Cerca

Al Senato

Dl Lavoro, sì alla fiducia con 158 sì

Dl Lavoro, sì alla fiducia con 158 sì

Il Senato ha votato la fiducia al governo al Dl Lavoro. I sì sono stati 158, i no 122. Il provvedimento torna ora alla Camera per l’approvazione definitiva. la decisione del governo di mettere la fiducia sul provvedimento aveva fatto infuriare i grillini, che hanno occupato l'aula di palazzo Madama, incatenandosi al grido di "così uccidono la democrazia". Il testo del maxiemendamento che è andato al voto al Senato ha tenuto conto delle modifiche apportate in sede di commissione del Senato al testo approvato alla Camera. Modifiche duramente criticate da parte dell'ala sinistra del Partito democratico e della Cgil.

Il testo del disegno di legge introduce parecchie novità come le penali (ma non l'assunzione obbligatoria) per chi sfora il tetto del 20 per cento dei dipendenti a tempo determinato, nuove norme sull'apprendistato e il limite di rinnovo di cinque contratti, sempre a tempo determinato, nell'arco di tre anni. Sindacati e sinistra Pd erano riusciti a far votare un testo diverso da quello iniziale del governo. Testo che però non era piaciuto a Ncd e Sc, che, a loro volta, avevano chiesto subito modifiche al Senato.

Considerato pressochè scontato il "sì" dei senatori dell'Ncd e di Scelta Civica, i maggiori problemi per il governo (che al Senato ha una maggioranza piuttosto risicata, che si aggira sui 6-7 parlamentari) potrebbero venire dalla minoranza di sinistra del Pd, che però al suo stesso interno sembra divisa, visto che l'ex ministro Cesare Damiano ha lodato il testo uscito dalla Commissione in Senato, a differenza, per esempio, di Stefano Fassina.

Testo bocciato in modo durissimo dal segretario della Cgil Susanna Camusso, per la quale "peggiora un testo che era già costruito male, creerà sempre più precarizzazione". Reazioni dure anche dal Movimento 5 Stelle, che ha bollato la richiesta della fiducia come "abolizione della democrazia. Ancora una volta il Parlamento viene espropriato di ogni funzione".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi0000

    07 Maggio 2014 - 16:04

    Ammanettate veramente i grillini e lasciamoli bloccati per un paio di settimane, ovviamente senza acqua, né cibo, giusto per capire che non è loro tutto concesso, ma ci sono regole e buone maniere da rispettare.

    Report

    Rispondi

blog