Cerca

Mappa di partito

Forza Italia, le tre anime: i fedelissimi, i critici e i dissidenti, tutti i nomi azzurri

Forza Italia, le tre anime: i fedelissimi, i critici e i dissidenti, tutti i nomi azzurri

Dentro Forza Italia ci sono tre partiti, e non c'entra solo la questione-riforme. Riassumendo: i fedelissimi di Silvio Berlusconi, i "critici" e i "dissidenti". La prima anima è quella che si riconosce nel cerchio magico, diventato oggi più "trattativista": Denis Verdini, Paolo Romani, Giovanni Toti, Mariastella Gelmini. Tutti coloro, cioè, che cercano di tenere viva il patto del Nazareno con Matteo Renzi per portare a casa la riforma della legge elettorale e quella del Senato, "non le migliori possibili ma quelle possibili, perché siamo all'opposizione", come ha ricordato il Cavaliere. 

I "critici" sulle riforme - Ad un ruolo subalterno rispetto a quello del premier dicono no in molti. Nel merito delle riforme i più duri sono Augusto Minzolini, Bonfrisco e D'Anna (il "nemico della Pascale" con cui se l'è presa Berlusconi), preoccupati per l'abbraccio mortale di Renzi e per un possibile doppio sgambetto a Forza Italia: riforme inaccettabili o, addirittura, fatte con il Movimento 5 Stelle scavalcando gli azzurri. E poi c'è Renato Brunetta, investito dal Cav del ruolo ufficiale di "rompicoglioni": dovrà cioè "pungolare" e "stuzzicare" Renzi ogni giorno. Incarico che con il suo Mattinale l'ex ministro già esegue con puntualità svizzera.

I "dissidenti" dentro Forza Italia - Le ragioni di questo gruppo (una decina tra senatori e deputati, non di più, assicura Verdini) in parte combaciano con quelle dei veri e propri dissidenti o "ribelli". Il cui attacco a Berlusconi è, se possibile, più profondo e riguarda la gestione stessa di Forza Italia, che vorrebbero più collegiale o comunque con un cambio al vertice. L'ex governatore pugliese Raffaele Fitto, oggi europarlamentare, è il capo riconosciuto della "fronda" e con lui ci sono Renata Polverini, Daniele Capezzone, Saverio Romano. Sulle riforme e, in generale, sulla linea del partito assicurano che "se lo condanno nel processo Ruby, sarà lo stesso Berlusconi a cambiare idea e a seguirci". Si tratta di aspettare qualche ora, perché il giorno decisivo è domani, venerdì 18 luglio. Anche se tra Arcore e San Lorenzo in Lucina, con altrettanta sicurezza, spiegano che non ci saranno passi indietro, comunque vada. A costo di rompere con i ribelli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    18 Luglio 2014 - 10:10

    fitto, un nome che conta ahahahaha

    Report

    Rispondi

  • alfa553

    17 Luglio 2014 - 17:05

    Chissa che domano non ci sia un suicidio.......lo spero.

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    17 Luglio 2014 - 15:03

    ma quali 3 partiti o 3 anime!! qui il partito è uno solo SILVIO. gli altri sono solo servi, solo LUI è il padrone di tutto, e infatti li manda a ca.. cioè li licenzia

    Report

    Rispondi

  • ninosiciliano13

    17 Luglio 2014 - 12:12

    Ma e' possibile non capire che il capitano di una squadra puo' tranquillamente decadere , senza traumi,per motivi ovvii come l'eta', l'inefficienza,la credibilita' ? Credo che Berlusconi abbia raggiunto almeno due dei traguardi. Come Bartali,Coppi,Totti,e altri,anche in altri campi,Berlusconi si faccia da parte e la stampa che a Lui fa rifermento Lo aiuti a fare questo passo oramai indifferibile,

    Report

    Rispondi

    • Pinkalikoi

      17 Luglio 2014 - 13:01

      @ninosiciliano Vero ciò che lei dice, ma Berlusconi non è il capitano di una squadra, è il proprietario: suoi sono i soldi che tengono in piedi F.I., e se anche rinunciasse ai capitali investiti (cosa poco probabile), la nuova dirigenza dovrebbe garantire di tasca propria il passivo che Forza Italia va accumulando di giorno in giorno. Suggerisca lei il nome di qualcuno dal portafoglio così largo

      Report

      Rispondi

blog