Cerca

L'intervista

Fassina non nasconde l'inciucio:
"Con Monti pure se vinciamo al Senato"

Il responsabile economico del Pd non esclude la collaborazione col premier. A Ingroia dice: "Non facciamoci del male". Poi bacchetta Santoro: "Ha fatto un regalo al Cav"

Stefano Fassina

Stefano Fassina

Intervista di Martino Cervo

Con la Cgil e con Monti. Con la Camusso e con Enrico Letta. Con Vendola e (forse) Ingroia e contro i populismi. Se c’è una figura su cui si concentrano le difficoltà di lotta e di (possibile) governo del Pd, è quella del responsabile economico Stefano Fassina. 

Come risponderebbe alla domanda fatta al Cavaliere: voterebbe Mario Draghi al Quirinale?

«Draghi sta facendo un grande lavoro alla Bce, è interesse dell’Italia che continui a farlo».

Chi, allora? Prodi?

«Ora eleggiamo il nuovo Parlamento: poi, sarà l’Aula a scegliere il presidente della Repubblica».

Parliamo di palazzo Chigi. Dal luogo di “lancio” della campagna elettorale di Mario Monti, che a Melfi con Marchionne è di fatto entrato in campo, è arrivata la notizia della cassa integrazione straordinaria per lo stabilimento. Monti ha sbagliato a “lodare” l’ad Fiat?

«Il problema è che non è chiaro il contesto, né il progetto, che seguirà alla Cigs. Dal governo ci attendiamo che convochi la dirigenza Fiat per avere indicazioni sul piano industriale. Su questo l’esecutivo è stato carente. Anche perché di Marchionne conosciamo l’abitudine a promesse roboanti, salvo poi mettere a repentaglio la rappresentanza sindacale. Su politica industriale e democrazia dei luoghi di lavoro il governo con Marchionne doveva fare di più». (...)

Martino Cervo su Libero di mercoledì 16 gennaio intervista il responsabile economico del Partito Democratico, Stefano Fassina, che non nasconde l'inciucio: "Con Monti anche se vinciamo al Senato". Fassina non esclude la presenza del premier in un governo di centrosinistra: "Collaboreremo con lui, questa stagione lo richiede". A Ingroia invece rivolge un appello: "Non facciamoci del male". Poi bacchetta Santoro: "Ha fatto un favore a Berlusconi".

Leggi l'intervista di Martino Cervo a Stefano Fassina su Libero di mercoledì 16 gennaio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mpassarelli

    16 Gennaio 2013 - 22:10

    Fassina........... cosa dirti? Per queste tue affermazioni dovrei dire tante cose.....ma mi limito a dire solo ......fai PENA.

    Report

    Rispondi

  • eovero

    16 Gennaio 2013 - 12:12

    se questi signori sono i nuovi politici (Fassina) che IDDIO faccia tornare i vecchi...sarà mai possibile che queste nullità possano domani decidere le sorti italiane...

    Report

    Rispondi

  • soleados

    16 Gennaio 2013 - 12:12

    maurizio52, c'e' una sola tassa nuova che il pd vorrebbe mettere.La patrimoniale sui patrimoni superiori a 1.500.000 euro.Tu non saresti d'accordo che paghimo quelli che i soldi li hanno e non sempre i poveracci? Non lasciarti infinocchiare dalla falsita' e cazzate del cavaliere bunga bunga

    Report

    Rispondi

  • maurizio52

    16 Gennaio 2013 - 11:11

    si comportano così perchè poi così tanto sicuri di stravincere non lo sono,sanno che la metà del paese non li vogliono e chi vuole gente pronta a strattassare? Domando a chi li vota:siete almeno un pò consapevole delle tasse che e vogliono imporci o volete solo i matrimoni gay?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog