Cerca

La bordata

Berlusconi: "Napolitano disse a Fini di farmi cadere, gli promise di nominarlo premier"

Berlusconi: "Napolitano disse a Fini di farmi cadere, gli promise di nominarlo premier"

"Fini ha fatto ciò che ha fatto perché convinto dal Capo dello Stato che avrebbe formato il nuovo governo e ci sono testimoni che hanno sentito la telefonata di Fini, messa in vivavoce, che garantiva di avere le spalle coperte". Silvio Berlusconi attende la seconda metà di Porta a porta, teatro del grande ritorno in tv, per lanciare una bomba clamorosa sul grande nemico Gianfranco Fini, passato alla storia del Pdl come il "traditore" per antonomasia, ma soprattutto sul Quirinale. Quei mesi tumultuosi che chiusero il 2010, quando Fini lasciò Berlusconi per fondare Futuro e Libertà e sfiduciare il governo di centrodestra, sono ancora vivissimi nella mente del Cavaliere e dei suoi fedelissimi. E come un anno dopo, quando a Palazzo Chigi arrivò Mario Monti, secondo l'ex premier la regia fu di Giorgio Napolitano anche allora, quando molti a sinistra si illusero di poter dare una spallata al Cav puntando sul suo ex delfino. Illusione, appunto, anche se parlando di "complotti" forse non avrebbero dovuto attendere a lungo. Nel novembre 2011, dopo la caldissima estate dello spread, arrivò la manina dei grandi centri di potere economico-finanziari internazionali. Come detto, allora Fini era già acqua passata e il nuovo cavallo era il Professore. Come andò a finire, lo sanno tutti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    29 Aprile 2014 - 08:08

    Il più bugiardo della storia d'Italia vuol dirci queste balle? Vada a dirle ad Arcore al suo cavallo

    Report

    Rispondi

  • cal.vi

    28 Aprile 2014 - 13:01

    se così è stato, non si prefigura un attentatuccio alla costituzionuccia più bella del mondo?

    Report

    Rispondi

  • marsicomassimo63

    28 Aprile 2014 - 12:12

    In verità il Governo Monti non è finito male. Ha dato il suo pesante contributo a distruggere l'economia, a far fallire imprese, a ridurre alla fame centinaia di migliaia di persone. Ed era esattamente questo che avrebbe dovuto fare. Per il Governo Monti "missione compiuta".

    Report

    Rispondi

  • CICCI1938

    28 Aprile 2014 - 11:11

    Che Napolitano fosse il regista della cacciata di Berlusconi la cosa era risaputa; del resto fare il regista era stata la sua passione giovanile come scritto da Pasquale Chessa nel suo libro "L'ULTIMO COMUNISTA - La Presa Del Potere Di Giorgio Napolitano"

    Report

    Rispondi

    • imahfu

      29 Aprile 2014 - 09:09

      Se fosse vero, bisognerebbe ringraziarlo.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog