Cerca

Lo scacchiere

Forza Italia, la mappa dei dissidenti che contestano Silvio Berlusconi

Forza Italia, la mappa dei dissidenti che contestano Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi non parteciperà al doppio appuntamento di oggi a Roma (parlamentino ex Pdl e ufficio di presidenza) per evitare che una mera approvazioni di bilancio si possa trasformare in un faccia a faccia con Raffaele Fitto, l'unico finora in Forza Italia a mettere in discussione la leadership del partito. Per il Cav i tempi non sono ancora maturi, né tantomeno ha voglia di dare il via all'inevitabile: la conta interna e il rimescolamento delle carte negli equilibri tra le parti in gioco.

Volti nuovi - Nel 2018 Berlusconi ha tutte le intenzioni di riproporsi alla guida della coalizione del centrodestra. Avrà 82 anni e qualcuno mugugna che sarebbe più opportuno aprire la strada ai più giovani, a facce fresche, come ha rilanciato Libero aprendo il dibattito sul futuro della galassia del centrodestra. Sul tavolo ci sono i risultati delle Europee, le richieste di primarie e una strategia comune sulle alleanze.

La geografia - I più fedeli insistono che per quanto si possa battere i piedi, Silvio Berlusconi rimane l'unico attorno al quale tutto il centrodestra può trovare l'unità che cerca. Lo dice dall'Ncd Nunzia De Girolamo, lo hanno sempre sostenuto i big forzisti etichettati nel "cerchio magico", prevalentemente posizionati al nord come Giovanni Toti, Maristella Gelmini, Michaela Biancofiore, Maria Rosaria Rossi, senza dimenticare la fidanzata Francesca Pascale e Deborah Bergamini, responsabile della comunicazione. Più defilati ma sempre vicini a Berlusconi, scrive affaritaliani.it, ci sono Renato Brunetta e Paolo Romani, che con Toti in particolare non hanno un grande feeling, ma lo ingoiano il rospo pur di non sostenere Fitto e compagni.

Dal meridione - L'opposizione più agguerrita arriva dal centro-sud, con una pattuglia di under 50 al fianco dell'ex governatore della Puglia tra i quali spiccano Renata Polverini, Mara Carfagna e Daniele Capezzone. Chiedono una nuova guida scelta con le primarie, ma la concessione del Cav è stata solo sulla scelta del leader di coalizione, per quanto "Non aver affidato il compito di stilare il regolamento a Denis Verdini ma a Laura Ravetto - ha detto la De Girolamo - significa che le primarie del centrodestra non si faranno mai. Perché è Verdini l'uomo macchine dei numeri e delle regole".

Fattore Denis - Verdini ha maturato un rapporto tutto suo con il vertice di Forza Italia. Pontista tra la riva berlusconiana e quella del partito democratico su Italicum e riforma del Senato, sempre secondo affaritaliani.it, Verdini ha un ruolo tutto suo: sta con Berlusconi, ma si guarda bene dal finire dentro il cerchio magico o sotto il fuoco del fittiani. Come lui la pitonessa Daniela Santanché, battitrice libera, svincolata dalla cerchia dei fedelissimi, ma lontana anche da Carfagna e compagnia. Sempre più marginale il formattatore Alessandro Cattaneo, indebolito dopo aver perso il ballottaggio nella sua Pavia, alla ricerca di un ruolo in chiave alleanza con la Lega. E poi ci sono gli emergenti, come il nuovo sindaco di Perugia, Andrea Romizi, sul quale Berlusconi ha messo gli occhi e lo vede già come il volto nuovo per il futuro di Forza Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raf1943

    12 Giugno 2014 - 11:11

    E' finita l'epoca degli innammoramenti da rotocalco!I moderati vogliono sì facce nuove ma che hanno già dimostrato di saper coltivare vasti territori di elettorato moderato! Romizi,che è più giusto si faccia le ossa come Sindaco di Perugia,qualora Berlusconi gli dovesse affidare la guida di di FI,rischierebbe poi di fare la fine di Cattaneo!Renzi ha iniziato a fare politica coi pantaloni corti!!

    Report

    Rispondi

    • numetutelare

      18 Giugno 2014 - 04:04

      Il fatto é che coi pantaloni corti (nella testa) ci é rimasto. Con ciò bisogna comunque che Berlusconi si decida a passare il testimone ed a restare il padre nobile di F.I. e delle riforme.

      Report

      Rispondi

  • erikus

    11 Giugno 2014 - 08:08

    Siamo alla frutta e probabilmente anche questa sarà marcia! L'articolo parla di fedeli e infedeli, io direi semplicemente che era logico, in un partito normale, che si aprisse un dibattito interno dopo i risultati delle europee. E' logico è che si siano delineate posizione diverse sulla conduzione del partito e sulla sua leadership. Noi moderati aspettiamo poi voteremo!

    Report

    Rispondi

  • raf1943

    10 Giugno 2014 - 11:11

    Berlusconi deve smaltire un brutto vizio!Appena vede avvicinarsi un successore sostenuto anche da un buon consenso interno lo mette in disparte,in tutti i modi,e lancia qualche palloncino variamente ed allegramente colorato che al momento sappia attirare l'attenzione!!E' stato così con Alfano,poi con Fitto,quindi con Cattaneo ed ora con Romizi! A Silvio si supplisce con una squadra nuova e forte!!

    Report

    Rispondi

  • Milko62

    10 Giugno 2014 - 10:10

    La fine di Berlusconi sarà lui stesso. Troppo innamorato di sé per concèdere spazio al pròssimo. Lui non ama veramente nessuno, nemmeno i famigliari, ed è comunque sempre disposto a sacrificare gli altri, per il vano intento di sopravvìversi.

    Report

    Rispondi

blog