Cerca

Beppe Grillo, quando diceva: "Evviva il capitalismo"

Beppe Grillo

In principio fu il capitalismo. Sembra che la storia del Movimento 5 Stelle possa essere riscritta così, almeno stando a «Sette», il settimanale del «Corriere della Sera». Data di pubblicazione del numero in questione, giugno 1995. A Palazzo Chigi c'era Lamberto Dini, al Quirinale Oscar Luigi Scalfaro e un giovanissimo (per la politica, almeno) Beppe Grillo sentenziava senza troppi giri di parole: «Chiariamo: non sono di sinistra. Io sono un capitalista, voglio il trionfo del capitalismo. Quello vero, però».

E dire che neanche qualche settimana fa il guru pentastellato sosteneva pubblicamente, elogiando le «virtù» del comunismo, che «il capitalismo non è stato applicato male: il capitalismo disgrega gli Stati e non prevede la democrazia». Come si dice? Solo i sassi non cambiano mai idea. Nelle pagine interne di quel settimanale Grillo si cimentava con un vademecum economico da analista consumato che il solo titolo è tutto un programma (il suo, ovvio): «Ora non fatemi girare le merci». Dichiarava anche, provocatoriamente questa volta: «Io sono per l’esplosione del consumismo».

«Ma perché non mette su una setta?» gli chiedeva, poi, quasi vent’anni fa Gian Antonio Stella nella lunga intervista (tre pagine fitte fitte che a leggerle oggi sembrano piene di segni premonitori). E il comico genovese rispondeva serafico: «C'è già, c’è già…». Forse bisognava prenderlo sul serio già allora, ma abbiamo pensato tutti fosse solo un comico.

di Claudia Osmetti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Janses68

    05 Giugno 2014 - 09:09

    Grillo levati da questo paese che e' meglio .....

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    04 Giugno 2014 - 21:09

    Grillo cambia spacciatore che è meglio.

    Report

    Rispondi

blog