Cerca

guerra a cinque stelle

"Favialauqlunque", lo sfottò di Grillo
al dissidente che va con Ingroia

Il leader del M5S diffonde un video sul web che mostra l'ex consigliere regionale come un incoerente ed uno che "si è venduto alla casta"

Giovanni Favia

Giovanni Favia

Ora che Giovanni Favia, il dissidente numero uno del Movimento Cinque Stelle è uscito sbattendo la porta ed è approdato nel recinto di Antonio Ingroia, Beppe Grillo non ci vede più e fa la controcampagna elettorale mettendo nel mirino i grillini epurati che hanno cambiato casaccca. Così diffondendo sul suo profilo twitter il video di un attivista di Beppe Grillo riepiloga le contraddizioni di Favia, ovvero le sue parole di quando faceva l'anticasta a cinque stelle. Il titolo del video è eloquente: "Favialaqualunque", facendo il verso a quel Cetto di Antonio Albanense che raffigurava tutti i vizi del politico medio italiano. L'obiettivo del video diffuso da Beppe Grillo è quello di mettere in ridicolo Favia e di denigrarlo facendolo passare come un incoerente. La guerra elettorale è appena iniziata. I Cinque Stelle non dimenticano. E dopo aver fatto pulizia dentro il Movimento ora attaccano anche chi sta fuori. E soprattutto il principale concorrente: il movimento di Antonio Ingroia.

 

Guarda il video di "Favialaqualunque" sul LiberoTv

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • enry

    15 Gennaio 2013 - 13:01

    Questo pagliaccio ha solo sbagliato posto, gente cosi meglio perderla che trovarla

    Report

    Rispondi

  • raucher

    14 Gennaio 2013 - 20:08

    ha i suoi voltagabbana.Questo signore è uno che senza politica non sa come sbarcare il lunario e pensa che sia un'ottima idea essere mantenuto da noi.Coerente con le idee del movimento che gli ha dato la possibilità di entrare in politica.

    Report

    Rispondi

  • omega46

    14 Gennaio 2013 - 18:06

    vi leggete quando scivete i titoli?

    Report

    Rispondi

  • Angeli1951

    14 Gennaio 2013 - 18:06

    Quando è vero, è vero! Grillo aveva ragione nel definire disoccupati graziati dal M5S gli eletti che poi hanno ignorato, anzi rinnegato, le promesse di onestà ed etica. Dopo due mandati invece di andare a cercarsi un posto di lavoro, favia cerca ancora una poltrona da parassita. Caro Grillo ne dovrai sopportare molti di questi cialtroni: ma è inevitabile!

    Report

    Rispondi

blog