Cerca

Giornate-chiave

Riforme e processo Ruby, i dolori di Berlusconi. Le indiscrezioni dal Senato

Riforme e processo Ruby, i dolori di Berlusconi. Le indiscrezioni dal Senato

Venerdì si deciderà il futuro giudiziario di Silvio Berlusconi. A Roma, tra Montecitorio e Palazzo Madama, ne sono convinti molti, soprattutto nel centrodestra. A poche ore dall'apertura del processo d'Appello Ruby a Milano, nei corridoi del Senato si lasciava intendere che quella inchiesta potrebbe pesare come un macigno sul destino delle riforme. Francesco Bei su Repubblica riferisce di un capannello a tre con Augusto Minzolini (Forza Italia), Mario Mauro (ex Pdl) e Guido Viceconte (Ncd): "Venerdì è il giorno clou", assicurava l'ex direttore del Tg1, mentre Mauro sottolineava come il processo Ruby sia "sulle carte, potrebbe durare anche un giorno solo". E l'alfaniano Viceconte cantava già il de profundis del Cavaliere: "Nella migliore delle ipotesi entro luglio lo condannano". 

Riforme a rischio - In queste condizioni, è difficile per il leader di Forza Italia pensare alla riforma del Senato. Certo, in vista c'è sempre l'incontro con Matteo Renzi, ancora da fissare, e la strategia dell'ex premier è chiara. Rilanciare sul presidenzialismo per avere una proposta pesante da mettere sul tavolo. L'elezione diretta del capo dello Stato è cavallo di battaglia antico di Forza Italia prima e Pdl poi. Sono tre le strade a cui sta pensando Berlusconi: l'iter in Senato, in caso di intesa con il Pd, oppure una raccolta firme fuori dal Parlamento e un referendum. Ma accanto alla riforma del Senato e al presidenzialismo, c'è anche l'ItalicumI grillini sono andati in pressing su Renzi, proponendo il loro Democratellum, che smantella il patto del Nazareno di gennaio. Il timore, soprattutto a sinistra, è che il combinato disposto tra amo M5S e guai giudiziari del Cav possa mandare a monte 6 mesi di faticose e dolorose mediazioni parlamentari. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcopcnn

    18 Giugno 2014 - 21:09

    Ma perchè tanto chiasso ? Lo condannano, forse ma si tratterebbe solo del II grado di giudizio e la Cassazione l'assolverà. E se la cassazione dovesse condannarlo c'è sempre la corte di giustizia Europea. Tranquilli Silvio è innocente e trionferà

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      19 Giugno 2014 - 10:10

      la Cassazione non giudica: controlla solo che i processi si siano svolti regolarmente, altrimenti li cassa, li annulla, appunto, e li fa ripetere.. Lo stesso lo fa la Corte Europea, nemmeno quella entra nel merito colpevole od innocente. Detto questo, stiamo sempre aspettando le carte dalla Svizzera e dagli USA: sono come le armi finali di Hitler

      Report

      Rispondi

  • UNGHIANERA

    18 Giugno 2014 - 16:04

    SCORPIONE2-povero deficiente,sai quanti se potessero,adesso,andrebbero a baciare il culo di Gheddafi pur di chiudere la fogna di clandestini che si riversa in Italia?Deficiente,uno di quelli ci costa 70 euro al giorno,senza contare mezzi e uomini impegnati quotidianamente e i danni che faranno appena si liberano.Pensa coglione,tu hai baciato il culo a Esposito,Caio,Tizio,e Sempronio per nulla!

    Report

    Rispondi

  • marks

    18 Giugno 2014 - 15:03

    Berlusconi va sistemato prima della questione Yara Gambirasio e Bossetti .....

    Report

    Rispondi

  • irucangy

    18 Giugno 2014 - 14:02

    Vedo i commenti. La magistratura e' un problema e non parlo del caso berlusconi, ma di un altro caso piu' eclatante, quando fecero fuori la dc ed i socialisti. Tutti li mangiavano, anche i comunisti, come mai questi ultimi non furono mai inquisiti? Ed a craxi che si autodenuncio' in parlamento gli diedero la gogna di non farlo neanche curare in italia e morire all'estero. La magistratura in italia

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      18 Giugno 2014 - 18:06

      il giudice Nordio, dichiarato ed arcinoto simpatizzante di DX, ha investigato fino alla nausea sulla tangente al PCI di allora, dovendo archiviare il tutto perché c'era nulla. A Milano qualcuno dentro è andato, poi assolto. Craxi era un latitante, scappato in Tunisia; se si fosse costituito, avrebbe goduto delle cure che lo Stato Italiano dà a tutti, anche ai galeotti, caro il mio Pisquano

      Report

      Rispondi

      • jack1

        20 Giugno 2014 - 11:11

        ma levati dalle palle con le tue farneticazione, colluso con la mafiastratura ... ti rendi conto , bifolco da 100 lire, che Berlusconi è andato a farsi insultare in una procura dove assolvevano gli assassini per 250.000 euro ..???? Ma quando cazpo vi levate dai cojlioni feccia maledetta...devi sparire ...hai capito??? de vi spa ri re ...ti è chiaro il concetto colluso di merda ?

        Report

        Rispondi

Mostra più commenti