Cerca

Trame tedesche

Strasburgo, il sospetto: c'è Angela Merkel dietro il "kapò" Weber. Matteo Renzi si vendica su Juncker

Strasburgo, il sospetto: c'è Angela Merkel dietro il "kapò" Weber. Matteo Renzi si vendica su Juncker

L'hanno già chiamato "il kapò di Renzi". Manfred Weber, 42enne bavarese capogruppo del Ppe, è stato l'uomo del giorno a Strasburgo. Il suo attacco frontale al premier italiano su regole, rigore e flessibilità ha fatto arrabbiare non poco gli eurodeputati del Pd, del Pse, lo stesso Matteo Renzi (piccata la sua replica sulla "Germania che le regole le ha violate, proprio in questa aula") e pure molti rappresentanti di Forza Italia, solidali con la causa nazionale. Una critica talmente diretta da far sospettare (eufemismo) che dietro le parole del rappresentante della Csu, alleata a Berlino con la Cdu, ci sia proprio lei, Angela Merkel.

Ppe compatto (a parte Forza Italia) - La cancelliera tedesca, gli scorsi giorni, aveva aperto a Renzi sul tema della flessibilità, prospettando qualche deroga al tetto del 3% in cambio di riforme certe e incisive. Lo stesso documento programmatico elaborato da Van Rompuy rappresenta, ad oggi, il punto d'incontro tra Ppe e Pse. E a queste basi Renzi, i dem e il Pse tutto ancorano la convergenza sul popolare Juncker alla presidenza della Commissione Ue. Un compromesso che, il giorno dopo l'inizio del semestre italiano, è già a rischio. L'interrogativo che molti si sono fatti, mercoledì nei corridoio di Strasburgo, è questo: davvero Weber può aver parlato a titolo personale? Possibile che l'affondo su Renzi sia arrivato senza il consenso di Berlino? "La frazione del Ppe ha deciso i contenuti dopo un attento esame delle linee politiche da prendere - ha spiegato lo stesso Weber a Repubblica -. E nella discussione sul Patto di stabilità la nostra linea, sostenuta anche da greci, spagnoli, irlandesi e portoghesi, è quella che ho espresso in aula". Weber non cita gli italiani del Ppe, che infatti avrebbero espresso la loro solidarietà a Renzi. Pur critici con il discorso lacunoso del premier, gli azzurri fanno fronte comune con gli interessi dell'Italia. Lo stesso Raffaele Fitto rilancia l'idea che Weber "parli a nome di Berlino", mentre Giovanni Toti si è prodigato in baci e abbracci all'ex sindaco di Firenze, subito dopo l'intervento. 




Juncker, doppio gioco e ricatti
- Davanti all'attacco del capogruppo popolare, Renzi ha prima reagito sprezzantemente. Quindi, sul volo che lo ha riportato a Roma giusto in tempo per la sua apparizione a Porta a porta (con tanto di conferenza stampa europea snobbata), ha rincarato la dose. "Per me conta solo quello che mi ha detto la Merkel faccia a faccia, con lei e Juncker siamo d'accordo. Pacta sunt servanda". Insomma, al di là dei riferimenti ammiccanti alla "Generazione di Telemaco" e alla "Smart Europe", l'obiettivo di Renzi è chiaro: cambiare verso alle politiche rigoriste, puntare tutto sulla crescita. Che ci riesca, è altro discorso. Il fronte del Ppe, per ora, esclusi gli italiani sembra granitico. E l'idea che la Merkel giochi su due tavoli, dando assicurazioni per incassare la nomina di Juncker e poi dire nein a ogni ipotesi di flessibilità, oggi non sembra così irreale.

Cosa rischia Renzi - La renziana Simona Bonafè, al riguardo, è chiara: "C'è un accordo su Juncker legato al programma che dice flessibilità. Niente programma, niente Juncker. E l'ex ministro prodiano Paolo De Castro aggiunge: "E' possibile che Weber abbia fatto quella sparata per tranquillizzare l'elettorato tedesco. Ma il 16 luglio, quando Juncker verrà qui a farsi votare, vogliamo risposte chiare. Accettano di scorporare i cofinanziamenti dal calcolo del deficit? Sì o no. Gli investimenti su scuola e infrastrutture sono fuori dal patto di stabilità? Sì o no. Altrimenti si ridiscute tutto". Renzi ha parlato di speranza e coraggio: forse anche il suo "ricatto" sulla Commissione fa parte di questa strategia, perché senza quei soldi europei a saltare sarà la sua poltrona di Palazzo Chigi, insieme alla sua credibilità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Armageddon1

    06 Luglio 2014 - 08:08

    Iniziamo a non comperare piu niente di tedesco. Dalle auto alla spesa alla Lidl. Io lo faccio da anni. Peraltro ricordatevi quando noi avevamo la 128, i tedeschi per puro nazionalismo continuavano a viaggiare col aggiolino vw a dir poco obsoleto...

    Report

    Rispondi

  • filder

    04 Luglio 2014 - 11:11

    Sarà una messa in scena come tutte le altre,il PD con in primis la grande ministra miss Mogherini, stanno già minimizzando le accuse e le minaccie, sono diventate dalla sera alla mattina, tema di discutere fra alleati: dopodiché quello che adesso rimane è che gli Italiani saranno ancora una volta messi a cuccia dai Krukki e la faccia del presidente della Bundesbank rimarrà quella del Pirla.

    Report

    Rispondi

  • cantagallo

    03 Luglio 2014 - 20:08

    Mi unisco a tutti coloro che auspicano una sterzata al mercato interno. Basta macchine,elettrodomestici e attrezzature tedesche se vogliamo bene all'Italia dobbiamo cominciare a consumare italiano. Chi dice che il prodotto italiano non va bene dice una bugia e produce solo danni.

    Report

    Rispondi

    • Armageddon1

      06 Luglio 2014 - 08:08

      Ok al 300%. I prodotti tedeschi sono migliori, ma spero in un futuro per mia figlia spero nella ripresa economica e cerco di dare una mano. Io compro italiano, dagli alimentari alla tecnologia quando possibile. Viva l'Italia!!

      Report

      Rispondi

  • Happy1937

    03 Luglio 2014 - 17:05

    Uno dei nostri guai è che la FIAT non sa fare fare le macchine. Se ci fosse stato un Ghidella, l'unico che se ne intendeva, Frau Merkel le sue vetture se le sarebbe potute friggere ed ora se la caverebbe un po' peggio. Per l'incapacità di FIAT, con tutti i soldi che ci è costata, siamo purtroppo il secondo mercato per l'industria automobilistica tedesca.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog