Cerca

Patto del Nazareno

Berlusconi-Renzi, nuovo faccia a faccia sulle riforme

Bloccati i lavori sul nuovo Senato, l'incontro già settimana prossima

Berlusconi-Renzi, nuovo faccia a faccia sulle riforme

L'incontro bis ci sarà, a tre mesi dal primo, clamoroso faccia a faccia in largo del Nazareno. Il quotidiano "La Repubblica" rivela che il premier e segretario del Pd Matteo Renzi e il numero uno di Forza Italia Silvio Berlusconi torneranno a vedersi già la prossima settimana con l'obiettivo di sbloccare il percorso delle riforme. Per preparare il nuovo colloquio sono al lavoro Lorenzo Guerini del Pd e Gianni Letta.

Al centro dell'incontro ci sarà l'abolizione (o meglio, trasformazione) del Senato che è impantanata ormai da settimane. E a palazzo Madama, proprio sul futuro della seconda camera del Parlamento, regna il caos. Il Pd stesso è diviso: il "modello francese" (cioè quello del nuovo Senato delle autonomie") conta sempre meno simpatizzanti e, se venisse votato oggi in commissione Riforme, verrebbe quasi certamente bocciato. La Lega ha presentato 3.806 emendamenti (dei circa 5mila totali), per ritirare i quali chiede la devolution, un nuovo Senato eletto dai cittadini e la riduzione dei deputati a 500. berlusconi, per bocca del suo capogruppo a palazzo madama Paolo Romani, ha detto chiaramente che il "modello francese", con un Senato non eletto dai cittadini (e con ogni probabilità "rosso", visto il dominio di cui il Pd gode nelle amministrazioni locali della Penisola) è "inaccettabile". E Daniela Santanchè chiede che "Forza Italia si divincoli dalla catena del patto con Renzi". Il premier e Berlusconi si rivedranno faccia faccia. Ma non è detto che l'esito sia il medesimo di tre mesi fa. E Renzi ha detto chiaro e tondo che se non si trova un accordo si va tutti a casa...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    09 Agosto 2014 - 09:09

    Le "riforme" messe sul tavolo NON servono ai cittadini, perciò fatto salvo la riduzione drastica dei parlamentari , le priorità sono ben altre. Per ridurre o tagliare le indecenti spese, spesso inutili, dello stato non occorrono riforme ma semplicemente le palle quadrate. In questo nessuno si impegnerà mai perchè tutti COLLUSI.. Solo il popolo unito e incazzato può risolvere questa vergogna.

    Report

    Rispondi

  • morello

    06 Giugno 2014 - 12:12

    Renzi è l'unico che garantisce a Berlusconi di vivere con una certa tranquillità i suoi problemi giudiziari! A berlusconi tanto basta , il resto sono solo cavoli degli Italiani...

    Report

    Rispondi

  • ubik

    06 Giugno 2014 - 11:11

    berlusconi non vuole che esista il reato di falso in bilancio. Vuole la contabilità creativa

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    06 Giugno 2014 - 09:09

    Incontro - scontro Berlusconi - Renzi. Il leader "Maximo" (Cuba docet) contro il "taverniere di Firenze" . Non se ne può più: basta con queste ciarlatanate.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog