Cerca

Bomba kazaka

Caso Shalabayeva, Alfano preoccupato: la procura di Perugia si muove

Angelino Alfano visto da Benny

A distanza di un anno il pasticcio kazako torna a preoccupare Angelino Alfano. Si parla del caso Shalabayeva, la moglie del dissidente kazako Mukhtar Ablyazov che fu rispedita in fretta e furia nel suo paese d'origine, agli arresti, sostenendo che il suo passaporto fosse falso. Ma falso non era. Alfano, all'epoca e come oggi ministro dell'Interno, finì nel mirino per la gestione della vincenda, anche se non passò la mozione di sfiducia nei suoi confronti (in compenso caddero un bel po' di teste al Viminale).

La magistratura - Oggi, come detto, il pasticcio kazako potrebbe riaprirsi. Per due motivi. Il primo. I grillini tornano alla carica contro il capo del Viminale, bollato come "Incapace. L'inefficienza e inadeguatezza dimostrate nella gestione dell'ordine pubblico in occasione della finale di Coppa Italia allungano la lista delle sue nefandezze a cui, da ultimo, si aggiunge la riapertura del caso Shalabayeva". Per inciso, il M5s ha deciso di presentare una nuova mozione di sfiducia nei confronti del leader di Ncd. E quando i pentastellati sul caso Shalabayeva dicono che potrebbe "riaprirsi", fanno riferimento ad alcune indiscrezioni riportate da Il Giornale: la procura di Perugia, infatti, sta monitorando la questione, e sta accendendo le luci su altri punti controversi della vicenda che già tante difficoltà ha creato ad Alfano. Nel dettaglio, la procura vuole fare chiarezza sul pasticcio dei passaporti, su un verbale lacunoso e su uno scambio di email passato in silenzio e del quale, ad oggi, non si sa di più.

La vicenda - Il caso Shalabayeva esplose il 29 maggio 2013, quando la Digos fece irruzione nella casa romana della famiglia per cercare Mukhtar. Il dissidente però non si trovava nell'abitazione, così furono fermate la moglie e la figlia. La donna e la piccola vennero espulse dall'Italia il 31 maggio, con l'accusa infondata di avere un passaporto falso. Ne seguirono infuocate polemiche, Alfano declinò le responsabilità ("Non ero stato informato", disse) e il 19 luglio venne respinta in Senato la mozione di sfiducia nei suoi confronti. Ora, però, la procura di Perugia è pronta ad aprire un fascicolo sulle presunte irregolarità relative all'espulsione della Shalabayeva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cane sciolto

    27 Novembre 2015 - 01:01

    Finalmente la magistratura ha cominciato la strada giusta, anche perché stavano scaricando tutte le colpe alle ultime ruote del carro cioè ai poliziotti che l'accompagnarono all'aeroporto e messa in aereo, come fanno subito a scaricarsi che pericolosi e VxxxxxI.

    Report

    Rispondi

  • gaidem

    12 Maggio 2014 - 12:12

    Sono due giorni che tenete questa storiella in prima pagina, senza specificare nemmeno quali sarebbero le presunte "irregolarità" commesse da Alfano. Quanto al "dissidente" kazako, abbiate il coraggio di definirlo per ciò che è: un truffatore che si è appropriato di sei miliardi di dollari della banca di cui era presidente ed è stato arrestato mentre era in intimo colloquio con la sua avvocatessa!

    Report

    Rispondi

  • antari

    12 Maggio 2014 - 11:11

    Alfano, questa volta parla, non tener chiusa la bocca!!!

    Report

    Rispondi

  • mab

    11 Maggio 2014 - 20:08

    Bruto o brutto ?? ambedue ma il peggio stà nelle sue manifeste incapacità di politonzolo cresciuto in un paese incapace di emarginare subito questi personaggi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog