Cerca

Vince chi paga

Renzi al 41%: le ragioni del successo

Renzi al 41%: le ragioni del successo

Più di undici milioni di italiani hanno votato Matteo Renzi e il Pd ha strappato in Europa un risultato clamoroso, storico: il 41%. “Commosso e determinato adesso al lavoro per un’Italia che cambi l’Europa”, Matteo Renzi condensa nei 140 caratteri di twitter tutto ciò che lo percorre alla fine di una serata che tutti al Nazareno, definiscono ecezionale. Un  voto che serve anche a legittimare un premier che non è uscito dalle urne. Perché Matteo Renzi ha vinto? Perché è riuscito ad ottenere una percentuale così alta di voti (paragonabile solo a quella della Dc nel 19589? Neanche i sondaggi avevano previsto tanto. Anzi, gli ultimi giorni prima del voto, negli ambienti dem si temeva il sorpasso di Grillo. Le urne hanno decretato il trionfo del premier.

Le ragioni - La prima riflessione non può che partire dal popolismo di Matteo, dai suoi 80 euro in più in busta paga (che anche se saranno poi mangiati dall’ondata di tasse che arriverà in autunno) ha dato agli italiani l’illusione di un po’ di ossigeno. Vince chi paga, poco importa se poi questi soldi li riprenderà: Renzi ha intercettato un grave disagio sociale, ha colto disperazione di chi non riesce ad arrivare a fine mese e ha saputo regalargli, anche attraverso una comunicazione diretta, semplice, una speranza. Non solo. Matteo Renzi, che non è mai stato in Parlamento, rappresenta per molti quello che voleva essere Grillo, cioè l’anti-Casta. In più ha asfaltato completamente la vecchia classe dirigente. I D’Alema e i Veltroni sono spariti da questa campagna elettorale: basti pensare ai capilista che ha scelto di portare in Europa (a parte la Picierno che ha collezionato una gaffe dietro l’altra durante la campagna elettorale), sono tutti nomi che possono piacere o meno ma che rappresentano davvero una scelta di rottura totale, uno strappo rispetto alle scelte dettate dal partito. Adesso, al Nazzareno si pensa già al dopo e ci si chiede che cosa farà Renzi. Come sfrutterà questo clamoroso successo? Sceglierà di andare al voto, o proseguirà lungo la strada delle riforme fino alla scadenza della legislatura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RigottiFedora

    RigottiFedora

    26 Maggio 2014 - 09:09

    Sono contenta che Renzi abbia raggiunto il 41% dei voti. Non mi domando come sfrutterà le sue risorse. l'unico nodo che mi inibiva rispetto dal votarlo, erano lo spettro di D'Alema, o Prodi, pare influente oggi. E ancora di più lo applaudo perché ha dimostrato di fare dei cambiamenti, non di volerli fare. ai posteri l'ardua sentenza?? non ci pare.

    Report

    Rispondi

    • susanna.mattarozzi

      26 Maggio 2014 - 12:12

      Infatti grazie a voi ci godremo l'ardua sentenza. Complimenti.

      Report

      Rispondi

  • encol

    26 Maggio 2014 - 08:08

    Che cosa farà adesso? Continuerà a "vendere pentolame" è ciò che sa fare meglio e, manovrato dal partito ( che non ha mai rottamato) continuerà ad aumentare tasse e balzelli senza badare ad alcun risparmio della spesa . Di tanto in tanto darà lo zuccherino, da perfetto imbonitore, agli italiani che lo hanno votato. Basta poco se con 80EU già li ha comprati

    Report

    Rispondi

blog