Cerca

Valanga azzurra

Forza Italia, anche Sandro Bondi sta per mollare

Sandro Bondi

Forza Italia perde pezzi. L'ultimo clamoroso addio è quello di Paolo Bonaiuti, storico collaboratore di Silvio Berlusconi. Non un fulmine a ciel sereno per gli "addetti ai lavori", ma una defezione che lascia il segno. Una rottura che solo qualche mese fa pareva letteralmente impossibile. Eppure la valanga potrebbe non fermarsi a Bonaiuti. Ci sarebbe un altro berlusconiano storico pronto ad abbandonare Berlusconi. Secondo quanto scrive Mattia Feltri su La Stampa si tratta di Sandro Bondi, l'ex coordinatore del Pdl, da tempo defilato politicamente e in "ritiro" nella casa nelle campagne piemontesi. Bondi, dunque, sarebbe sul punto di mollare Foza Italia. Tanto che l'ex ministro della Cultura qualche giorno fa ha spedito una lettera di dimissioni da amministratore nazionale di Forza Italia. Lui spiega che si tratta soltanto di una questione tecnica poiché, spiega, non ha le competenze manageriali per occuparsi di quel ruolo. Eppure dietro quella lettera di dimissioni si cela un malessere ben più profondo. La Stampa spiega che "gli amici sostengono che (Bondi, ndr) non sopporti più le trincee scavate attorno a palazzo Grazioli e l'addio di Marinella", la storica segretaria di Berlusconi allontanata qualche mese fa e alla quale l'ex ministro era molto legato. Anche in questa probabile rottura, dunque, ci sarebbe lo zampino del nuovo "cerchio magico" del Cavaliere, che incide - e non poco - sui nuovi assetti del partito. Sul futuro di Bondi, però, non si hanno indiscrezioni. Di sicuro, però, le continue schermaglie e la "campagna acquisti" stanno rendendo lo strappo tra Berlusconi ed Alfano sempre più profondo, e la riconciliazione pressoché impossibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • annasole2

    15 Aprile 2014 - 10:10

    Spesso mi domando se siamo in democrazia? e la mia risposta è sempre no. Ricordo che con il governo Berlusconi i decreti erano sempre respinti oltre che condannata questa forma di legiferare.- il ns. re giorgio non firmava, adesso oltre a imporre la ghigliottini, oltre a legiferare sempre tramite decreti, il ns: presidente ha sempre la penna in mano. Gli verrà l'artrosi a forza di firmare?

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    15 Aprile 2014 - 10:10

    ILBILLOGRASSO-perché Romiti amministratore delegato Fiat fu accusato,condannato e arrestato per creazione di fondi neri e Agnelli suo padrone non fu mai neanche nominato nei processi?Perché Caio,Tizio e Sempronio dopo avere accusato(indirettamente)Silvio di frode fiscale Silvio fu processato e condannato senza che i suoi collaboratori fossero sfiorati?

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    15 Aprile 2014 - 10:10

    ILBILLOGRASSO-perché la Ariosto prima di accusare Previti di avere corrotto a nome di Berlusconi il giudice Metta era indebitata fino al collo e dopo la"confessione spontanea"la signora magicamente pagò i debiti e restaurò la casa?Perché il pc del frocio ucciso nel caso Marrazzo fu bruciato?Perché nel caso Marrazzo ci furono 2 omicidi legati alla prostituzione dei trans?

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    15 Aprile 2014 - 10:10

    ILBILLOGRASSO-perché Penati ha avuto una prescrizione"obbligatoria"nonostante egli disse e chiese di non averla? Il sistema"Penati"così definito dalla procura ha sottratto 280 milioni alle casse lombarde in 9 anni,Penati i soldi non li ha,perché dopo questi anni di indagini ancora non sono riusciti a risalire ai beneficiari?Ma a Caio,Tizio e Sempronio hanno creduto subito sti infami!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog