Cerca

La presentazione del libro di Baffino

Renzi su Massimo D'Alema: "In Europa? Ne discuteremo"

Renzi su Massimo D'Alema: "In Europa? Ne discuteremo"

Sembra un’era geologica fa, quando i due, via tv, se le davano di santa ragione, uno augurandosi la fine politica dell’altro. Ora, uno premier, l’altro - si dice - in predicato di diventare commissario per gli Affari Esteri dell’Unione europea al prossimo giro di nomine, giocano di fioretto. Si punzecchiano, ma hanno deciso, per comuni interessi, di deporre le armi. Così al Tempo di Adriano, dove Matteo Renzi presenta il nuovo libro di Massimo D’Alema, Non solo euro, va in scena, alla presenza di tutto il mondo dalemiano, in religioso ascolto dell’uomo che ha rottamato il loro lider maximo, ma forse ora lo recupera, una liason politica che un anno fa sembrava impossibile.

Comincia D’Alema regalando al premier una maglia giallorossa di Francesco Totti, visto che il premier, il giorno prima, ne aveva regalata una di Mario Gomez della Fiorentina ad Angela Merkel. Renzi definisce poi «interessanti» alcune proposte fatte da D’Alema nel libro. Come, ad esempio, l’idea di allargare l’Erasmus al Mediterraneo. Parla dello «spread» tra le aspettative dei cittadini e il rapporto con l’Europa, della necessità di un’unione politica, non solo finanziaria. D’Alema, gustando la rivincita, sottolinea i punti in comune: «Questo non è un dibattito, siamo d’accordo pressoché su tutto». Del resto, aggiunge, «facciamo parte della stessa squadra, di una visione fortemente condivisa che parte da un grande amore per l’Europa».

Le punzecchiature di D’Alema continuano quando, a proposito del piano di riduzione della spesa pubblica promesso da Renzi, gli ricorda che «con i nostri governi l’avevamo portata al 46% del Pil, ora è al 53%...», insomma «c’è stata anche l’Italia di Prodi, di Ciampi, del centrosinistra... lo dico a Matteo per dirgli che lui è anche l’erede di una tradizione italiana». Erede, altro che rottamatore. «Perché ci sono diverse tradizioni italiane. Ce n’è una che può essere rivendicata in Europa senza paura che ti prendano a calci nel sedere». Il premier cerca di riportare una distanza di sicurezza. «Ora vi leggo una pagina in cui D’Alema mi critica», quella in cui l’ex premier parla delle primarie. «È vero, l’Italia ha ridotto la spesa pubblica. Ma è mancata una riforma forte sul lavoro». D’Alema sarà candidato per le Europee? «Ne discuteremo». Gli concede, intanto, che con lui «il dibattito è stato sempre franco», mentre i dalemiani non gli parlavano «perché avevo avuto l’ardore di attaccare il mostro sacro d’Alema», lui gli ha sempre parlato. (el.ca.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • baffos

    20 Marzo 2014 - 10:10

    non c'è ,niente da fare per questa gentaglia (D'Alema senatori e merdaglia varia) per toglierseli dalle palle c'è ormai solo la "cura di San Valentino" di Al Caponiana memoria, è una cura semplice semplice e risolutiva, muro, lunga raffica di mitra, non più poltrone a vita ma cappotto di legno eterno,fine della storia

    Report

    Rispondi

  • filder

    19 Marzo 2014 - 19:07

    da rottamato a reciclato,bravo Renzi

    Report

    Rispondi

  • gekconsulting

    19 Marzo 2014 - 18:06

    Se Renzi candida D'Alema, allora bisogna proprio dire che Renzi è un "Pirla". Non esistono motivi, ne rendite politiche di sorta, perché Renzi non prosegua lo svecchiamento e il definitivo pensionamento di "cariatidi" post comuniste ormai da anni consegnate, da tutto il mondo, alla storia.

    Report

    Rispondi

  • bruggero

    19 Marzo 2014 - 17:05

    Trovategli un "posticino" ben retribuito, perché, nel suo vigneto, tutto.............. costa tantissimo !!??

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog