Cerca

Il vertice

Riforme, Renzi a Grillo: "Incontriamoci per discutere"

Riforme, Renzi a Grillo: "Incontriamoci per discutere"

Matteo Renzi vuole trattare con i grillini. "Siamo d'accordo nell'incontrarci di nuovo e vi diamo la disponibilità per le giornate di giovedì o venerdì. Va bene presso la Camera, va bene in streaming, fateci sapere". Così il premier insieme ai vertici Pd risponde all'"ultimatum" di ieri del M5S sulle riforme con un'altra lettera, punto per punto, definendo "molto interessanti" le risposte ricevute qualche giorno fa.

L'incontro - L'apertura verso il Movimento Cinque Stelle va comunque misurata con la road map delle riforme che ha tempi ben definiti e che comunque è basata sul patto del Nazareno tra Silvio Berlusconi e il premier. "La legge elettorale per noi va approvata il prima possibile", puntualizza innanzitutto il premier nella missiva. "Dunque, ragionevolmente, prima dell'entrata in vigore della riforma costituzionale. Dovendo azzardare dei tempi potremmo dire che entro il 2014 si approva definitivamente la legge elettorale. Mentre l'approvazione definitiva della riforma costituzionale deve avvenire nel 2015 "per poi procedere all'eventuale referendum". Insomma Renzi vuole chiudere la partita in pochi mesi. E di certo non sarà Grillo a bloccare l'intesa tra il Cav e Matteo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • numetutelare

    16 Luglio 2014 - 08:08

    Ma per piacere, il gatto e la volpe che credono di farci fessi... Tanto a Settembre i conti dovranno tornare e vedremo chi ha raccontato panzane...

    Report

    Rispondi

  • ubik

    15 Luglio 2014 - 13:01

    ahahahahahah

    Report

    Rispondi

  • ubik

    15 Luglio 2014 - 13:01

    brunetta minaccia restate tutti a casa :DE

    Report

    Rispondi

  • arwen

    15 Luglio 2014 - 13:01

    Tradire Silvio?!? Ma che state dicendo. Il figlioccio è legatissimo al padrino del quale condivide idee, progetti e aspirazioni. Questa è solo una messa in scena, peraltro pietosa, per dimostrare che il PD è la patria dei veri democratici, mentre Grillo e co sono dei " fascisti". E pensare che Matteo sferzava il PD che "governava" in sodalizio con B. Chiacchiere, nello stile di Matteo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog