Cerca

Promesse da marinaio

Bruxelles, Renzi: "Non aumenterò le tasse"

Bruxelles, Renzi: "Non aumenterò le tasse"

La promessa di Matteo Renzi da Bruxelles: "Non aumenterò le tasse". Un impegno forte quello del premier che però si scontra con la realtà. Dopo il suo ingresso a palazzo Chigi la Tasi, l'imposta sulla casa è schizzata alle stelle e la stessa Corte dei Conti parla di una "patrimoniale". Ma dal consiglio Europeo, Renzi continua a raccontare favole. Nessun aumento delle tasse e lotta informatica all’evasione fiscale. Il premier mette anche questo tra le sue priorità. Il premier spiega di non volere aumentare il prelievo fiscale e di volere combattere l’evasione "anche attraverso innovazione digitali e incrocio dei dati". Aggiungendo che se ne parlerà presto. 

L'incontro con Van Rompuy - Intanto prosegue il tour europeo di Renzi. A Bruxelles il capo del governo ha incontrato il presidente del Consiglio Ue, Herman Van Rompuy, in un faccia a faccia di mezzora a margine del vertice europeo. Lo staff di Renzi parla di incontro positivo e di grande attenzione al programma di riforme annunciate dall’esecutivo, in particolare quelle sul lavoro. Ma dallo stesso Van Rompuy o dal suo entourage non è arrivato alcun commento.

I sorrisetti - Proprio ieri Van Rompuy era stato protagonista dello scambio di "sorrisetti" con il presidente della Commissione Ue, José Manuel Barroso. Uno schiaffo al premier e agli italiani che aveva ricordato gli sguardi maliziosi con cui Merkel e Sarkozy avevano a suo tempo glissato ad una domanda dei cronisti su Silvio Berlusconi. Lo stesso Van Rompuy ha fatto però dire al suo portavoce, Dirk De Backer, che i giornali italiani hanno dato una lettura faziosa dello scambio di sorrisi con Barroso. "Si è volutamente travisato un sorriso - ha sottolineato De Backer -. Van Rompuy e Barroso volevano solo coordinarsi su chi avrebbe dovuto rispondere al giornalista. Gli articoli dei giornali non meritano ulteriori commenti".

Le riforme - Poi Renzi in conferenza stampa da Bruxelles fa il punto su questa tre giorni europea e parla anche dei rapporti tra l'Italia e l'Ue. "L’Italia non è in conflitto con l’Europa. E, in ogni caso, siamo l’Italia" e quindi "l’atteggiamento subalterno e supino di venire in Europa con il cappello in mano io non ce l’avrò mai", ha affermato Renzi. "Non mi sembra che ci sia alcun rapporto conflittuale con le istituzioni europee - ha sottolineato il capo del governo -. Abbiamo grandissima fiducia e un grande desiderio di investire nell’Europa che non rappresenta il nostro passato ma il nostro futuro". Infine una promessa all'Europa: "Ci vediamo il 2 luglio a Strasburgo - ha detto facendo cenno all’inizio del semestre italiano di presidenza Ue - e vedrete se le riforme le avremo fatte. Giudicherete voi". Lo faremo anche noi...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    22 Marzo 2014 - 14:02

    Renzi è un soggetto totalmente inaffidabile. Non farà mai ciò che dice semplicemente perchè incapace o meglio sta manovrando un" giocattolo" molto più grande di quanto lui stesso pensasse. Più volte ho scritto che si tratta di un venditore di pentolame e lo dimostra ogni giorno di più. Il fare da bullo non piace alla gente ma sopratutto presto tutti si renderanno conto di qunato poco vale

    Report

    Rispondi

  • lucia elena

    21 Marzo 2014 - 19:07

    Avevi detto basta tasse. Avevi detto rottamiamo ecc.ecc. Ci troviamo peggio di prima e ci ritroviamo con personaggi che non amiamo affatto. Le tasse le hai aumentate, baffino rimesso nell'ambito europeo e l'elenco si allunga di nuovi vecchi personaggi. Ci stai prendendo in giro alla grande. Non hai mantenuto nessun patto e pensi di essere accettato dal popolo "sovrano" che stai schiavizzando?

    Report

    Rispondi

  • RaidenB

    21 Marzo 2014 - 19:07

    Ci certo, come no. Peccato che le tasse le ha già aumentate e ha già in mente di mente di metterne di nuove.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    21 Marzo 2014 - 17:05

    Ma qui siamo al ridicolo. Innanzi tutto le ha già aumentate, leggi Tasi. qualcuno dirà che era un provvedimento del vecchio governo che lui, però, non ha bloccato. Vediamo, taglio IRAP, taglio IRPEF, pagamento debiti PA, in totale un pacchettino da 88 miliardi. Nel frattempo dovrà garantire il pareggio di bilancio, il vincolo del 3% e il fiscal compact...Poi cosa farà tramuterà l'acqua in vino?

    Report

    Rispondi

    • blu521

      21 Marzo 2014 - 19:07

      Robetta per il puttaniere di hardcore, ma lui è renzusconi!

      Report

      Rispondi

blog