Cerca

La mossa

Riforme, minoranza Pd: "Va ridotto il numero dei deputati"

Riforme, minoranza Pd: "Va ridotto il numero dei deputati"

"Non solo i senatori, dobbiamo tagliare anche i deputati". La fonda dem che vuole impedire il processo di riforme istituzionali avviato da Renzi e Berlusconi ha trovato un altro cavallo di battaglia in Montecitorio. Lunedì pomeriggio in commissione Affari Costituzionali parte la prima votazione per la riforma del Senato. Proprio in quella occasione il la minoranza Pd proverà a sganciare una "bomba atomica" (così la chiamano i ribelli dem) sulle riforme. Si tratta dell’emendamento 1.011 - firmato da Doris Lo Moro, Miguel Gotor, Francesco Russo, Maurizio Migliavacca, Giorgio Pagliari e altri 22 colleghi del Pd - che propone la modifica dell’articolo 56 della Costituzione per ridurre i deputati da 630 a 500 (più 8 eletti all’estero). Il governo ha già monitorato il pericolo e probabilmente, visto che l’emendamento Lo Moro potrebbe essere messo in votazione già lunedì pomeriggio, si accinge a chiederne l’accantonamento. Sperando poi che nella riunione del Pd di martedì nessuno intenda mettere ai voti il tema riduzione del numero dei parlamentari. Lo sgambetto alle riforme preparato dai "27 di aria riformista", la'ala dissidente del Pd crea comunque una certa agitazione nel governo e nella maggioranza.

La "bomba atomica" - La mossa, quella di ridurre il numero dei parlamentari è molto delicata. Innanzitutto è una sorta di vendetta dei senatori sui colleghi deputati, ma anche un'altra chiave di lettura. Il bilanciamento dei numeri tra Camera e Senato, infatti,è determinate per equilibrare i giochi sul plenum in seduta comune del Parlamento che elegge il capo dello Stato. Gotor , Migliavacca e la stessa capogruppo Lo Moro hanno le idee chiare: a un solo partito, infatti, basterebbe vincere il premio di maggioranza alla Camera e controllare il 33% del Senato per eleggere da solo il presidente della Repubblica. "Poi c’è anche la variante russa - insiste da giorni Gotor - col premier che si fa eleggere capo dello Stato dalla Camera, che controlla grazie al premio di maggioranza, e dal mini Senato". Insomma la settimana che sta per aprirsi sarà un calvari per Pd, governo e maggioranza. Le riforme sono in bilico e ora Renzi trema...

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • willyroger

    01 Luglio 2014 - 07:07

    questa gentaglia non vuol mollare il piatto dolce della politica nè i cittadini sono capaci di non votarli e sti ladroni continuano a fregarci vita natural durante, svegliatevi lo dico ai giovani che non si interessano di politica, il loro avvenire è a rischio nelle mani di questi ladroni che non vogliono mollare le poltrone

    Report

    Rispondi

  • caligola1

    29 Giugno 2014 - 17:05

    sono i soliti che non lasciano mai fare niente,vediamo cosa fà il toscano!

    Report

    Rispondi

  • Pierome

    29 Giugno 2014 - 17:05

    Mi sembra che 500 siano troppi e dovrebbero fare una legge per ridurre del 50% sia i deputati che i Senatori che in ogni caso andrebbero sempre e comunque eletti dal Popolo sovrano e non nominati non si sa come e da chi!

    Report

    Rispondi

  • p.cardinali

    29 Giugno 2014 - 17:05

    CI VUOLE UN DUCE!!! Basta con questa finta democrazia che privilegia i soliti noti(massoni)!!

    Report

    Rispondi

blog