Cerca

Alleanze trasversali

Italicum, Renzi tratta con Grillo ma teme l'accordo tra bersaniani e i 5Stelle

Grillo e Bersani

La proposta di Grillo e Casaleggio di un incontro per trattare sul delicato tema della riforma elettorale è una mossa insidiosa. Né è consapevole Matteo Renzi che, al di là della soddisfazione pubblicamente espressa tramite il vicesegretario Lorenzo Guerini, sta ragionando con i collaboratori e fedelissimi per affrontare la questione senza fare passi falsi. Dietro l'apparente offerta di pace ci sarebbe infatti, secondo il premier, l'idea del leader pentastellato di "tentare di mettere in piedi un'alleanza trasversale in Parlamento favorevole al sistema proporzionale e alle preferenze".

Un sistema questo, rivela il retroscena del Corriere della Sera, che potrebbe attirare anche settori della minoranza del Pd, ovvero i bersaniani. E forse anche la sinistra del Pd che si ritrova nelle posizioni di Pippo Civati che ieri ha lanciato un nuovo appuntamento dall'11 al 13 luglio per a Livorno per "costruire un'area non solo con esponenti del Pd ma anche con i fuoriusciti dei 5Stelle e con la società civile". Poi c'è Alfredo D'Attorre da giorni va dicendo ai compagni di partito che dopo l'ottimo risultato elettorale l'Italicum si possa rivedere in senso più proporzionale, abbassando le soglie e inserendo le preferenze. Cosa su cui Renzi, però non sembra disposto a trattare: "Deve essere maggioritario", ha detto il premier, "perché un punto per il Pd è irrinunciabile: la sera stessa delle elezioni si deve sapere chi governa".

Ovviamente Renzi non può sottrarsi al confronto con Grillo: da una parte, ragiona Maria Teresa Meli, per non farsi accusare di puntare solo sull'inciucio con Berlusconi, dall'altra peché intende usare i grillini per pressare il leader di Forza Italia per dimostrargli che lui ha più fronti a cui potersi rivolgere. Il messaggio sarebbe: "Se continui a cincischiare rischi di restare isolato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lonato47

    16 Giugno 2014 - 19:07

    La paura dei berluscones : che il Cav al tramonto non conti piu' nulla del tutto ?

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    16 Giugno 2014 - 13:01

    Mi sembra strano che Renzi non si sia accorto della trappola in cui rischia d'infilarsi! grillo non ha detto a Renzi: siamo disposti a trattare e parlare della nuova legge elettorale, ha detto "noi abbiamo una legge elettorale, votata dai soliti iscritti al M5S( cioè circa 40 mila persone, una quantità incredibilmente minoritaria) e se tu vuoi condividerla con noi, allora accettala"!!!!!

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    16 Giugno 2014 - 11:11

    Il clown ci ripensa, va alla corte di Renzi. Sino a ieri era l'ebetino, oggi è legittimato, quindi avvicinabile. cosa non ti inventi caro Beppe per stare a galla? Si vede che non ti gira alla grande. Infatti è dalla scorse europee che non insulti, non prendi di mira nessuno...

    Report

    Rispondi

    • peppefreddi

      16 Giugno 2014 - 12:12

      Il comico va e lo frega....

      Report

      Rispondi

      • maxgarbo

        16 Giugno 2014 - 17:05

        ci credo poco, o molla o renzi lo manda a casa... a pedate nel sedere.

        Report

        Rispondi

  • gianni modena

    16 Giugno 2014 - 10:10

    ancora una dimostrazione di inaffidabilita' . ah renazi a me sembri tu quello che cincischia , a parte prendere tutte le poltrone che cosa hai fatto ?? solo tasse e tanti proclami e promesse . gli italiani da un governo vogliono moltodi piu' , ma tu non sembri in grado di dare piu' che promesse . sei pinocchio

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog