Cerca

La protesta

Zampa (Pd): baby-squillo, reato gravissimo niente sconti di pena

Il reato di sfruttamento della prostituzione minorile è un reato ignobile per il quale è sconcertante la possibilità di ricorrere a sconti di pena". La vice presidente della Commissione Bicamerale Infanzia e Adolescenza, Sandra Zampa, commenta così la notizia del patteggiamento dietro pagamento di 40mila euro per alcune delle persone coinvolte nell’inchiesta di sfruttamento della prostituzione minorile a Roma. "Lo dico - spiega la deputata del Partito democratico - pur nel pieno rispetto del lavoro dei giudici e senza alcun giudizio sui singoli soggetti che accederanno al patteggiamento per i recenti casi avvenuti a Roma". Per la deputata dem  "la politica deve correggere una via d’uscita troppo veloce e semplice, come una pena pecuniaria. Sono consapevole che non si possa trascurare il fatto che alcuni degli accusati sono incensurati e che per alcuni di questi non esistano prove dirette. Resta però che il reato commesso è ignobile e poco importa se reiterato una o più volte. E’ un reato commesso ai danni di due minori di età, di soli 14 e 15 anni, rispetto alle quali dobbiamo porci l'interrogativo se il messaggio che le raggiungerà non sarà che, in fondo, si tratta di cosa che può essere risolta con una scorciatoia, seppur prevista dalla Legge, perché ciò confligge, in modo grave, con il fine di recuperare e reindirizzare le vite di queste due minori, così come quelle di tutte le altre ragazzine che si trovano a vivere in condizioni di profondo disagio e rispetto alle quali non può venire meno il nostro impegno".

La procura - E’ prematuro parlare di patteggiamenti già definiti per quei clienti non abituali che rispondono del reato di prostituzione minorile per i rapporti a pagamento avuti con le due ragazzine-studentesse dei Parioli. Negli ambienti della procura di Roma si precisa, che nulla, al momento, è stato ancora concordato e che non c'è stato alcun assenso da parte di chi indaga. Il ricorso a questo rito alternativo è un’ipotesi prevista dal codice e sarà valutato caso per caso, anche alla luce della consapevolezza o meno dei clienti della minore età delle due ragazzine. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • accanove

    02 Aprile 2014 - 11:11

    ...trovo alquanto sconcertante credere che il "tipo" con "l'attrezzo" in mano si presenti innanzi a queste due ragazzine, paghi profumatamente molto più di quello che gli costerebbe una qualsiasi zoccola e voglia far credere di non essere stato preso da dubbi sulla loro età. Ma... Berlusconi non poteva pagare non essendosi macchiato di un vile reato come questo?

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    02 Aprile 2014 - 11:11

    Almeno per una volta il PD ha ragione. Il patteggiamento per un simile reato sarebbe uno scandalo. Ma questa volta non c'è di mezzo Berlusconi....

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    02 Aprile 2014 - 11:11

    Almeno per una volta il PD ha ragione. Il patteggiamento per un simile reato sarebbe uno scandalo. Ma questa volta non c'è di mezzo Berlusconi....

    Report

    Rispondi

  • alfa553

    02 Aprile 2014 - 09:09

    Quelle sono puttane, esse si vendono e gente compra, semmai in galera le loro madri, perché i padri.........come le figlie non li conosce nessuno.

    Report

    Rispondi

    • antari

      02 Aprile 2014 - 14:02

      Quelle sono anche ragazzine di 14 e 15 anni, abbastanza sbandate. Le loro mamme in galera MA I CLIENTI NO??? Non ci provare! :P

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog