Cerca

Nomi e cognomi

Franco Frattini, il giallo sul libro di chi nel Pdl voleva tradire Berlusconi

Franco Frattini e Silvio Berlusconi

A volte ritornano. Per esempio Mario Monti e la breve, e tassarola, parentesi del montismo. Qualche settimana fa gli articoli di Alan Friedman sui magheggi di Giorgio Napolitano per dirottare il Professore a Palazzo Chigi hanno fatto tornare in auge il Professore stesso, che al contrario dai radar della politica è sostanzialmente sparito (resiste in Parlamento, ma il suo partitino iper-frantumato viene accreditato di percentuali simili a quelle di Gianfranco Fini ai tempi di Fli, per intendersi). Oggi è un altro retroscena di stampa, quello scritto da Francesco Verderami sempre sul Corriere della Sera, a far tornare d'attualità Mario Monti. Ma in una chiave differente. In una "chiave azzurra".

Cav e Prof - Riavvolgiamo il nastro fino ai tempi del suo governo. I più attenti ricorderanno, dopo l'ascesa a Palazzo Chigi, le aperture di credito da parte di Silvio Berlusconi, lo stesso Cavaliere che, successivamente, si spinse fino ad offrire a Monti la leadership dei moderati (leadership rifiutata). Come poi siano degradati i rapporti tra Cav e Prof lo sanno tutti, è storia. Quelle iniziali attenzioni, quella iniziale fiducia riposta da Berlusconi in Monti, era supportata anche da un frangia del Pdl che - e anche questa è cronaca - in un modo o nell'altro, più o meno esplicitamente, si espose a favore del Professore.

Il "golpe azzurro" - Quello che però ancora non è noto, però, è che ci fu un vero tentativo di "tradimento" del leader Silvio. Secondo quanto racconta il Corsera, infatti, diversi falchi guardavano a Monti proprio per far fuori Berlusconi. Più che il Corsera, in verità, a svelarlo sarebbe l'ex ministro degli Esteri, Franco Frattini, che secondo Verderami, da tempo, medita di scrivere un libro per raccontare una nuova verità su quella stagione politica. La verità, appunto, su quella "infatuazione" per Monti di esponenti del Pdl che "in seguito si sarebbero definiti falchi e lealisti berlusconiani" ma che, al tempo, tifavano per il "golpe azzurro" del Professore. Il Cavaliere sarebbe molto interessato a leggere le bozze del libro di Frattini, e stando a quanto scrive il Corsera sarebbe anche interessato a pubblicarlo. Frattini, però, in parte smentisce. Lo fa su Twitter, dove scrive: "Apprendo dalla stampa che starei per scrivere un libro. Per la cronaca, non ho tempo e non mi appassiona il soggetto".

Quei messaggini... - L'ex titolare della Farnesina, negli ultimi mesi del 2013, avrebbe confidato all'amazzone Michaela Biancofiore, berlusconiana di ferro, di avere "succose" informazioni sui (passati) traditori. La Biancofiore poi informò il Cav, e così la tentazione di mettere nero su bianco quel libro si sarebbe fatta via via più forte. Nomi e cognomi dei quasi-traditori, dunque. Ma non solo. Frattini, infatti, avrebbe assicurato di poter inserire nell'eventuale pamphlet "numerosi sms" di azzurri "insospettabili" che gli avrebbero scritto proprio per trovare una sponda per l'operazione. L'obiettivo, spiega Frattini, era "il cambio della guardia alla guida del centrodestra". In soldoni fuori il Cavaliere. L'ex ministro avrebbe le prove, e assicura: "Ho tenuto quei messaggini nella memoria del mio cellulare...". E se Frattini ha smentito l'intenzione di scrivere un libro, non ha smentito di avere quei messaggini...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mab

    25 Marzo 2014 - 17:05

    Di uno che voleva dare 1500 euro ai tunisini per ritornare a casa c'è poco da fidarsi..... chissà, adesso che è sparito dalla scena forse cerca di tornare a galla con qualche patetica manfrina.

    Report

    Rispondi

  • fabiou

    25 Marzo 2014 - 13:01

    frattini eraun ignobile traditore con l aria del finto lord

    Report

    Rispondi

  • Campani G.

    25 Marzo 2014 - 12:12

    Perdonatemi, ma non mi interessa nulla delle cose che dicono le nullità che , da sempre, attorniano Silvio Berlusconi. Da socialista Craxiano, quale sono, posso affermare con certezza che sono tutte cose già viste e sentite nella prima repubblica, nulla di nuovo quindi; immagino anche come andrà a finire: Berlusconi verrà eliminato dalla scena politica con buona pace dei più. Campani G.Pietro

    Report

    Rispondi

  • cav.uff.

    25 Marzo 2014 - 12:12

    coraggio Frattini fuori i nomi. E' ora di far piazza pulita dei cialtroni e dei voltagabbana che pensano solo alla loro poltrona, e se ne fregano degli Italiani normali.

    Report

    Rispondi

blog