Cerca

Semestre italiano

Il discorso programmatico di Renzi sul semestre europeo

Il discorso programmatico di Renzi sul semestre europeo

Parlerà in italiano, come accade da sempre. Matteo Renzi parlerà in Europa traccerà le linee guida del semestre di turno di presidenza italiana della Ue. Dirà quale è il programma su cui il nostro Paese si impegna, quello che porterà avanti in base a quanto già approvato dal Consiglio europeo. Comincerà a parlare alle 15 davanti ci saranno anche il ministro degli Esteri Federica Mogherini e il sottosegretario alla Presidenza Graziano Delrio a un Parlamento di euroscettici che considera il nostro un Paese pieno di debiti e troppo inaffidabile dal punto di vista della stabilità politica (tre governi in tre anni: Monti, Letta, Renzi). Il suo discorso non potrà essere nello stile renziano una narrazione ma piuttosto un'agenda in cui indichi obiettivi e priorità. Stando alle prime indiscrezioni il premier dovrebbe parlare di crescita e occupazione attraverso piani e investimenti e forse, anche dopo i recenti fatti di cronaca, di immigrati. 

Valori - "Se l’Europa accetterà di dare un futuro alle proprie ambizioni, sarà bello sfidare l’avvenire insieme". Stando a quanto si apprende, il premier Matteo Renzi avrebbe inserito questo passaggio nel discorso che terrà oggi al parlamento Europeo.  Nell’intervento, si apprende ancora, Renzi ha previsto anche una digressione sulla città di Firenze. Ci sarà dunque anche una ampia citazione per Firenze: anche in passato, Renzi, citando la sua esperienza di primo cittadino del capoluogo toscano, aveva ricordato la dolcezza e la bellezza dell’arte fiorentina, l’impegno dei mecenati. Renzi ha lavorato per buona parte della giornata di ieri a limare il discorso, straordinariamente scritto e non a braccio, con il quale si presenterà tra qualche ora  alla sessione plenaria del parlamento europeo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocambole

    02 Luglio 2014 - 15:03

    "Portiamo il peso di una storia straordinaria". Robe da chiodi. Ma crede Renzi che in Europa non sappiano chi è lui e di quale partito sia segratario? Crede che non conoscano le origini del suo bel partito che è l'erede spirituale del demenziale Partito Comunista Italiano? Crede veramente che in quel Consesso gli astanti abbiano l'anello al naso e la sveglia al collo? Ma non faccia ridere i pol

    Report

    Rispondi

  • filder

    02 Luglio 2014 - 15:03

    Un discorso da Quaqquaraccuà: Pensa ad abbuffarsi a spese nostre e farsi bello: basta vederlo come si muove e come gesticola, il Latinlower nostrano, gli manca solo il garofalo all occhiello ed il sigaro in bocca.

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    02 Luglio 2014 - 14:02

    Parole, parole, parole.........ecc.........ecc........ecc.........ecc........ecc........ecc..........ecc.........ecc........ecc.........

    Report

    Rispondi

  • 55555

    55555

    02 Luglio 2014 - 12:12

    Renzi ha di fronte un compito non certo facile. Le condizioni attuali, tuttavia sono irripetibili. L'aiuto offerto da Berlusconi rappresenta la possibile carta vincente che non aveva mai avuto il cavaliere. Nella palude che è ormai ridotto il pelpaese speriamo tutti che riesca, e prevalga.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog