Cerca

Tra Camera e Senato

Riforme, Senato e legge elettorale: i numeri che spaventano Matteo Renzi e Maria Elena Boschi

Riforme, Senato e legge elettorale: i numeri che spaventano Matteo Renzi e Maria Elena Boschi

Il conto alla rovescia verso la prova dell’Aula è cominciato: a metà settimana il disegno di legge sulla riforma del Senato e del titolo V della Costituzione potrebbe lasciare la commissione Affari costituzionali e approdare in assemblea. «La riforma è alla portata, ci sono le condizioni per farla», professa ottimismo Debora Serracchiani, vicesegretario del Pd. In realtà la fronda in Pd e Forza Italia sul Senato elettivo mette a rischio l’approvazione della riforma. Almeno per centrare l’obiettivo dei due terzi di voti favorevoli, che consentirebbe di evitare il referendum confermativo. Ancora maggiori i rischi sull’Italicum, dove i dissidenti su liste bloccate e soglie di sbarramento sono di più (in primis in Pd, FI e Ncd).



 

 

«Matteo Renzi rischia di più sulla riforma del Senato. Perché è quella su cui si vota per prima. E se non dovesse passare, anche l’Italicum andrebbe in archivio», osserva un senatore che sta seguendo da vicino la gestazione delle due riforme. A Palazzo Chigi è già tempo di pallottoliere. Sulla fine del bicameralismo perfetto, sono due le soglie da tenere in considerazione: quella sulla maggioranza assoluta dell’Aula di Palazzo Madama (161 voti) e quella dei due terzi per scongiurare il referendum (214).

Il governo è sicuro di avere dalla sua parte almeno 151 voti: i 24 lealisti di Forza Italia, sempre che la fronda guidata da Augusto Minzolini sia effettivamente in grado di calamitare il dissenso dei restanti 35; i 15 senatori della Lega, i 7 di Scelta civica, i 93 democratici fedeli all’esecutivo e i 12 autonomisti. Giocoforza più sfumata, dopo le fibrillazioni delle ultime ore sull’Italicum, la posizione dei 33 senatori del Ncd, mentre sugli 11 senatori del Gal, gli autonomisti di centrodestra, pochi si sentono di fare previsioni. E se a Renzi basterà riassorbire il malumore degli alfaniani per blindare la riforma del Senato, è destinato a rimanere in salita il cammino per raggiungere la soglia dei due terzi. Un obiettivo che potrà essere centrato solo ancorando alla maggioranza non solo i senatori del Gal, ma anche i Popolari (ultimamente in fibrillazione) oppure riducendo il dissenso di Forza Italia.

Più complicato il quadro sull’Italicum, il cui esame da parte di Palazzo Madama, nonostante le promesse del governo, è destinato a slittare a dopo l’estate. Molto dipenderà da cosa accadrà sul voto per la riforma del Senato, ma alcuni punti fermi ci sono già. A partire dalla dichiarata ostilità al provvedimento da parte di quaranta dissidenti Pd, nonché di Lega, M5s, Popolari e Sel, cui da poco si sono aggiunti i 33 senatori del Ncd. Sull’Italicum, Renzi può contare sul consenso sicuro di 69 Pd, 12 autonomisti e 7 montiani. A loro, è lecito aggiungere almeno 35 senatori dei gruppi FI-Gal. Il totale fa 123: 38 voti in meno della maggioranza assoluta. Per Renzi, la strada più agevole per tagliare il traguardo passa per il recupero di Ncd e ribelli di FI. Ma il probabile utilizzo del voto segreto promette di complicare i piani.

di Tommaso Montesano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gios78

    06 Luglio 2014 - 22:10

    Una riforma in senso monocameralista avrebbe avuto senso solo con la totale e definitiva abolizione del senato. Lasciarlo in vita,pur coi dovuti distinguo, non può che rendere vana la riforma laddove lo scopo avrebbe dovuto essere lo snellimento e la celerità delle procedure legislative. Berlusconi e Renzi avrebbero dovuto spendere le loro energie per tagliare le tasse. Sarebbe stato meglio.

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    06 Luglio 2014 - 19:07

    Quella del senato di Renzi è una riforma inutile. Non sarebbe abolito come dovrebbe ma solo trasformato in un organo che pur non avendo le stesse competenze dell'attuale, riuscirebbe comunque a rallentare l'attività legislativa. I futuri neo senatori si riprenderebbero, pian piano, tutte le prerogative e i privilegi di cui godono oggi e lo spirito della riforma verrebbe inevitabilmente tradito.

    Report

    Rispondi

  • buonarotti

    06 Luglio 2014 - 18:06

    ditelo a Matteo O.Wilde. In un'europa in piena decadenza e la comparsa di schiere di movimenti ostili,L politica esprime un autoritratto di miserie miserabili , è un ritratto di D. GRay Renzi . Non siamo nel periodo vittoriano e tutto nonpuò essere giustifica purché sia contro B. Ditelo anche al pansa pensiero se renzi sfregia il ritrarro di B. invecchierà e perirà come D.Gray. Le carte da gi

    Report

    Rispondi

blog