Cerca

Raccolta fondi all'Eur

La destra di Fini riparte col piattino in mano

La destra di Fini riparte col piattino in mano

Già era difficile pensare che dopo le figuracce assommate da presidente della Camera dei deputati e le successive debacle elettorali di Futuro e libertà, Gianfranco Fini avesse il coraggio di tornare a fare politica. Ma pensare che tornasse riproponendosi "di destra" dopo avere di fatto affondato il Pdl e avere a lungo filtrato con la sinistra, sembrava assolutamente impossibile. E invece il trasformismo dei politici, e di alcuni politici in particolare, non sembra finire mai.

Così, l'ex delfino di Giorgio Almirante (del quale si sono ricordati appena qualche giorno fa i 100 anni dalla nascita) ed ex numero uno di Alleanza nazionale si è presentato questa mattina sul palco del palazzo dei Congressi dell'Eur, a Roma, con lo slogan "La tua idea per la destra che non  c’è’". "Partecipa" si chiamava la convention ampiamente pubblicizzata nei giorni scorsi anche attraverso un ridicolo spot in cui Fini appariva come il ct (o l'Oronzo Canà?) di una nuova destra (che abbia portato sfiga agli Azzurri?). All’ingresso spiccavano alcuni grandi scatoloni per la raccolta delle offerte, minimo 10 massimo 200 euro. Perchè è facile far politica coi soldi altrui (di Berlusconi), più difficile quando lo si manda a quel paese e ci si trova a farla coi soldi propri. Prima dell'intervento di Fini musica in sala per riscaldare l'atmosfera, visto che in platea per il grande rientro di Gianfry c'erano appena 500 persone, suppergiù quelli che lo hanno votato alle ultime elezioni (ma . Qualche volto noto del vecchio gruppo finiano (Roberto Menia, Nino Lo Preti, Enzo Raisi, Claudio Barbaro, Giuseppe Consolo, Antonio Bonfiglio). "L’appuntamento è rivolto alla società civile, ai giovani, ai contenuti. Non conta il nome di chi c’è, ma il contributo di idee che viene portato ad un centrodestra che oggi è in crisi", spiegava l’organizzatore Giuseppe Tatarella.

Quando Fini ha preso la parola, non gli sono state, a più riprese, risparmiate contestazioni: come quando ha detto che la destra "è stata colpita e divisa profondamente" ('già, da chi?' devono essersi chiesti in platea). E che "forse ho sbagliato, ma non sono pentito". O quando ha detto che "abbiamo il dovere di guardare avanti, io non recrimino e non accuso nessuno". "Hai distrutto la destra!" gli ha urlato un contestatore. Ma lui ha tirato dritto e ai contestatori ha risposto citando addirittura Il Poeta (Dante): "Non ti curar di loro, ma guarda e passa". Chissà in quale girone dell'Inferno pensa di trovarsi Gianfry.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • enzo1944

    30 Giugno 2014 - 08:08

    Togliti dalle palle,ladrone e faccia di palta! Vergognati INFAME,ma come hai ancora il coraggio di parlare??!!......Vattene via per sempre a montecarlo,ladrone e sporcaccione patentato!!....verme schifoso della politica italiana(ti sei pure venduto al napoletano ed ai magistrati)!.......ma arriverà presto la Giustizia Divina,cui non potrai più contar palle! Buffone!!

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    30 Giugno 2014 - 06:06

    l'unica cosa: spero che in questo stato non gli vengano assegnati soldi pubblici altrimenti ancora una volta questo paese si dimostra cosa sia. A gente simile sarebbe solo da vietare il mondo della politica, di danni ne hanno fatti già tanti e per tanti anni.

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    29 Giugno 2014 - 18:06

    una volta ai comizi su piazze di provincia avrebbe ricevuto intere ceste di uova e fruta marce. adesso siamo tutti smidollati e ci vendichiamo con l'indifferenza. disertando convegni e congressi di partito. un movimento neonato che sta suscitando interesse e consensi crescenti è il PARTITO ITALIA NUOVA.. (P.I.N.)

    Report

    Rispondi

  • tiumario

    29 Giugno 2014 - 17:05

    mi auguro che il piatto sia almeno bollente direi talmente rosso che una volta appoggiato sopra la cavezza le cuocia quel poco di cervello rimasto. vai a ramengo tu e chi ti mette le scarpe la mattina CORNUTO

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog