ha piene le palle

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    16 Marzo 2014 - 11:11

    A proposito della sua frase: " che venisse presa in considerazione non per le forme ma per le riforme" , mi sa che sia esattamente l'opposto e che stia contenta delle sue forme perché altrimenti penso che nessuno se ne accorgerebbe della sua esistenza.

    Report

    Rispondi

  • elea6001

    15 Marzo 2014 - 20:08

    è da più di 20 anni ( ma guarda un pò ) che ogni nuovo governo impara dal precedente come deve comportarsi per fare peggio per gli italiani e meglio per i propri associati a delinquere e non c'è dubbio che ci riesce alla perfezione e poi ci sono quelli che si scandalizzano e berciano se qualcuno afferma che l'Italia è derisa all'estero: bhè direi che all'estero sono fin troppo buoni con i giudizi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog