Cerca

Premier anti-tedesco

Matteo Renzi da Strasburgo a Porta a porta: "In Europa basta lezioncine, non abbiamo il cappello in mano"

Matteo Renzi da Strasburgo a Porta a porta: "In Europa basta lezioncine, non abbiamo il cappello in mano"

"Non siamo l'ultima ruota del carro, è finito il tempo delle lezioncine". Matteo Renzi mette "i puntini sulle i" e lo fa da Bruno Vespa, nella puntata speciale di Porta a porta per partecipare alla quale è volato via in fretta e furia da Strasburgo, subito dopo aver aperto ufficialmente il semestre di presidenza italiana del Consiglio Ue. Un discorso che ha avuto una coda polemica nella replica del premier italiano, che se l'è presa direttamente con chi, tra gli europarlamentari tedeschi, ha ribadito il proprio no a qualsiasi forma di "flessibilità" sui conti di Roma. "Ho trovato - spiega Renzi da Vespa - un clima di collaborazione da parte di tutti, anche dei neoeletti dei Cinque Stelle. Noi finora abbiamo pensato che Bruxelles fosse il buon retiro di chi ha finito la carriera. Non è così, ma dobbiamo farci sentire, imparare a fare quello che fanno tutti".

 


Replica ai tedeschi - "Noi non sforiamo niente ma non accettiamo le lezioncine. Non possiamo andare in Europa con il cappello in mano". Tornato in Italia, Renzi tira fuori la grinta un po' mancata a Strasburgo, soprattutto nel suo primo intervento. "Io ho paura dei pregiudizi, non tanto dei giudizi. Oggi mi dicevano: Sì, ma l’Italia ha i debiti... Ma noi le riforme le stiamo facendo". Ufficialmente, è ancora aperta la partita sul nome di Jean-Claude Junker alla presidenza della Commissione europea. "Non credo sarà rimesso tutto in discussione, ma l’idea che andiamo in Europa a farci fare lezioncine anche basta", avvisa il premier italiano al Tg1, prima di intervenire da Vespa. Chissà se Angela Merkel rimarrà impressionata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • enricorivo

    03 Luglio 2014 - 13:01

    Troppi imbecilli parlano di comunismo o di comunisti, appllicando i termini a qualsiasi cosa a sproposito. Purtroppo la società italiana è pervasa da chi con l'ideologia di sinistra ha ottenuto posti, soldi e riconoscimenti immeritati. MA BASTA CON QUEI COGLIONI CHE PARLANO DI COMUNISMO E POI HANNO VOTATO IL MIGLIOR AMICO DEI COMUNISTI

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    03 Luglio 2014 - 09:09

    Si l'unico che ha parlato così ma sono solo parole .... parole ... parole e noi pagheremo tasse su tasse perché una cosa è dire ed un altra .... è fare. Questo "Pinocchio" sa solo tassare altro non si vede in quell'oscuro tunnel della ripresa. Fra un pò, tra i pensionati che preferiscono Tenerife ed i giovani che se ne vanno all'estero a lavorare chi rimarrà qui a foraggiare la politica ?

    Report

    Rispondi

  • sandoz

    03 Luglio 2014 - 08:08

    Non credo a questo qui. Per me è solo il ruggito del coniglio.

    Report

    Rispondi

  • 03 Luglio 2014 - 06:06

    Ha ragione, la riedizione (taroccata comunista) del Magnifico Lorenzo della signoria del contado Fiorentino del PD (comunista), che proclama: " In Europa basta andare con il cappello in mano"??? Meglio andare con i pantaloni abbassati!!! Cos'i si risparmiano tempo nell'INCHIAPPETTAMENTO!!! DOVUTOCI!!! come SCHIAVI PAGATORI, perché in Europa non hanno tempo da perdere con INVERTEBRATI COMUNISTI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog