Cerca

VELENO CRUCCO

La battuta di Berlusconi sui lager fa infuriare i tedeschi

La battuta di Berlusconi sui lager fa infuriare i tedeschi

Firma una tregua coi tedeschi, Silvio Berlusconi: il giorno dopo la battuta che aveva scatenato dure reazioni a Berlino ("I tedeschi negano l'esistenza dei lager"), il leader di Foza Italia va a "Domenica Live" dalla D'Urso su Canale 5 ed evita di farsi fare domande sulla questione tedesca. Quella del Cav è stata una chiacchierata a tutto campo: dai poteri del presidente del Consiglio alle riforme per le quali ha ribadito la disponibilità sua e di Forza Italia a Renzi, finendo con il suo rapporto con la Pascale e Dudù.

Dopo la frase sui lager nazisti ("I tedeschi se li sono dimenticati") il Pse di Martin Schulz è insorto è ha chiesto ad Angela Merkel provvedimenti dentro il Ppe contro Forza Italia. Fin qui i fatti. Ma a quanto pare l'odio anti-Cav che è presente anche nella sinistra teutonica ha innescato e rinvigorito l'odio dei moderati tedeschi (compagni di partito della Cdu della Cancelliera) per Silvio. Al punto che qualcuno parla di una Merkel "infuriata". "Angela Merkel tace e continuerà a tacere, vuol far capire che lei non si abbassa al livello di un volgare avvelenatore di pozzi. Ma nel suo animo, nel suo cuore, l'ira bolle. Tanto più che questa diffamazione della Germania, così dannosa per l'Italia e dolorosa per l'Europa intera, per lei non è certo la prima esperienza del genere con quell'ex premier"... dice un fedelissimo di Angela a Repubblica. Ma basta poco per scatenare una tempesta di insulti su Berlusconi. "Forse le overdose di viagra lo hanno colpito al cervello", dice qualcuno da Berlino. Frasi e considerazioni che testimoniano come dalle parti della Merkel il nemico numero uno sia sempre e solo il Cav. Elmar Brok, eurodeputato vicinissimo alla leader, è già meno cauto: "Sono turbato personalmente come cittadino, voglio che dia spiegazioni": il fastidio cresce, verso Forza Italia nel Ppe...

Battute al veleno - "La reazione a caldo, tra noi, è stata di sdegno: quello ci diffama, nessun paese ha fatto più di noi per la Memoria, per tenere viva la Memoria di quelle colpe, e non per metterci la coscienza a posto, bensì in nome del futuro e dell'Europa", mormorano fonti governative... Un intellettuale di punta del centrodestra, vicino alla Merkel afferma: "Lei ha scelto nel modo giusto. Ha pensato a quelle pietre del ricordo su cui cammina, all'offesa di Berlusconi a ogni famiglia con figli che qui studiano la Shoah insieme ad alfabeto e grammatica, ma alla fine non si è fatta trascinare dalle emozioni. Col silenzio, ha voluto dire molto: vuole mostrarsi fiduciosa che quel vecchio immorale e sfrenato, dai patrimoni oscuri al bunga-bunga, non rappresenti l'Italia, paese così importante per noi in Europa"... Insomma la battaglia e il fuoco di polemiche è solo all'inizio. Ma ancora una volta a prevalere è solo l'odio anti-Cav...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • argo92

    28 Aprile 2014 - 22:10

    a molti sara anche antipatico pero e l UNICO con gli attributi che si permette di dire quello che pensa il resto miseri lekkakuli

    Report

    Rispondi

  • 123dic

    28 Aprile 2014 - 18:06

    B. non si deve scusare per niente . Sono i krukki che si dovrebbero scusare per l'eternità con gli stati che da secoli hanno aggredito e saccheggiato. Invece tornano a far gli arroganti e siccome ebrei e zingari hanno già dato, ora saranno gli stati del sud Europa ad essere gasati. Ipocriti, il nazismo lo hanno nell' anima

    Report

    Rispondi

  • maurobell

    28 Aprile 2014 - 10:10

    Gratta,gratta un tedesco,e ci troverai sempre sotto un nazista.Sei milioni e oltre di assassinati in due anni,nessuno ha fatto peggio nella storia dell'uomo.Povero Silvio,qualche procura ti accusera' d'essere responsabile anche dello sterminio degli ebrei!!!!!

    Report

    Rispondi

  • ioferdy

    28 Aprile 2014 - 09:09

    L'economia è più veloce ed efficace del gas, pure i terroristi, vedi Gheddafi (anche se ha perso), lo hanno capito: spingi un popolo a suicidarsi, rivoltarsi contro il proprio governo, esercito ma anche vicini ed amici, mentre la contro parte non perde risorse anzi le moltiplica, non perde truppe e non si sporca le mani ed alla fine il tuo nemico diventa uno schiavo dipendente da te in tutto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog