Cerca

Minaccia togata

Silvio Berlusconi, il pg: "Se diffama i giudici revochiamo i servizi sociali"

Silvio Berlusconi, il pg: "Se diffama i giudici revochiamo i servizi sociali"

Servizi sociali (forse) sì, ma con una grossa riserva. A poche ore dal parere favorevole all'affidamento di Silvio Berlusconi espresso dal Procuratore generale di Milano, Antonio Lamanna, ecco che trapelano nuovi particolari sulla decisione. Lo stesso Pg, nell'udienza di ieri, giovedì 10 marzo, ha sottolineato che se il Cavaliere dovesse diffamare i singoli giudici l'affidamento potrebbe essere revocato. Un bavaglio a Berlusconi: se dovesse parlare male della magistratura, verrà sbattuto agli arresti domiciliari.

L'articolo - Lamanna, nel corso dell'udienza, ha portato in aula un articolo del Corriere della Sera dello scorso 7 marzo, in cui veniva riportato che Berlusconi avrebbe detto, in vista delle decisione del Tribunale di Sorveglianza: "Sono qui a dipendere da una mafia di giudici". Dunque Lamanna ha commentato: "Noi non siamo né angeli vendicatori né angeli custodi, ma siamo qui per far applicare la legge", e successivamente ha ribadito al Cavaliere la minaccia (abbassare i toni, oppure addio ai servizi).

Voto in vista - La definitiva decisione sull'affidamento ai servizi sociali è attesa non prima di martedì prossimo. Tra le altre indiscrezioni trapelate, quella relativa al fatto che la difesa del Cavaliere, nel corso dell'udienza di giovedì, avrebbe insistito sull'agibilità politica di Berlusconi in vista della campagna elettorale per le prossime elezioni Europee. Niccolò Ghedini e Franco Coppi avrebbero chiesto libertà di movimento per l'ex premier in vista del voto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • keko70

    12 Aprile 2014 - 14:02

    Ergo,Berlusconi attaccava la magistratura perché non ricattabile da questa,in quanto conscio di avere la coscienza pulita. Non appena i Pm hanno avuto l’arma del ricatto l’hanno subito fatta valere: minacciando gli arresti domiciliari in cambio del silenzio di Silvio. Pensavo che così si comportasse solo la mafia,ma a quanto pare mi sbagliavo: la magistratura ha gettato la maschera …

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    12 Aprile 2014 - 11:11

    minacce che confermano che i giudici sono asserviti al PD. E' come dire: Signori siamo in dittatura è così, altrimenti ci arrabbiamo....Tutti in galera se ti dice bene , sennò le torture.

    Report

    Rispondi

  • 12 Aprile 2014 - 08:08

    ma questo, se vista da sinistra, non sarebbe un reato di minaccia e violenza privata ? ma bravi giudici, ormai al delirio di onnipotenza !

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    12 Aprile 2014 - 08:08

    Se questa non è Mafia io sono il Papa!!!!! Maledetta italia!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog