Cerca

Dopo il faccia a faccia

Forza Italia, la rivolta di Fitto contro Berlusconi: "Primarie a tutti i livelli"

Forza Italia, la rivolta di Fitto contro Berlusconi: "Primarie a tutti i livelli"

Dentro Forza Italia sono ore difficili. Il faccia a faccia con Silvio Berlusconi al comitato di presidenza non ha convinto il partito. Il risultato delle europee pesa e l'ansia per trovare una exit strategy che porti ad un futuro lontano dalle delusioni comincia a indebolire il partito. Il vertice con Silvio Berlusconi ha alzato il velo su tutti i problemi che restano alla base dei forzisti. I fedelissimi cominciano a smarcarsi e in coro chiedono primarie immediate a tutti i livelli per ribaltare le gerarchie del partito. Secondo quanto racconta Repubblica, il comitato di ieri è stato drammatico. Berlusconi ha ribadito la sua leadership e ha chiuso le porte a soluzioni dinastiche per la sua successione. E così Raffaele Fitto, il più votato alle ultime europee ha contestato la linea del Cav: "Presidente tu devi essere capace di sorprenderci, devi indicarci prospettive. La classe dirigente si selezione dal basso, non possiamo continuare a nominare gente dall'alto.

La rivolta - Non cerco incarichi, non ho nulla contro Toti e Cattaneo, ma non esiste che alcuni posti vengano affidati a loro senza consultare il partito", avrebbe detto Fitto durante la riunione del Comitato. A questo punto è saltato il banco. Altri big forzisti hanno trovato il coraggio di parlare e di esporre le loro ragioni al Cav. Tra i "contestatori" ci sarebbero Daniele Capezzone, Laura Ravetto, Michaela Binacofiore, ma anche Pino Glati ed Elisabetta Gardini. Altre come Mara Carfagna e Renata Polverini non intervengono ma applaudono alle parole di Fitto. Contestato anche Verdini che aveva lanciato l'idea dei congressi comunali. Niente da fare, l'ex coordinatore nazionale è stato fermato da Fitto: "L'ho sempre ritenuta una cosa di sinistra ma qui non abbiamo bisogno di congressi, ma di primarie a tutti i livelli". Gelo in sala. Insomma gli equilibri interni di Forza Italia cominciano a scricchiolare e ora il Cav deve trovare una soluzione per tenere unito il partito ed evitare una dolorosa scissione dopo quella degli alfaniani. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giangilo

    31 Maggio 2014 - 11:11

    Fitto ha ragione da vendere. Se non si fa così FI farà la fine di FLI. Così la sx governerà per 30 anni.

    Report

    Rispondi

  • francescos

    30 Maggio 2014 - 08:08

    Ecco il prossimo" BRUTO FIGLIO MIO".Ma dove vai se il CARMA non ce l'hai???? Si é montato la testa anche lui?? Invece di fare proclami,dovrebbero riunirsi in privato e decidere seriamente il da farsi,c'é troppo caos e questi lestofanti fanno piu il male che il bene del partito. SOMARI INGRATI.

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    30 Maggio 2014 - 06:06

    quando gli lo diceva FINI invece credeva di essere DIO IN TERRA e poi quella cazzata di dire che avrebbe fatto meglio il PAPA oramai passa anche per matto Questo partito è morto anche per colpa di incapaci voi parlate male di Alfano ma almeno stanno tentando di salvare l'ITALIA con responsabilità e la gente li sta premiando e li premierà sempre di più perché sono responsabili e dialogano

    Report

    Rispondi

  • amaly

    30 Maggio 2014 - 00:12

    Ma chi glielo fa fare? Li molli tutti nella propria immondizia e poi vedremo che fine faranno

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog