Cerca

L'intercettazione

L'inchiesta: soldi a Matacena anche da un conto corrente della Camera

L'inchiesta: soldi a Matacena anche da un conto corrente della Camera

Ci sarebbero stati anche pagamenti a favore di Amedeo Matacena attraverso un conto corrente della Camera. Il versamento a favore dell’ex parlamentare di Forza Italia latitante a Dubai dopo la condanna definitiva a 5 anni di reclusione per concorso esterno in associazione sarebbe stato fatto grazie a Claudio Scajola. Il particolareemerge dalle carte dell’inchiesta “Breakfast” che ha portato in carcere, tra gli altri, anche l’ex ministro dell’Interno e dello Sviluppo.
In una telefonata tra Chiara Rizzo, moglie di Matacena e Scajola si parlerebbe proprio di questo passaggio di denario. Gli inquirenti hanno ricostruito che la famiglia di Matacena, è ormai da tempo alla ricerca di appoggi che possano aiutare il trasferimento di Matacena dalla sua attuale residenza di Dubai al Libano. Gli Emirati Arabi vengono giudicati troppo poco sicuri. Dalle carte emerge che Scajola si sarebbe attivato per incontrare l’ambasciatore libanese in Italia, tramite Vincenzo Speziali, uno degli indagati, ma dato i cambiamenti politici al vertice del Paese, l’incontro è stato poi rinviato. In una telefonata Scajola chiede se Metacena “ha un conto corrente presso la tesoreria della Camera”. La donna riponde in modo affermativo “in quanto l’ultima volta ha pagato versando ad Amedeo là». Scajola, annotano gli inquirenti, “dice che è perfetto in quanto risolveranno tutto in questo modo... Se lui ha fatto una comunicazione alla Camera”. Chiara Rizzo aggiunge “che la comunicazione l’aveva già fatta e avevano fatto la doppia firma con Lei”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iltrota

    12 Maggio 2014 - 19:07

    Appena sarà provata la piena responsabilità di Scajola, l' amico (...abbandonato...) di Silviazzo, che ne dite di evacuare la sua bella casa in Liguria e darle fuoco?! Così, tanto per far capire ai delinquenti che non solo la giustizia è inflessibile, ma anche la gente che si è stufata di questi ladri e criminali fottuti!!!!

    Report

    Rispondi

    • blues188

      13 Maggio 2014 - 07:07

      TincaRipiena, l'idea non è malaccio. Ma si dai, che ne dici se ci mandiamo Greganti a dar fuoco? Ci vuole un uomo fidato, uno che parli poco ma che agisca senza paura e che sia deciso. Ti piace il Greganti, vero Tinca?

      Report

      Rispondi

  • francesco1933

    francesco1933

    12 Maggio 2014 - 18:06

    IO PENSO CHE MAI CONFUSIONE PIU' GRANDE SIA AVVENUTA DA QUANDO VOTAI PER LE PRIMA VOLTA NEL 1953.SI CORREVA A VOTARE ORA CI SI NASCONDE DALLA VERGOGNA VISTO CHE LA POLITICA E' DIVENTATA UNA BOLGIA DI CORROTTI E CORRUTTURI POLITICI INETTI E FANNULLONI IPOCRITI.LA COSTITUZIONE NON TUTELA CHI VOTA MA SOLO CHI E' VOTATO DANDOGLI PRIVILEGI E FACOLTA' DI INDEBITA APPROPRIAZIONE ,DILAGA L'IMMORALITA'

    Report

    Rispondi

  • puntocomando

    12 Maggio 2014 - 14:02

    cos'è il concorso esterno in associazione mafiosa,una barzelletta,si è mafiosi o non lo si è,sai quanti magistrati hanno partecipato a pranzi,cene,andati allo stadio fianco a fianco con gli uomini d'onore,perfino gad lerner,che frequenta gli ultras del livorno,essendoci lì un bel porto con container di tutti i tipi,fate una bella inchiestina e vedete un pò dove lavorano,se lavorano,questi ultras.

    Report

    Rispondi

    • yaaa

      12 Maggio 2014 - 18:06

      "cos'è il concorso esterno in associazione mafiosa" ... quando si partecipa attivamente all'attivita' mafiosa senza aver fatto giuramento di fedelta' (affiliazione) alla cosca ... abbastanza semplice, ci puo arrivare anche lei

      Report

      Rispondi

      • blues188

        13 Maggio 2014 - 07:07

        Eh, yaaa se ne intende. Anche se i più pericolosi non sono i mafiosi, ma i politici rossi, che con la scusa di 'aiutare' i bisognosi e i poveri, mangiano e favoriscono tutte le mafie. Senza gli auti politici le mafie sono un nulla, caro yaaa

        Report

        Rispondi

      • RaidenB

        12 Maggio 2014 - 23:11

        In realtà puntocomando ha ragione. E' risaputo che la mafia ha un suo codice di condotta e non si fa aiutare da gente che non abbia giurato a lei fedeltà. Uno quindi non può essere incriminato per un reato che in teoria non è né carne né pesce. Anche i magistrati a volte cenano e pagano mafiosi. Ma per loro il concorso esterno non si applica. Come mai?

        Report

        Rispondi

  • Galleggiamo

    12 Maggio 2014 - 13:01

    Ok, ma Penati

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog