Cerca

Prodi

Ci legge, ma non ci capisce: querela "Libero" per un pezzo ironico

L'ex premier si infuria per il pezzo sul presunto allarme dei servizi italiani per i rapporti di Romano con la Cina

Romano Prodi

Romano Prodi

di Franco Bechis

Quando si fa ironia e si riceve in cambio una minaccia di querela, o non ci si è fatti capire o chi querela ha scarso spirito. Diciamo che il colpevole sono io, che ho cercato - evidentemente senza farmi capire da Romano Prodi - di ironizzare sul presunto allarme dei servizi italiani in un rapporto rivelato da Repubblica a proposito dello sbarco a Milano dell’agenzia cinese di rating Dagong. Questa apertura di uffici che dovrebbe avvenire entro la prossima primavera viene descritta con toni da tregenda dagli 007 italiani, come dovessero calare i cosacchi sull'Italia. Ho ricordato agli 007 che Dagong ha come principale consulente (ne hanno scritto tutti i giornali in tutto il mondo e per primo il China Daily) proprio Romano Prodi, un tipo che potrebbe sembrare un cosacco ogni tanto da come si veste, ma che è pur sempre stato presidente del Consiglio italiano e perfino presidente della commissione europea. È naturale che con il suo profilo Prodi possa essere il consulente più ascoltato dalla Dagong quando si tratta di decidere investimenti in Italia. Non credo che per il professore bolognese questo possa essere un’offesa, visto che è un mestiere da lui esercitato per anni come consulente delle più grandi banche di affari internazionali. Nell’articolo ironizzavo per altro sullo stesso allarme degli 007 italiani: dovrebbero avere cose più importanti da fare che stare lì a mettere insieme rassegne stampa sulle acquisizioni cinesi di questi anni. Se a loro preoccupa la Dagong di cui è consulente Prodi, il professore dovrebbe cercare di convincerli del contrario, e se fosse il caso querelare i servizi segreti italiani e non Libero, che si è limitato a riportare il loro scritto, già pubblicato da Repubblica (come citato).  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rendagio

    14 Gennaio 2013 - 16:04

    siamo quasi coetanei, ma la diffrenza e´grande, luio e´sttao ed e´un emrico ladro -politico cattocomunista eleccaculo del vaticano.... gli auguro di cuore che tutto cio che ci ha rubato lo debba spendere in medicini , lui e tutta la sua genia, io, un modesto pensionato, onesto e agnostico, povera italia...

    Report

    Rispondi

  • bepper

    14 Gennaio 2013 - 16:04

    E' la sola cosa che BECHIS possa fare considerando la sua incompetenza in materie economiche. Ma si sa la carriera nel suo ambiente va in ragione inversa alla competenza.

    Report

    Rispondi

  • seve

    14 Gennaio 2013 - 15:03

    Zuppierone emiliano pieno di pastasciutta con il ragu di bologna colante di grasso . Che cazzo deve capire , capisce solo quello che deve e vuole prendere.

    Report

    Rispondi

  • siaimarchetti

    14 Gennaio 2013 - 14:02

    Avevi sbandierato che la Cina avrebbe rappresentatato una opportunità,MA DE CHE!!!!Vorrei sapere dalla TESTA di......a quanto ammonta in valuta il nostro export verso la Cina.Però so solamente una cosa quanta M.......da inportiamo noi.Cari amici la Cina fa concorrenza sleale,perchè i loro lavorartori hanno zero diritti,infatti i politici tipo Prodi ci vogliono ridurre cosi,anzi ci siamo quasi.Ma perché non si fa un bel giro in bici(non gli è bastato rovinare,ai tempi che furono,l'IRI??

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog