Cerca

L'ex Responsabile

Forza Italia, Domenico Scilipoti: "Non voterò la riforma del Senato, a meno che..."

Domenico Scilipoti

Quando la barca naviga in cattive acqua, il primo a scappare è sempre Domenico Scilipoti. Che il clima in Forza Italia, soprattutto dopo il turbolento vertice della vigilia, fosse molto teso non è certo un mistero. Il partito è spaccato sull'appoggio alle riforme di Renzi, a quel patto del Nazareno che Sivlio Berlusconi vuole rispettare. E tra i dissidenti ecco spuntare Mimmo. Le voci sul suo svicolare dalla linea imposta dal leader si rincorrono da settimane, ma ora vengono a galla, senza indugi, confermate da lui in persona. "Mi sembra che sia il 14 dicembre del 2010 - afferma, ricordando l'imboscata di Gianfranco Fini al Cav, il voto di fiducia per il quale mollò l'Idv per sostenere il governo -. Allora ho preso una decisione molto forte...".

Questione di scranno - Dal salone Garibaldi di Palazzo Madama, dove continua il dibattito sulle riforme istituzionali, l'ex Responsabile continua: "Speravo di non trovarmi più in quella situazione e invece...potremmo essere chiamati a scelte che non sono in linea con quello che pensa la maggioranza. Bisogna fare quello che ci dice la coscienza nell'interesse del Paese e questa riforma così non è accettabile". Insomma, il senatore Scilipoti non vuole perdere lo scranno, e annuncia urbi et orbi il suo nuovo "tradimento": la riforma del Senato, lui, non la voterà. Nonostante i diktat di Berlusconi e nonostante quel futuro "sulla croce" che si è auto-profetizzato. Mimmo poi si giustifica aggiungendo che "gli emendamenti approvati in Commissione hanno stravolto il testo. Questa riforma - chiosa solenne - è un mostro".

Il delirio mistico - Scilipoti prosegue poi nella sua intemerata tirando in ballo addirittura il "sacro". Sottolinea che "le riforme vanno fatte con la testa e con criteri", per poi ribadire che ogni parlamentare deve rispondere alla propria coscienza: d'altronde "anche il Papa ci ha richiamato a fare l'interesse del Paese". Insomma, il tradimento a Berlusconi nel nome del Pontefice. Lascia solo uno spiraglio, Scilipoti: "Se voterò la riforma? Se ci saranno delle modifiche", risponde il senatore che, da par suo, ha presentato circa 60 emendamenti. "Berlusconi - conclude - ha detto che le riforme vanno fatte e gli impegni mantenuti, non ha detto che se ci sono cose che vanno contro il Paese vanno votate".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • elea6001

    17 Luglio 2014 - 10:10

    quando una persona è responsabile la gente maligna gli dà addosso. Che mondo di ipocriti.

    Report

    Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    16 Luglio 2014 - 19:07

    Quando si comincia a tradire non la si finisce più !

    Report

    Rispondi

  • pinodipino

    16 Luglio 2014 - 15:03

    Scilipoti, uomo di niente, proprio tu ci parli di rispondere alla propria coscienza, tu che non c'è l'hai mai avuta! Tu non hai più, fortunatamente, un futuro politico e come te tutti i peones che si trovano in Parlamento perché c'è li hanno messi e non certamente perché hanno i voti per essere eletti, fatevene una ragione e cercatevi un lavoro se ne siete capaci. LA PACCHIA E' FINITA!!!

    Report

    Rispondi

blog