Cerca

Altro che lotta all'evasione

Ecco i veri calcoli del redditometro:
1,3 miliardi di imposte in più

Ecco i veri calcoli del redditometro:
1,3 miliardi di imposte in più

 

di Franco Bechis

La cifra è scritta nero su bianco in un documento vidimato dalla Ragioneria generale dello Stato e dalla Agenzia delle Entrate per il ministero dell’Economia: un miliardo, 374 milioni e 700 mila euro. Sarà questo l’incasso che arriverà dal nuovo redditometro fra il primo gennaio e la fine dell’anno, ed è una cifra che va ben al di là di quell’operazione di pressing morale e comportamentale entro cui i vertici del ministero sembravano volere circoscrivere il nuovo strumento di “aggiornamento dell’accertamento sintetico”. Un miliardo e 374 milioni di euro è cifra ben superiore al semplice recupero a tassazione di aree grigie che sembravano sfuggire. Perché attenzione: non è un auspicio o un obiettivo di massima, ma la somma contabilizzata nei conti dello Stato ai fini del saldo netto di finanza pubblica da finanziare sulla base dell’articolo 22 del decreto legge 78 del 2010, con cui l’allora ministro dell’Economia Giulio Tremonti aveva previsto il prossimo ritorno del redditometro, rimodellato poi durante il governo di Mario Monti attraverso le disposizioni via via emanate dall’Agenzia delle Entrate guidata da Attilio Befera (che è stato l’anello di congiunzione fra le politiche fiscali degli ultimi due governi). 

Quella norma fu allora spiegata nella relazione di accompagnamento come un semplice adeguamento tecnico del redditometro ai tempi e ai consumi degli italiani, assai mutati rispetto all’impostazione originaria. “L’attuale impostazione”, si spiegò all’epoca, “non tiene conto dei cambiamenti, connessi ai mutamenti sociali, verificatisi nel tempo in ordine alle tipologie di spesa sostenute dai contribuenti ed alle preferenze nella propensione ai consumi. Le modifiche proposte intendono pertanto innovare profondamente questo importante strumento di contrasto all’evasione dell’imposta sul reddito alle persone fisiche”. Sembrava dunque una banale operazione di restyling, simile a quella compiuta dall’Istat con l’aggiornamento del suo paniere per l’inflazione in modo da aggiornare i consumi degli italiani alla realtà. Questa però era un’operazione a costo zero, mentre il redditometro dovrà dare all’erario un incasso singolarmente superiore a molti nuovi balzelli introdotti negli ultimi 18 mesi. Ed esattamente come questi è stato contabilizzato ufficialmente fra le entrate dello Stato, come non avviene quasi mai quando si tratta di recupero di evasione.

La differenza è sostanziale, perché spesso si fanno campagne e iniziative di recupero dell’evasione che affiorano poi nei consueti rapporti annuali dell’Agenzia delle Entrate. Prudenzialmente non vengono però contabilizzate nei conti pubblici di previsione, costituendo invece l’anno successivo un tesoretto da parte per spendere o coprire eventuali buchi emersi. E’ accaduto così nel 2007 con un recupero di 6,4 miliardi di euro, nel 2008 sfiorando i 7 miliardi di euro, nel 2009 raggiungendo 9,1 miliardi di euro, nel 2010 con 11 miliardi di euro e nel 2011 con 12,7 miliardi di euro. Il dato 2012 al momento non è noto. Il premier Mario Monti si è vantato nel suo programma elettorale di avere recuperato 13 miliardi, ma l’Agenzia delle Entrate ha annunciato a dicembre inoltrato di averne recuperati 11 in 11 mesi e di non prevedere di raggiungere la cifra dell’anno precedente. I politici esagerano sempre, e Monti non è diverso dai suoi predecessori. Su queste cifre però si può sempre esagerare: su quella del redditometro, no. Avendola inserita nei conti pubblici quella somma da 1,347 miliardi di euro dovrà comunque essere raggiunta dagli esattori del fisco attraverso il redditometro. Un motivo in più per averne paura, visto che quegli incassi dovranno essere ottenuti con le buone o con le cattive. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • osicran2

    18 Gennaio 2013 - 12:12

    Sento spesso parlare di aumento della pressione fiscale, ma mi dico: Che cos'è la pressione fiscale? Mi sembra logico rispondere che se ho un reddito di 100 e pago 40 di imposte e tasse dirette ed indirette, vuol dire che la mia pressione fiscale è del 40%. Ma, se fermo restando un reddito dichiarato di 100 e il fisco incassa da me 40 e da un evasore altri 20, non vuol dire che la pressione fiscale sia lievitata al 60%, non Vi pare? Pertanto, scoprire e far pagare le tasse a chi le elude o le evade non dovrebbe far aumentare la pressione fiscale, così come un maggior gettito fiscale non è sempre sinonimo di maggiore pressione fiscale. Se invece, per compensare le mancate entrate da chi evade si aumenta il carico fiscale dei soliti noti, allora sì che è giusto parlare di aumento della pressione fiscale.

    Report

    Rispondi

  • babbone

    15 Gennaio 2013 - 17:05

    Popolo di destra sveglia tutti a votare, affondiamo definitivamente questi individui che vogliono il suo bene ma il nostro male.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    15 Gennaio 2013 - 13:01

    Magari ci delizia ancora con l'IMU ,o quello che crede di aver capito dell'IMU.

    Report

    Rispondi

  • silvano45

    15 Gennaio 2013 - 11:11

    ma non aveva detto che non si sarebbe mai candidato? non è lui che è stato il candidato da Berlusconi a commissario europeo? da uno cosi supponente falso e giuda cosa ci si può aspettare? è un degno compagno di merende degli altri due fini e casini e come direbbe fantozzi sono delle m..........

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog