Cerca

I conti in tasca

Stipendi pubblici, la busta paga categoria per categoria

Stipendi pubblici, la busta paga categoria per categoria

E' la Ragioneria Generale dello Stato a fornirci la fotografia delle retribuzioni dei dipendenti pubblici con tutti i i suoi eccessi e i paradossi. Ed allora si scopre che lavorare per meno di 4mila o 5mila euro al mese per i funzionari del corpo diplomatico è impensabile perché il 96,4% del personale in servizio ossia 890 unità sulle 923 monitorate nel 2012 guadagna più di 80mila euro lordi l'anno. A dare conto di tutti gli stipendi pubblici è il Sole 24 Ore che passa in rassegna tutte le retribuzioni. Per quanto riguarda i magistrati, poi, circa 9 casi su dieci superano questa soglia retributiva. Per quanto riguarda i prefetti, tutti - secondo il Sole 24 Ore - percepiscono una retribuzione lorda superiore ai 60mila euro l'anno (tra i 3mila e i 35oo euro mensili) che in oltre il 60% dei casi va oltre gli 80mila euro. Nel pianeta del pubblco impiego sono 117mila i funzionari, i dirigenti o i semplici addetti che guadagnano oltre 80mila euro lordi annui. Ci sono poi 224.273 travet che guadagnano più di 60mila euro (tra i 3mila e 3,500 euro al mese).

Le retribuzioni dei commissari e dei presidenti delle Autority sono al di sotto del tetto agli stipendi dei vertiti della Pubblica amministrazione introdotto dal 2013 ma che sono abbondantemente al di sopra di quella del capo dello Stato (239.181 euro lordi). Sempre la Ragioneria Generale, ci fa sapere che alla Presidenza del Consiglio tutto il personale guadagna più di 40mila euro lordi l'anno e che in 488 casi sui circa 2400 in servizio la retribuzione supera i 70mila euro l'anno. In fondo alla classifica ci sono i vigili del fuoco: solo 187 guadagnano più di 60 mila euro, tutti gli altri considerano un miraggio una paga superiore ai 2.200 euro netti.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • thorglobal

    26 Marzo 2014 - 23:11

    State tranquilli da ora in poi cambierà tutto,come le province,per restare tutto come prima.In parole povere in Toscana si dice:becchi e bastonati.

    Report

    Rispondi

  • encol

    26 Marzo 2014 - 18:06

    Attenzione all'imbroglio sempre in agguato: Parlano di stipendi e non di "emolumenti". I politici, furfanti nati, hanno dato allo stipendio un valore accettabile mentre il loro compenso complessivo è formato da STIPENDIO + DIARIA. E' questa seconda voce che denuncia l'indecenza infatti è oltre 4 volte lo stipendio- Il loro vero mestiere è la truffa non la politica-

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    26 Marzo 2014 - 17:05

    Satanik la solita scemetta sempliciotta: l'articolo parla di statali F.Pascale gudagna cifre che tu non puoi neanche immaginare e pensa non deve naenche lavorare o fare finta. Minetti fa politico e mignotta per arrotondare, ma lo faceva anche cicciolina e pure Vladimi luxuria se vogiamo guardare, Carfagna fa solo il politico se vogliamo vedere un ladro allra da dx a sx e centro vale tuttoi!

    Report

    Rispondi

  • satanik

    26 Marzo 2014 - 14:02

    marcolelli3000 - Intendi persone tipo N. Minetti, M. Carfagna, F. Pascale?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog