Cerca

L'archistar

Il senatore a vita Renzo Piano contro la riforma di Renzi: "Senatori eletti e pagati"

Il senatore a vita Renzo Piano contro la riforma di Renzi: "Senatori eletti e pagati"

"L'idea di un senatore a tempo perso mi pare inconcepibile. Un senatore è uno che deve fare un buon lavoro". Intervistato dal Corriere della Sera, l'archistar e senatore a vita Renzo Piano si schiera contro il progetto di riforma del Senato del premier Matteo Renzi, che prevederebbe la non eleggibilità degli onorevoli a Palazzo Madama, sostituiti dai rappresentanti eletti da Regioni e Comuni. "Trovo logico che il Senato sia ridotto nei numeri, che sia meno remunerato e che sia eletto. Dall'intero Paese o da una grande platea, ma eletto", è il commento di Piano.

"Senatori eletti e pagati" - "Se i senatori fanno un lavoro, sarebbe una forzatura che non fosse remunerato. Un organismo che funziona bene, senza sprechi e senza privilegi, non costa molto; costa quello che è giusto che costi. Non può essere un Senato local, o municipale, semmai può essere superlocal, per segnare la nostra appartenenza all'Europa - spiega l'architetto, nominato senatore a vita dal presidente Giorgio Napolitano nell'agosto 2013 e assai criticato da Maurizio Gasparri e Forza Italia per la sua scarsa presenza in Aula. E poi una difesa "d'ufficio" dei senatori scelti tra la società civile, che sulla carta dovrebbero sostituire i senatori a vita: "Il Senato è la Camera alta: deve guardare alto e lontano, deve guardare l'orizzonte e come fai a guardare lontano senza la cultura, che è la nostra vera forza? Credo sia utile avere in Senato una ventina di persone che rappresentino in modo serio il nostro Paese da questo punto di vista. Testimoni affidabili dell'Italia per la ricerca, la scuola, l'arte".

La scelta dei senatori - "Questa presenza - conclude Piano - ci vuole, mi sembra importante. E non credo che debba essere il Quirinale a scegliere questi senatori". Come fare? L'idea è quella di "creare rose di candidature tratte dall'Accademia dei Lincei, dai grandi atenei, dalle scuole Normali. In Italia abbiamo luoghi di eccellenza che ci consentono di procedere con certezza senza prendere bidoni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    10 Giugno 2014 - 06:06

    Li pagasse CHI li ha eletti. Con la sua busta paga lo può fare ampiamente. Senza dimenticare che furono eletti per ordine di partito.

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    09 Giugno 2014 - 14:02

    Renzo Piano, grande architetto, ma per il resto fa pietà. Serve solo .... ma a che cazzo serve?????

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    09 Giugno 2014 - 10:10

    Renzo Piano. Una delle tante icone della sinistra (per quale motivo pensate che sia stato nominato Senatore a vita da Napolitano) che teme di vedere sfumare il suo lauto stipendio e soprattutto il suo attuale status elitario. I senatori a vita sono figure anacronistiche. oltre ad annoverare nomi infami come Mario Monti.

    Report

    Rispondi

  • totareo

    09 Giugno 2014 - 10:10

    alla fine serve studiare tanto se il cervello è sempre in ferie.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog