Cerca

La benedizione di Renzi

Pd, Matteo Orfini è il nuovopresidente del partito

Matteo Orfini

Il nodo è stato sciolto nella notte. Sarà Matteo Orfini il nuovo presidente dell’assemblea nazionale Pd. L’esponente dei giovani turchi verrà indicato nella riunione appena cominciata all’hotel Ergife di Roma. Dopo le dimissioni di Gianni Cuperlo, a primavera, il ruolo era rimasto vacante e nelle ultime settimane si erano intensificate le trattative per la successione. Tra ieri sera e questa mattina , dopo il suo rientro dalla missione all’estero, Matteo Renzi ha tirato le fila della vicenda e la proposta è stata appunto quella di dare la presidenza a Orfini. «Indico Matteo Orfini a svolgere il compito di guidare il partito, un partito in cui ci si rispetta», ha detto intervenendo all'Ergife. La proposta è stata ratificata dall’assemblea stessa: è lui il nuovo presidente del Pd. Il voto è stato palese, nessuno ha votato contro. Due gli astenuti.

C'è chi dice no - «Nella notte è arrivata l’indicazione via sms per Matteo Orfini presidente. Io mi asterrò. C’è molto imbarazzo per il metodo», ha detto Pippo Civati arrivando all’Assemblea Pd. «Una candidatura del genere - ha spiegato Civati - non può avvenire in notturna consultando solo la maggioranza del partito. Con Cuperlo ieri avevamo pensato comunque ad una persona di garanzia. È evidente che c’è molta tensione, ma da oggi non mi aspetto nulla». Anche Stefano Fassino disapprova: «Orfini è un dirigente di primissima qualità ma non mi sembra risponda ai criteri di un figura superparters», ha detto in Assemblea. 

Il personaggio - Orfini, per quattro anni segretario del Circolo Pd Mazzini del quartiere romano di Prati, è stato stretto collaboratore di Massimo D'Alema all'epoca in cui era membro del Parlamento europeo facendone anche da portavoce. Responsabile delle relazioni istituzionali della Fondazione Italianieuropei e responsabile cultura e informazione nella segreteria nazionale del Partito Democratico di Pierluigi Bersani, ha partecipato alle primarie dei parlamentari nel Lazio, è stato eletto deputato alle elezioni politiche del 2013 e oggi si appresta a prendere la benedizione di Matteo Renzi che appoggerà con la sua relazione la proclamazione a presidente del Pd.

Il retroscena - Ieri sera Gianni Cuperlo, sentendo Renzi e Lorenzo Guerini, aveva indicato il nome di Nicola Zingaretti come candidato unitario sulla presidenza. Di fronte al 'no' del premier, riferiscono alcune stesse fonti del partito, in seno alla minoranza si sarebbe convenuto che l'alternativa migliore sarebbe stato proprio il leader dei Giovani Turchi. Anche lo stesso Orfini, dicono le stesse fonti, avrebbe detto ai renziani che quella del governatore del Lazio era la candidatura piùcondivisa. Ma alla fine Renzi, a quanto si riferisce, ha preferito Orfini a Zingaretti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filder

    14 Giugno 2014 - 19:07

    Anche questo voltagabana con la faccia da pastorello, come gli altri suoi colleghi, che prima ostacolavano Renzi,adesso sono stati promossi,in modo da non mettersi di traverso e probabilmente starsi zitti ed ubbidire al nuovo anche se non amato capobastone

    Report

    Rispondi

  • angelilara7

    14 Giugno 2014 - 15:03

    Certo, Zingaretti è troppo di sinistra per Renzi, il PD non è più un partito di sinistra!

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    14 Giugno 2014 - 12:12

    Sarà, Hanno grandi speranze su Renzi. A me dà sempre più l'impressione dell'avvento del Partito Unico, si sta impadronendo di tutti i posti di potere del paese (comunisti o non per lui fa lo stesso), non morde i magistrati, gli oppositori in galera col plauso dei media. E la destra scompare. Cosa aspettiamo a capire che Stalin era un dilettante al confronto del PCI ?

    Report

    Rispondi

  • kobra12

    14 Giugno 2014 - 12:12

    E' vero che un nome è generazionale, ma qui stanno diventando tutti Mattei

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog