Cerca

Giustizia

Unipol, sentenza rinviata a dopo le elezioni

I giudici accolgono la richiesta dei legali del Cav di spostare la sentenza, smentendo i loro colleghi del processo Ruby

Unipol, sentenza rinviata a dopo le elezioni

Mentre i giudici del processo Ruby ritengono che il procedimento non debba essere sospeso per "motivi elettorali", quelli del caso Unipol hanno accolto la richiesta dell'avvocato di Silvio Belrusconi, Piero Longo, che aveva presentato appunto la domanda di sospensione. L'udienza in cui satà emessa la sentenza è stata quindi spostata a dopo il 7 marzo ritenendo fondata la richiesta dei legali del Cav. Per i magistrati del processo Ruby invece aveva deciso in senso opposto in quanto "Berlusconi non è candidato premier", per i giudici presieduti da Oscar Mogi, l'udienza è stata rinviata per "motivi rilevanti".   


"Assoluzione senza se e senza ma" Magi leggendo le motivazioni che hanno portato all'accoglimento della richiesta, avanzata dalla difesa dell'ex premier spiega che sono ''motivi non puramente dilatori''. Uno dei legali del Cavaliere, Massimo Montesano, al termine della sua arriinga al processo contro il "passaggio di mano" dell'intercettazione Fassino-Consorte, ha chiesto l'assoluzione senza se e senza ma del Cavaliere. Il legale ha spiegato che non ci sono prove che Berlusconi abbia ascoltato il nastro e se cosi' fosse "poteva anche non essere a conoscenza della segretezza del contenuto dell'intercettazione"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • guidoboc

    18 Gennaio 2013 - 08:08

    Hanno rovinato l'Italia e continuano a danneggiarla

    Report

    Rispondi

  • gerrycat

    17 Gennaio 2013 - 23:11

    non e che la boccassini è innamorata di berlusconi! per me non dorme la notte!

    Report

    Rispondi

  • gerrycat

    17 Gennaio 2013 - 23:11

    non e che la boccassini è innamorata di berlusconi! per me non dorme la notte!

    Report

    Rispondi

  • solerosso34

    17 Gennaio 2013 - 21:09

    I ROSSI SANNO SOLO CRITICARE E MASSACRARE TUTTE LE PERSONE INTELLIGENTI, COME LORO PURTROPPO NON SONO.SONO INVIDIOSI,MALIGNI V BERSANIENDICATORI,LANCIATORI DI OGGETTI DURANTE I COMIZI. NEL CENTRO DESTRA CERTE COSE NON SONO MAI ACCADUTE. MAI NESSUNO A ATTACCATO TOGLIATTI LONGO BERLINGUER BERSANI COME LORO HANNO ATTACCATO BERLUSCONI.BERLUSCONI è STATO ATTACCATO PRIMA CHE ENTRASSE IN POLITICA, LA MAGISTRATURA è STATA LA PRIMA ISTITUZIONE CHE HA DIFFAMATO LO STATO ITALIANO ALL'ESTERO. EPPURE QUEL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA VOLEVA FARE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. FACCE DI BRONZO ANDATE A CAVALLO E NON ROMPETE PIù LE PALLE

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog