Cerca

Dopo il faccia a faccia

Forza Italia, la rivolta di Fitto contro Berlusconi: "Primarie a tutti i livelli"

39
Forza Italia, la rivolta di Fitto contro Berlusconi: "Primarie a tutti i livelli"

Dentro Forza Italia sono ore difficili. Il faccia a faccia con Silvio Berlusconi al comitato di presidenza non ha convinto il partito. Il risultato delle europee pesa e l'ansia per trovare una exit strategy che porti ad un futuro lontano dalle delusioni comincia a indebolire il partito. Il vertice con Silvio Berlusconi ha alzato il velo su tutti i problemi che restano alla base dei forzisti. I fedelissimi cominciano a smarcarsi e in coro chiedono primarie immediate a tutti i livelli per ribaltare le gerarchie del partito. Secondo quanto racconta Repubblica, il comitato di ieri è stato drammatico. Berlusconi ha ribadito la sua leadership e ha chiuso le porte a soluzioni dinastiche per la sua successione. E così Raffaele Fitto, il più votato alle ultime europee ha contestato la linea del Cav: "Presidente tu devi essere capace di sorprenderci, devi indicarci prospettive. La classe dirigente si selezione dal basso, non possiamo continuare a nominare gente dall'alto.

La rivolta - Non cerco incarichi, non ho nulla contro Toti e Cattaneo, ma non esiste che alcuni posti vengano affidati a loro senza consultare il partito", avrebbe detto Fitto durante la riunione del Comitato. A questo punto è saltato il banco. Altri big forzisti hanno trovato il coraggio di parlare e di esporre le loro ragioni al Cav. Tra i "contestatori" ci sarebbero Daniele Capezzone, Laura Ravetto, Michaela Binacofiore, ma anche Pino Glati ed Elisabetta Gardini. Altre come Mara Carfagna e Renata Polverini non intervengono ma applaudono alle parole di Fitto. Contestato anche Verdini che aveva lanciato l'idea dei congressi comunali. Niente da fare, l'ex coordinatore nazionale è stato fermato da Fitto: "L'ho sempre ritenuta una cosa di sinistra ma qui non abbiamo bisogno di congressi, ma di primarie a tutti i livelli". Gelo in sala. Insomma gli equilibri interni di Forza Italia cominciano a scricchiolare e ora il Cav deve trovare una soluzione per tenere unito il partito ed evitare una dolorosa scissione dopo quella degli alfaniani. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giangilo

    31 Maggio 2014 - 11:11

    Fitto ha ragione da vendere. Se non si fa così FI farà la fine di FLI. Così la sx governerà per 30 anni.

    Report

    Rispondi

  • francescos

    30 Maggio 2014 - 08:08

    Ecco il prossimo" BRUTO FIGLIO MIO".Ma dove vai se il CARMA non ce l'hai???? Si é montato la testa anche lui?? Invece di fare proclami,dovrebbero riunirsi in privato e decidere seriamente il da farsi,c'é troppo caos e questi lestofanti fanno piu il male che il bene del partito. SOMARI INGRATI.

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    30 Maggio 2014 - 06:06

    quando gli lo diceva FINI invece credeva di essere DIO IN TERRA e poi quella cazzata di dire che avrebbe fatto meglio il PAPA oramai passa anche per matto Questo partito è morto anche per colpa di incapaci voi parlate male di Alfano ma almeno stanno tentando di salvare l'ITALIA con responsabilità e la gente li sta premiando e li premierà sempre di più perché sono responsabili e dialogano

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media