Cerca

In campagna elettorale

Forza Italia, Silvio Berlusconi: "Renzi sempre in tv, nei sondaggi siamo al 21,6%, è un miracolo. Ora parlo io"

Forza Italia, Silvio Berlusconi: "Renzi sempre in tv, nei sondaggi siamo al 21,6%, è un miracolo. Ora parlo io"

Azzoppato, ma combattivo. Silvio Berlusconi interviene al telefono alla presentazione della campagna elettorale di Forza Italia a Milano e rassicura tutti sulle proprie condizioni, fisiche e d'umore. L'infortunio al ginocchio è in via di miglioramento: "Martedì potrò camminare", spiega il Cav e il particolare non è solo "di colore". Un Berlusconi in piena forma è l'unica speranza per gli azzurri di recuperare nei sondaggi che danno Forza Italia in difficoltà in vista delle elezioni europee. "Euromedia ci dà al 21,6 per cento - ribatte l'ex premier, allontanando pessimismo e preoccupazioni -. Alessandra Ghisleri mi ha detto che è un miracolo perché il primo ministro da segretario di partito va in tv quattro volte al giorno".

La sfida a Renzi - Berlusconi, invece, è assente dal piccolo schermo dalla fine della campagna del 2013 "per il tranello" che gli hanno ordito. "Io credo che a partire dalla fine della prossima settimana potremmo mettere fine a questa impossibilità al leader del centrodestra di parlare agli italiani e che finalmente noi potremmo confrontarci con la voce dell'attuale primo ministro e salire, come abbiamo fatto nella campagna elettorale del 2013, e raddoppiare i voti di partenza". 

"La riforma del Senato così è inaccettabile" - La sfida al premier passa in questo momento anche dalle battaglie in Parlamento. "La riforma del Senato proposta dal governo Renzi è assolutamente inaccettabile. O ne facciamo una buona o tanto vale chiudere il Senato". "Noi vogliamo le riforme ma non a tutti i costi - ha spiegato l'ex premier -. Non dobbiamo sottoscrivere una riforma solo per consentire ai partiti di governo di mettersi una medaglia per le europee. La riforma della legge elettorale non è come la volevamo ma abbiamo accettato il compromesso per permettere al governo di non essere più ricattato dai piccoli partiti, ma la riforma del Senato - ha concluso - è assolutamente inaccettabile e indigeribile". Sulla testa del leader del principale partito del centrodestra italiano pende comunque la spada di Damocle del 10 aprile, quando il Tribunale di sorveglianza deciderà il suo destino per i prossimi 9 mesi: arresti domiciliari a Palazzo Grazioli o servizio civile? "Siamo soggetti a una vera dittatura giudiziaria. Dobbiamo reagire", è l'appello del Cavaliere. Una chiamata alle armi per gli uomini di Forza Italia, ma soprattutto per gli elettori azzurri.

di Claudio Brigliadori

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    06 Aprile 2014 - 13:01

    Boschi, cuccati Tabacci, quello sì che conta: un beato cazzo!

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    06 Aprile 2014 - 13:01

    Boschi, sei sulla buona strada per andare a casa, fare l'uncinetto con la Bindi, la Finocchiaro..

    Report

    Rispondi

  • satanik

    06 Aprile 2014 - 12:12

    Silvio va a cambiare le pastiglie dei freni, causa usura eccessiva.

    Report

    Rispondi

  • Ricafede

    06 Aprile 2014 - 11:11

    Sig. Silvio Berlusconi si ricordi che Matteo Renzi è il Premier del Paese, mentre lei è un pregiudicato in attesa di altri giudizi.

    Report

    Rispondi

    • freepaolo

      25 Aprile 2014 - 15:03

      le ricordo che la Repubblica Italiana e fondata sulla Sovranità del Popolo Italiano che per mezzo del suo voto elegge il candidato che più gli garba. Renzi, Letta, Monti, da chi sono stati eletti ? In quanto ai pregiudicati, si informi BENE sui suoi compagni inquisiti e mai giudicati, addirittura scagionati per scadenza dei termini, forse vedrà più chiara la situazione italiana.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog