Cerca

Beppe Grillo, quando diceva: "Evviva il capitalismo"

2
Beppe Grillo

In principio fu il capitalismo. Sembra che la storia del Movimento 5 Stelle possa essere riscritta così, almeno stando a «Sette», il settimanale del «Corriere della Sera». Data di pubblicazione del numero in questione, giugno 1995. A Palazzo Chigi c'era Lamberto Dini, al Quirinale Oscar Luigi Scalfaro e un giovanissimo (per la politica, almeno) Beppe Grillo sentenziava senza troppi giri di parole: «Chiariamo: non sono di sinistra. Io sono un capitalista, voglio il trionfo del capitalismo. Quello vero, però».

E dire che neanche qualche settimana fa il guru pentastellato sosteneva pubblicamente, elogiando le «virtù» del comunismo, che «il capitalismo non è stato applicato male: il capitalismo disgrega gli Stati e non prevede la democrazia». Come si dice? Solo i sassi non cambiano mai idea. Nelle pagine interne di quel settimanale Grillo si cimentava con un vademecum economico da analista consumato che il solo titolo è tutto un programma (il suo, ovvio): «Ora non fatemi girare le merci». Dichiarava anche, provocatoriamente questa volta: «Io sono per l’esplosione del consumismo».

«Ma perché non mette su una setta?» gli chiedeva, poi, quasi vent’anni fa Gian Antonio Stella nella lunga intervista (tre pagine fitte fitte che a leggerle oggi sembrano piene di segni premonitori). E il comico genovese rispondeva serafico: «C'è già, c’è già…». Forse bisognava prenderlo sul serio già allora, ma abbiamo pensato tutti fosse solo un comico.

di Claudia Osmetti

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Janses68

    05 Giugno 2014 - 09:09

    Grillo levati da questo paese che e' meglio .....

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    04 Giugno 2014 - 21:09

    Grillo cambia spacciatore che è meglio.

    Report

    Rispondi

media