Cerca

Controcorrente

Forza Italia, primarie per Marina premier. Renato Brunetta: "Io voto Silvio Berlusconi"

Forza Italia, primarie per Marina premier. Renato Brunetta: "Io voto Silvio Berlusconi"

"Se primarie ci saranno, io voto Berlusconi". Sì, ma Silvio Berlusconi. Il capogruppo di Forza Italia alla Camera Renato Brunetta tiene la barra dritta e va per la sua strada. Dentro il partito prende forza la candidatura di Marina Berlusconi per il ruolo di leader e si discute su come arrivare alla sua investitura: se attraverso una incoronazione dall'alto, per scelta di Silvio (che però ha posto una condizione precisa: il buon esito alle Europee), oppure attraverso una consultazione di base, che possa magari coinvolgere anche gli alleati di una eventuale coalizione di centrodestra. Ma Brunetta da mesi si dice contrario ad ogni soluzione dinastica per il dopo Cavaliere. Tanto da confermare che in caso di mobilitazione pre-elettorale, la sua preferenza andrà in ogni caso all'unico leader del centrodestra fin qui riconosciuto dagli italiani, da 20 anni a questa parte.

"Sì a Forza Italia nella maggioranza" - Brunetta prova ad accelerare anche sul possibile ingresso di Forza Italia nella maggioranza di governo. Come su Marina, l'ex ministro della Funzione pubblica si muove orgogliosamente in solitaria (anche se in sintonia con il Cavaliere), visto che un'ampia fetta del partito è invece convinta che con il premier Matteo Renzi si debba rompere. "Berlusconi ha perfettamente ragione a non escludere in futuro la nostra presenza nella maggioranza. La politica dei due forni, dove c'è un forno ricco e uno povero, non ha nessun significato... Se si fanno le riforme insieme, si governa anche insieme - spiega Brunetta -. Non è pensabile che le riforme istituzionali si facciano insieme e poi Renzi faccia l'asso pigliatutto per quanto riguarda il governo...". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • irucangy

    27 Maggio 2014 - 21:09

    Scelta scellerata. Se lanciano l'erede berluschina il partito sparisce.

    Report

    Rispondi

  • neottolemo

    07 Maggio 2014 - 22:10

    A me tutti questi personaggi che continuano a sproloquiare di questo e di quello mi fanno solo pena. Come ritengono possibile dare inizio ad una azione di riforma di questo Paese quando è ormai diretto verso la catastrofe totale? Ormai è tutto fuori tempo massimo. Il programma di riforme di cui si parla tanto e confusamente doveva essere attuato almeno 10 anni fa, ora ha sapore di commedia.

    Report

    Rispondi

  • raf1943

    07 Maggio 2014 - 10:10

    Brunetta,almeno su questo ha ragione!Basta con gli sconti a Renzi se poi a tavola si siede,per mangiare e bere,con tutti i suoi del PD e con i poltronisti di NCD!!Altrimenti sarebbe la vecchia politica dei due forni di andreottiana memoria,cioè il vecchio che non muore ma , altro che il nuovo che avanza!!

    Report

    Rispondi

  • carlo5

    07 Maggio 2014 - 10:10

    Se mai si candidasse Marina Berlusconi per Brunetta, con tutto il rispetto, si profilerebbe il pensionamento politico. La destra ha visogno di un radicale cambiamento a cominciare dalle persone. Non piu' l'errore del padre nel mettere dentro FI un'accozzaglia di vecchi trombati DC, PSI e MSI. Con il risultato che conosciamo e occorrono programmi, che siano all'altezza dei partners europei.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog