Cerca

Bufera elettorale

Forza Italia: Berlusconi, Marina e Fitto, in tre per la leadership

 Forza Italia: Berlusconi, Marina e Fitto, in tre per la leadership

"Serve una riflessione, anche sulla nuova leadership". E' Maurizio Gasparri, in diretta al TgLa7, ad aprire le danze sul futuro di Forza Italia dopo il flop delle elezioni europee, chiuse al 16 per cento. Su Twitter, qualche minuto dopo, il senatore azzurro prova un po' a frenare: "Ripartire da Forza Italia con tenacia. Unendo il centrodestra che ha in Berlusconi anche oggi il maggior punto di consenso". Vero, a giudicare dai risultati dei possibili alleati: Lega Nord intorno al 6%, Ncd appena sopra il 4%, Fratelli d'Italia sotto lo sbarramento. Insieme, un centrodestra così composito arriva ad un ipotetico 30%, ancora lontanissimo dal Pd di Matteo Renzi. E se è certo che il "marchio Berlusconi" tira ancora di più di Alfano, Salvini e Meloni, è altrettanto certo che, da solo, il Cavaliere non basta più.

Fitto fa la voce grossa - Il centrodestra e Forza Italia si preannunciano, nei prossimi mesi, una polveriera. Gasparri non è il solo a mettere in discussione in qualche modo il ruolo stesso di Silvio Berlusconi. Paolo Romani vuole aprire il "cantiere", mentre altri big ammettono, come spiega Alessandro De Angelis su HuffingtonPost, che "così moriamo tutti, serve una riflessione". I "falchi" azzurri, da Daniela Santanché a Raffaele Fitto (capolista al Sud, unica circoscrizione soddisfacente, e secondo candidato più votato in Italia dopo il dem Renato Soru: risultato che lo lancia prepotentemente all'interno del partito), vogliono un cambio di linea deciso: basta con le incertezze sull'appoggio esterno al governo Renzi, perché dalla linea morbida ha guadagnato solo il premier.

La carta Marina Berlusconi - Per ora Berlusconi non parla ufficialmente, ma ai fedelissimi lascia intendere che non ha alcuna intenzione di mollare. "Ci ho messo la faccia, voi date la colpa alla mia assenza", avrebbe confidato un Cav versione capro espiatorio. La colpa del risultato deludente sarebbe dei magistrati, della campagna elettorale azzoppata, dei servizi sociali, del divieto di spostarsi liberamente per il Paese. Un problema, questo, che persisterà anche nei prossimi mesi. E se Renzi volesse affrettare il ritorno alle urne, magari con elezioni politiche già in aumtunno, per Forza Italia sarebbero guai. Occorrerebbe trovare un nuovo leader e il nome è già bell'e pronto: Marina Berlusconi (Fitto permettendo).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Quijote

    27 Maggio 2014 - 16:04

    Il più grande torto di Berlusconi è quello di ritenersi immortale e di non aver allevato una rosa di probabili successori. Il momento di mollare viene per tutti e, se non c'è un erede predestinato, l'eredità è destinata ad essere smembrata tra i pretendenti. Fra gli attuali delfini non vedo alcuno in grado di prendere in mano le redini del partito. E per favore, lasciamo stare le dinastie!!!

    Report

    Rispondi

  • massimari55

    27 Maggio 2014 - 15:03

    La Le Pen all'Eliseo e Marina B. a Palazzo Chigi. Due donne con attributi e VOTI. Io sono per le quote azzurre, e lo dice un maschietto Massimo

    Report

    Rispondi

  • mich123

    26 Maggio 2014 - 23:11

    Romani e Toti sommano i voti di NCD a quelli di FI. Chiedono il "laboratorio". Prima bisogna vedere se Salluzzi pretende ancora che Alfano chieda scusa.

    Report

    Rispondi

  • guifra35

    26 Maggio 2014 - 22:10

    Esultate pure per la vittoria del PD. Poi dopo non piangete se quello che guadagnate basterà appena per pagare le tasse!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog