Cerca

Pd a piazza del Popolo

Matteo Renzi: "Il M5s è l'incubo e il terrore"

Matteo Renzi

Tris di leader in campo: Silvio Berlusconi a Roma, Beppe Grillo a Milano. E sempre a Roma parla anche il premier, Matteo Renzi, in uno degli ultimi interventi prima del voto di domenica alle Elezioni europee. Il Pd si ritrova a piazza del Popolo, dove però fa capolino anche un gruppo di circa 50 persone aderenti ai movimenti per la casa e al movimento No-Tav. I manifestanti hanno cercato di srotolare uno striscione, ma sono stati fermati dalla polizia, che ha identificato quattro persone. I manifestanti, ancor prima dell'intervento di Renzi, si erano assiepati sulla scalinata di una delle due chiese gemelle che dominano la piazza, controllati da vicino alle forze dell'ordine.

Ai contestatori - Il premier, iniziando il suo intervento, si è rivolto proprio ai contestatori: "Se qualcuno pensava che avessimo paura, anche oggi dimostriamo che la piazza è casa nostra". I contestatori hanno risposto con trombette e fischietti, ai quali i militanti Pd hanno risposto a loro volta fischiando. Il premier, dunque, è intervenuto: "Democratiche e democratici, non rispondete alle provocazioni. Lo fanno tutte le volte, sempre all'inizio, ma noi dimostriamo con la forza del sorriso che la piazza è il luogo da cui il Pd riparte. Avete visto come è questa campagna elettorale, ma noi siamo qui con il sorriso sulle labbra". E ancora: "Le contestazioni sono normali. Hanno parlato di 'peste rossa' e 'lupara bianca'. Poi è normale che si chiami la Croce Verde".

Contro Grillo - Nel mirino del premier, dopo le aspre polemiche degli ultimi giorni, ci finisce inesorabilmente Beppe Grillo. Durissimo l'affondo di Renzi: "C'è chi ieri ha evocato Berlinguer e poi dice di essere oltre Hitler. Non si può mettere nella stessa frase la parola Hitler e quella Berlinguer. Giù le mani da Enrico Berlinguer! Sciaquatevi la bocca!", ha urlato a squarciagola il presidente del Consiglio. Dunque, sempre contro il leader M5S: "Qualche nostro competitor ha fischiato l'inno, forse voleva il voto di Genny 'a Carogna. Noi cantiamo l'inno. E giù le mani dalle forze dell'ordine, niente strumentalizzazione". Quindi ancora una risposta ai grillini: "Noi siamo il cambiamento, nessuno ci può dare lezioni su legalità e onestà. Noi abbiamo nominato Cantone a capo dell'Anticorruzione e migliorato la legge sul voto di scambio".

80 euro - Il premier torna poi a difendere il bonus Irpef, i "mitici 80 euro" in busta paga: "Non sono elemosina - ha affermato -, e l'Irap l'abbiamo abbassata soltanto noi. Chi critica gli 80 euro non sa neanche che cosa sia un mutuo". Dunque Renzi afferma di essere sicuro di trionfare al voto di domenica: "Le elezioni le vinciamo noi, è la realtà dei fatti. Ma non finisce qui. Quando avremo i risultati delle elezioni ci rimboccheremo le maniche. O lo fa il Pd o non lo fa nessuno...". E ancora contro il M5s: "Loro sono la paura, loro sono l'incubo e il terrore. Noi siamo il diritto di tornare a sognare". Il premier, infine, ha smentito le voci su una possibile futura modifica alla maggioranza: "No, non la allargo a Forza Italia. Non saremo mai alleati di Forza Italia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Garrotato

    23 Maggio 2014 - 11:11

    Il diritto di tornare a sognare, gli Italiani se lo conquisteranno presto, ma a suon di mitra, se Renzi va avanti a chiacchiere...

    Report

    Rispondi

  • encol

    23 Maggio 2014 - 11:11

    Il Renzi NON ha ancora capito che prima di fare il premier occorre guadagnarsi il consenso VERO degli italiani NON quello di un Presidente . Se il bullo fiorentino fosse uno ONESTO avrebbe improntato questa capagna elettorale proprio sul fatto d'essere un provvisorio o un temporaneo miracolato invece si propone esattamente come CHI i voti se li è guadagnati sul campo; questa NON si chiama onestà

    Report

    Rispondi

  • arwen

    23 Maggio 2014 - 10:10

    Di vero c'è solo che Renzi c'ha na paura fottuta. L'omino ha già detto, mettendo le mani avanti, che anche se perdesse, nn cambierebbe nulla. Allora facciamo un sunto dei fatti: parlamento dichiarato illegittimo dalla Cortre Costituzionale. Capo del governo giunto al potere con una pugnalata alle spalle. Crisi profonda. Disoccupazione. Crollo del PIL. Siamo sicuri che nn cambierà nulla Matte'?

    Report

    Rispondi

  • ortensia

    23 Maggio 2014 - 08:08

    Un partito che schiera una boccia persa come la picierno merita solo pernacchie

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog