Cerca

Fratture

Pd, Vannino Chiti: ecco il ddl per salvare il Senato

Matteo Renzi

La riforma del Senato, per Matteo Renzi, sarà una lunghissima e difficilissima corsa a ostacoli. L'opposizione è trasversale, e si è manifestata con rapidità fulminea. Ma per il premier, l'opposizione più dura, viene dal suo stesso partito. Non è certo un mistero, ma ora la contrarietà dei democrat sta per finire nero su bianco: a Palazzo Madama sarà depositato un disegno di legge a firma del Pd Vannino Chiti, già sottoscritto da altri venti senatori democratici, per modificare - profondamente - il testo. Il dl è stato partorito nel corso dell'ufficio di presidenza del Pd che si è riunito nel pomeriggio. Strada tutta in salita, dunque.

I tempi - Da parte sua, il ministro Maria Elena Boschi, dopo aver assistito alla levata di scudi, non esclude possibili ritocchi al testo. A patto però che non si deroghi sui tempi, nonché sui principi cardine della riforma. Il problema, però, è che i democratici sono spaccati in primis sull'eleggibilità dei prossimi membri del Senato: per il premier non devono essere eletti, per ampi settori del Pd, al contrario, i senatori dovranno ottenere uno specifico mandato popolare. Renzi continua a puntare a una prima lettura del testo entro il 25 maggio, ma la deadline, ora, sembra ancor più difficile da rispettare.

Pallottoliere - Tra i più fieri oppositori della riforma di Palazzo Madama, oltre ai grillini che minacciano l'ostruzionismo, c'è Pippo Civati e la sua corrente (meno radicale l'opposizione dei bersaniani). Inoltre i malumori e le oscillazioni di Forza Italia rendono ancor più nebulosi gli orizzonti. In un contesto scivolosissimo, l'occhio non può che cadere al pallottoliere: al Senato, proprio quel Senato che Renzi vuole abolire, il governo regge grazie a una manciata di voti. In pura linea teorica, già le defezioni di chi ha sottoscritto il testo di Vannino Chiti, potrebbero far finire in minoranza l'esecutivo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vedrana

    vedrana

    03 Aprile 2014 - 18:06

    Naturalmente il 99% dei nominati al senato saranno tutti di sinistra. Caro Cavaliere non avrei mai pensato che si facesse fottere in un modo così evidente. Complimenti, continui a fare accordi con renzi e vedrà come cresce nei voti. Vedrana

    Report

    Rispondi

  • vedrana

    vedrana

    03 Aprile 2014 - 18:06

    Ed il tg5 continua a sbolognarci servizi sui 25 dissidenti del pd..... Ci prende per il culo anche la tv del cav. Che pena, che delusione. Non voterò mai più. Giuliano

    Report

    Rispondi

  • vedrana

    vedrana

    03 Aprile 2014 - 18:06

    Naturalmente il 99% dei nominati al senato saranno tutti di sinistra. Caro Cavaliere non avrei mai pensato che si facesse fottere in un modo così evidente. Complimenti, continui a fare accordi con renzi e vedrà come cresce nei voti. Vedrana

    Report

    Rispondi

  • milibe

    02 Aprile 2014 - 21:09

    per favore renzi non cedere, non cambiare nulla, abolisci il senato! vai avanti siamo tutti con te, non con i PD della casta che hanno già depredato abbastanza noi italiani. ma una dignità questi boiardi ce l'hanno? no visto il comportamento: finchè riescono a essere mantenuti da noi italiani tutto bene ma gli italiani sono veramente scazzati: attenti

    Report

    Rispondi

blog