Cerca

Lo rivela il capogruppo Daul

Congiura europea contro il Cav:
vogliono espellerlo dal Ppe
Ex azzurri e Monti i "mandanti"

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

E' cominciata la congiura europea per bloccare la corsa del Cav in campagna elettorale. Come annunciato da Libero di oggi a Strasburgo il trio Albertini-Mauro-Frattini prova a processare Berlusconi dentro le mura del Ppe. Il Capo di imputazione è "antieuropeismo". Per capire che la mossa ha solo fini elettorali nella campagna di casa nostra ci vuole poco. Davvero poco. Un'espulsione del Pdl dal Ppe potrebbe indebolire il Cav ma non azzopparlo definitivamente. Intanto il capogruppo Joseph Daul si è affrettato a comunicare che il Pdl per ora "è sotto osservazione. Faremo la sintesi dopo le elezioni. Un partito è un partito, non è un uomo". Isomma per i signori del Ppe il Cav ha una linea che va contro i principi dell'Europa. Non basta che Berlusconi ovunque vada rivendichi il suo dna europeista. No, il fatto che corra contro il Professor Monti è peccato imperdonabile. Ed è lo stesso Daul a dirlo senza giri di parole: "Il candidato del Ppe è il signor Monti. Ma, come sempre in Italia, la situazione è molto complicata, perché abbiamo anche l'Udc e il partito di Berlusconi. Che sono tutti membri del Ppe". Un endorsement così chiaro non lascia spazio a dubbi. In Europa il complotto è ben architettato. Poi dopo l'alleanza con la Lega la rabbia Ppe è cresciuta. Ma non perchè la Lega sia un partito non in linea con l'Europa, ma semplicemente perchè con l'alleanza il Cav ha rafforzato il suo pacchetto di voti ed evidentemente agli "amici" del Prof questo non è andato giù. La pena va dalla "sopsensione" del Pdl ad una espulsione di Berlusconi. Intanto il segretario Angelino Alfano ha risposto a Daul: "Le accuse di Daul, male informato sul programma elettorale del Pdl, sono prive di riscontro concreto. L'Italia - conclude Alfano - è una democrazia sovrana e il Popolo della Libertà ha una carta dei valori che rispecchia quella del Ppe e un programma elettorale chiaramente europeista". Insomma ora anche in Europa si stanno dando un gran da fare per eliminare il Cav. Ma attenzione non è un'impresa semplice. Ormai Silvio è partito. E nemmeno il Prof con la mano sul Ppe può fermarlo.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Borgofosco

    16 Gennaio 2013 - 13:01

    I termini e gli aggettivi sono sempre gli stessi: sprezzanti e dispregiativi! Cosa la differenzia dallo 'squallido' che postava a nome di Renatino De Pedis? Se lei avesse amici tedeschi o francesi gli potrebbero spiegare cosa è accaduto e non casualmente nel complotto anti-italiano. Proprio la letterina della Bce, di cui è certa la provenienza, dimostra lo sviluppo del complotto. Capisco che per lei sia difficile comprendere che mai e poi mai Berlusconi si sarebbe auto castrato. A Martin Schultz gli cala a pennello la definizione di Kapò. Per difendere gli interessi degli italiani, a Bruxelles, dovrebbero esserci i parlamentari europei italiani. Non mi risulta che il Kapò abbia cittadinanza italiana. Per le conclusioni del suo post, degne di Renatino De Pedis, posso non pensarla come lei? Oppure in Italia già è in vigore il pensiero unico tecnocratico? Per quel che concerne la Lega...preferisco vivere in una macroregione italiana che non essere schiavo dei franco-teutonici!!!!

    Report

    Rispondi

  • marco1927

    16 Gennaio 2013 - 12:12

    non sei solo tu a non comprendere purtroppo ma spero vivrai a lungo come altri per osservare il presente come passato ed allora capirai meglio. Io capisco che le dinamiche che si intrecciano possono confondere ma se riuscissi a staccare la spina dell'emotività e ti ponessi le giuste domande....allora potresti forse comprendere che i complotti esistono e hanno regie multiple ma sono sempre il precipitato di una volontà corrotta e anche se tu non lo credi,Berlusconi è un personaggio pulito e decisamente umano, caratteristiche rare ormai in soggetti di potere vero.

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    16 Gennaio 2013 - 12:12

    Dopo la congiura dei poteri forti e dei banchieri, dopo la congiura perenne dei comunisti e di repubblica, dopo la congiura delle toghe rosse, dopo la congiura di monti e dell'europa demogiudoplutocratica, dopo la congiura di bossi, dopo la congiura di casini, dopo la congiura di fini, dopo la congiura di monti e anche dopo la congiura dei trapiantatori di capelli, anche la PASCALE sta congiurando per sabotare la pompetta con la quale si erge l'augusto pisello. NON NE PUO' PIU' !!!!

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    16 Gennaio 2013 - 11:11

    cosa farebbe il nano gli interessi degli italiani? ma per favore. chi avrebbe ostacolato i francesi e i tedeschi? non penso proprio che sia stato silvietto. ovvero a parole si, nei fatti ha accettato, Lui e la Lega, il dicktat...si ricorda la letterina della Bce, quella che treMonti sostiene sia in realtà partita da Roma e da silvietto? e perchè sarebbe partita da treMonti da silvietto? ma perchè avendo portato il paese sull'orlo del baratro e non sapendo come fare per rimediare ha cercato, Lui, il governo tecnico...ha ragione Monti, silvietto è un Pifferaio e voi i suoi topini. ps Martin Schultz ha difeso questo paese quando il parlamento Europeo non stava dando i soldi promessi all'emilia terremotata. FESSO! topino mio, ti sei accorto che silvietto tuo sosteneva che fosse stato lui a invitare Monti al PPE e che il fatto è stato smentito dallo stesso PPE. la provocazione dell'uscita dall'euro non era una provocazione, ma un cagata pazzesca!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog