Cerca

Politica e giustizia

Lega, perquisite le sedi di Milano e Torino

Roberto Maroni

Come da copione. I sondaggi danno l'asse Pdl-Lega vincente in in Lombardia ed ecco che interviene la magistratura. La Guardia di Finanza, infatti, bussato alle porte delle sedi di Milano in via Bellerio (presenti il candidato governatore Roberto Maroni e Umberto Bossi) e di Torino per una perquisizione disposta dal pm milanese Maurizio Ascione  nell'ambito dell'inchiesta per bancarotta e corruzione con al centro presunte irregolarità sulle quote latte. Ieri sera il pm Ascione  ha convocato come testimoni la segretaria di Bossi, Daniela Cantamessa e la segretaria della sede torinese Loredana Zola. Le due segretarie sono state sentite come testimoni mentre l'inchiesta è secretata. Nelle settimane scorse, sono stati sentiti anche Renzo Bossi,  Giancarlo Galan, Luca Zaia, l'ex senatore leghista Dario Fruscio, Giuseppe Ambrosio, ex capo gabinetto delle Politiche Agricole, già arrestato a Roma per sospette frodi

Il ruolo chiave della Lombardia - E' una coincidenza, eppure sorprende il tempismo con cui le Fiamme Gialle hanno bussato alle porte della Lega: proprio nel momento in cui il consenso di Roberto Maroni è schiacciante. Le elezioni regionali lombarde avranno un ruolo chiave nelle elezioni politiche, una vittoria di Lega-Pdl renderebbe più difficile per Pier Luigi Bersani ottenere la maggioranza anche al Senato (che diventa impossibile se, anche nelle altre regioni-chiave come la Sicilia e la Campania dovesse avere la meglio la coalizione di centrodestra).

La precisazione - La Lega non c'entra nulla, siamo terzi e quindi la questione è chiusa''. Così il segretario federale della Lega Nord, Roberto Maroni, da Cernobbio esclude ogni possibile coinvolgimento del Carroccio nell'inchiesta sulle quote latte. "La procura pensava di trovare dei documenti di una dipendente di via Bellerio - ha proseguito Maroni - ma non è stato trovato nulla. Abbiamo fornito alla Guardia di Finanza la totale collaborazione e quindi non è vero, come ha scritto qualcuno, che abbiamo posto la questione dell'immunità perché l'inchiesta riguarda appunto una società estranea alla Lega''. Alla domanda dei giornalisti se sia in grado di escludere ogni possibile coinvolgimento nell'inchiesta di esponenti della Lega, Maroni ha risposto: "Certo che è così".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arellano

    18 Gennaio 2013 - 15:03

    Avete governato paese e regioni del nord almeno negli ultimi 10 anni se non di più e la colpa delle condizioni del paese è di Monti Bersani e Vendola???? La verità è che la lega ha fallito: non ha portato nulla a casa ,neanche uno straccio di federalismo e in più i rappresentanti che gridavano ladri agli altri sono diventati peggio di tutti.Solo chi è un integralista non pensante può votare ancora lega,ma sono sempre di meno per fortuna

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    18 Gennaio 2013 - 11:11

    Si capisce che sei un incompetente e che ti piace dare aria alla bocca!La Lega nelle tre regioni del nord da te evocate è un partito radicato da anni!Il 5% non è il reale consenso di cui gode ma,è il frutto delle proiezioni fatte da la7,o da Mannainer.Alle ultime elezioni la Lega ha raccolto il 12%(terzo partito italiano)dei consensi al nord,cioè,le tre regioni messe assieme raccolgono 24(1/3 della popolazione italiana!)milioni di abitanti,di cui 20 hanno il diritto di voto!In pratica più di un terzo dei votanti italiani!Sono quasi 5 milioni di voti!Tu sei abituato all'UDC,con il 5% sparpagliato in tutta Italia,2 milioni circa,ma la Lega opera al nord con quei consensi che,ritorneranno alle prossime elezioni!

    Report

    Rispondi

  • sirjoe

    17 Gennaio 2013 - 14:02

    la lega non finisce di stupire.... in peggio naturalmente. può un partitino del 5% avere in pugno tre grandi regioni del nord? ma che cazzo di paese è l'italia!!!

    Report

    Rispondi

  • Aprile2016

    17 Gennaio 2013 - 13:01

    ***La sanguisuga a caccia di quattrini per Mari o Monti arricchisce sempre di più le caste impoverendo invece chi suda il salario, trova terreno fertile tra i "cagnotti" larve che si nutrono di cadaveri in putrefazione attendendo che diventino vermi. MASOKISTI! La kolpa è vostra e non della Lega Nord. Fate letteralmente pena e meritate la kompassione totale. Peggio per voi. Io vi ho avvertito poi, fate come dice l'orekkinato del tavoliere o il bocciofilo della bettola "ber-sani".*

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog