Cerca

Riforma del Senato

Pd, c'è Bersani dietro Chiti: tutte le trappole per Renzi

Pd, c'è Bersani dietro Chiti: tutte le trappole per Renzi

Si scrive Vannino Chiti, si legge Pierluigi Bersani. Secondo i renziani, ci sarebbe l'ex segretario del Pd dietro i tranelli e le insidie preparate dalla minoranza democratica sulla riforma del Senato. E se la minoranza vince, ad andare a casa naturalmente sarebbe il premier Matteo Renzi. "Se non riesco a fare la riforma, sono morto politicamente", ha confidato il segretario Pd ai suoi. Tutta colpa della palude parlamentare, anche se dopo la riunione coi senatori Pd qualcosa potrebbe essersi sbloccato. Certo, lo schema è quello classico già adottato da Enrico Letta: il rinvio.

La mezza intesa sul Senato - Il primo voto in Aula sulla riforma non arriverà entro il 25 maggio, come previsto, ma solo il 10 giugno. Chiti, che ha presentato un discusso disegno di legge alternativo a quello del governo (ascolta l'intervista di Maurizio Belpietro a La telefonata), ha parlato di "significativo riavvicinamento". L'intesa, ancora lontana, potrebbe arrivare sulla proposta avanzata da Renzi: ad eleggere i senatori potrebbero non essere i cittadini (come proposto da Chiti) ma le singole Regioni, ognuna con un proprio criterio. Una forma di elezione indiretta che potrebbe piacere ai "ribelli" democratici. Di sicuro, piacerà poco a chi nel Movimento 5 Stelle e in Forza Italia aveva appoggiato il testo di Chiti anche per mettere in ulteriore difficoltà il Pd renziano. E' il bersaniano Miguel Gotor, parlando di possibile riforma alla francese ("Senatori eletti indirettamente da un'assemblea di sindaci e consiglieri regionali e deputati eletti nella Regione") a lanciare un'idea e far intendere che la partita, all'interno del partito, potrebbe chiudersi in pareggio.

"La palude dei mandarini" - L'altro grande avversario del governo è, per dirla con le parole di Renzi, "la palude dei mandarini". Ecco, i grandi burocrati di Stato e i colletti bianchi dei Ministeri sono l'incubo del premier. Quelli del Mef, che "hanno boicottato le nomine" delle partecipate. Oppure al Ministero degli Interni, da dove sono partiti "allarmismi" sul fenomeno dell'immigrazione. La sfida del premier è "cambiare verso" alla pubblica amministrazione con una riforma in più punti, ambiziosa. "Non stiamo certo annegando nella palude, ma stiamo a galla con enorme fatica - ammette il segretario democratico -. Passiamo le notti a combattere gli immobilismi e i mandarini. E continueremo a passarle così. Non sarà facile, ma alla fine avremo la meglio".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomolovecch1

    01 Maggio 2014 - 15:03

    Il vero cambiamento di Renzi è quello degli indumenti intimi, almeno una volta alla settimana, come suggerito da un noto economista per una forma di risparmio.

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    01 Maggio 2014 - 15:03

    Il vero cambiamento di Renzi è quello degli indumenti intimi, almeno una volta alla settimana, come suggerito da un noto economista per una forma di risparmio.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    01 Maggio 2014 - 06:06

    in un Paese avanzato normale la politica non conta nulla, e si occupa delle cosette di meno valore mentre l'economia e' in mano ai privati come e' logico che sia. In Italia invece la politica controlla tutto (come succedeva nei regimi comunisti). E la cosa va benissimo ai burocrati e a quella parte di Italiani mantenuti dallo Stato. Basta riflettere per capire che non cambiera' niente.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    30 Aprile 2014 - 16:04

    Se NON fossero considerati DISONESTI da decenni, la fronda sulla modifica del senato sarebbe una cosa utile-civile. Ma questa fronda PD non è PER i cittadini, ma è per gli interessi delle ''solite bestie'' che da 30 anni, a dx come a sx, ci distruggono. L'unica alternativa a queste bestie longeve e voraci, sono i Giovani del movimento 5 stelle, ed è a loro che andrà il mio voto.

    Report

    Rispondi

    • marcolelli3000

      30 Aprile 2014 - 17:05

      faccio appello a lei che dice cose verissime: i nemici del Paese sono i comunisti cinesi che fanno concorrenza sleale, gli impiegati statali e i burocrati, i sindacati : e' semplice , non ci vuole uno scienziato per capirlo. Renzi e' partito benissimo ma ha bisogno di aiuto. Lo dico io che voto forza italia. Facciamo tutti uno sforzo.

      Report

      Rispondi

    • marcolelli3000

      30 Aprile 2014 - 17:05

      verissimo come e' anche vero che gli eletti del movimento 5 stelle sono ragazzini viziati e inutili esattamente come il nemico del Paese che lei ha identificato perfettamente : si parte dagli impiegati statali inutili fino ai burocrati che non vogliono cambiare niente fintanto che i soldi dei debiti finiscono. La sua analisi e' corretta: la cura e' sbagliata.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog