Cerca

La protesta

Renzi contestato a Scalea

Renzi contestato a Scalea

Non sono giorni facili per Matteo Renzi. Il premier comincia a prendere i primi schiaffi dagli italiani. Così a Scalea, in provincia di Cosenza, la visita del premier ad una scuola si trasforma in una mega-contestazione. Fuori dal cancello dell'Istituto scoppia la protesta dei genitori e dei lavoratori precari. "Torna a casa Renzi! Nel tuo programma non c'è la parola Sud! Vergognati presidente del c...". Questa una delle scritte esposte, mentre su un altro cartello si può leggere: "Prima c'erano i cavalli di razza, adesso solo 'renzini'". Su altri cartelli proteste per la presenza di sottosegretari indagati nel governo: "Renzi, perché Gentile no e Barracciu sì?". Fuori dai cancelli dell'istituto scolastico Caloprese di Scalea decine di cittadini hanno accolto Renzi chiedendo attenzione con fischi, contestazioni e striscioni: "Siamo disperati - racconta una lavoratrice ai microfoni di Sky - prendevamo 800 euro al mese, ora neanche 400. Abbiamo famiglia, moriamo di fame". Una delle mamme dice: "Vogliamo lavoro, non vogliamo la mafia".



La contestazione - Le mamme reggono uno striscione con la scritta "Le mamme sono indignate, chiedeteci perché". "Renzi dovrebbe venire qui una volta al mese - dice una di loro - per capire come sta realmente il nostro paese: oggi, per il suo arrivo, hanno pulito tutto, ma basta fare un giro per le vie periferiche di Scalea per capire il degrado che c'è". Così vista l'aria di tensione Renzi non ha cercato il dialogo con chi protestava ed è entrato direttamente nel cortile dell'Istituto. La scuola adesso è off limits per giornalisti e cittadini. Dopo l'incontro con i ragazzi a scuola, il premier si sposterà al municipio dove incontrerà gli amministratori locali e successivamente è prevista una conferenza stampa.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Janus H.V.

    27 Marzo 2014 - 10:10

    Non cambiano mai! Quattro gatti contestano un qualunque politico di area avversa e sono una folla; un centinaio di cittadini imbufaliti sono dieci scemi quando si tratta di governanti... sinistri!! O quanta species.......

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    26 Marzo 2014 - 18:06

    "...hanno accolto Renzi chiedendo attenzione con fischi, contestazioni e striscioni: "Siamo disperati - racconta una lavoratrice ai microfoni di Sky - prendevamo 800 euro al mese, ora neanche 400." Ed è colpa di Renzi, questo?

    Report

    Rispondi

  • diwa130

    26 Marzo 2014 - 18:06

    10 persone, con dei cartelli di protesta che poi hanno dialogato con Renzi. Questa era la protesta. Ho amici che vivono a Scalea e Praia a Mare e questo e' quanto riportano. E' proprio vero che la stampa in questo paese e' una barzelletta. Siete voi che vi dovreste vergognare a prendere in giro la gente in questo modo.

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      26 Marzo 2014 - 19:07

      forse sperano che la gente non veda i telegiornali

      Report

      Rispondi

  • gregio52

    26 Marzo 2014 - 17:05

    Ecco uno sperpero di denaro pubblico: questi viaggi propagandistici di Renzi. Viaggi inutili in quanto ormai lo abbiamo conosciuto bene. Un quaquaraqua di cui bisogna diffidare per questo suo egocentrismo molto pericoloso ma inconcludente.

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      26 Marzo 2014 - 18:06

      "...vengono qui solo quando ci sono le elezioni, a cercare voti, poi non li vedi più" vero gregio? sei anche tu di quelli?

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog